La Repubblica Dominicana: mare e cultura nel cuore dei caraibi

di Giuseppe Venuti Acque color cobalto che accarezzano il bianco abbagliante delle spiagge, cielo turchese illuminato dal caldo sole tropicale, affascinanti vestigia storic

See more details
L'altra Polinesia: Isola di Pasqua

di Giuseppe Venuti   L'Isola di Pasqua, conosciuta anche come Rapa Nui, con una lunghezza massima di 24 chilometri e una larghezza massima di 13 chilometri, si pr

See more details
Sun Island : il fascino delle Maldive low cost

Di Giovanna Fidone  Chi almeno una volta nella vita non ha sognato una vacanza da favola nelle leggendarie Maldive? Mare cristallino, spiagge di borotalco e la solit

See more details
Las Vegas e le sue meraviglie

  di Patrizia Simeone La visita della città di Las Vegas è risultata un’esperienza davvero molto piacevole, è stato  quasi come salire su una giostra in movim

See more details
Mosca: la grandezza di una Capitale

Testo e foto di Patrizia Simeone Fare la conoscenza della città di Mosca e di alcuni gioielli dell’Anello d’Oro è stata un’esperienza davvero particolare, soprattut

See more details
Racconti di viaggio: imperdibile Persia

di Patrizia Simeone Un viaggio in Iran. Perché? Non ho scelto io questo paese ma è stato lui a scegliermi e mi sono lasciata trasportare. In questo viaggio ho portato costa

See more details
Australia: Il Queensland che non ti aspetti

di Alberto Cortinovis ph: Steven JohnsonGià dalla metà del XX secolo l’Australia rappresenta una delle mete più ambite dai viaggiatori. L’aspetto naturalistico risult

See more details
Marocco, le nuove spiagge del lusso

Di Elisabetta Longhi ph: Marco Riss, Mikael Parkvall, Florence Devouard, Daniel*DA poche ore di volo dalle principali capitali europee, circondato dal mar Mediterraneo e da

See more details
Slovenia: le terme più low cost d'Europa

di Elisabetta Longhi La scelta di un soggiorno in Slovenia incentrato sul benessere che solo sorgenti termali naturali con caratteristiche uniche al mondo ed immerse in paesa

See more details
Fuerteventura: spiagge caraibiche a cinque ore di volo

di Giovanna FidoneSpiagge bianche, mare cristallino, onde mozzafiato e tramonti spettacolari: benvenuti a Fuerteventura!Fuerteventura, è un'isola subtropicale delle Canarie (

See more details
Con il Postale dei fiordi oltre il Circolo Polare

Una nave leggendaria e una rotta storica che porta oltre il Circolo Polare Artico: ecco i due ingredienti che rendono speciale un viaggio a bordo del Postale dei fiordi, in

See more details
Tahiti: un paradiso terrestre nel cuore dell’Oceano Pacifico

di Laura Landi - ph. © GIE TAHITI TOURISME Lucien P Già nel 1771 il capitano inglese James Cook poté tornare in patria dal primo suo lungo viaggio in nave raccontando de

See more details
Il Gippsland: natura e relax in Australia

La regione del Gippsland offre svariate esperienze: dal soggiornare in una villa con vista sul lago a Lakes Entrance, all’osservare i wallaby a Gipsy Point… fino a fare

See more details
Sleddog per bambini a due passi da Cortina d’Ampezzo - di Elisabetta Longhi

ph: Steve JurvetsonUtilizzato anticamente come mezzo di trasporto in territori artici, oggi lo sleddog (termine americano che deriva dalla fusione di sled, slitta, e dog, ca

See more details
Cayo largo: l’eden caraibico – di Elisabetta Longhi

ph: Kameraad Pjotr  Tra gli ultimi paradisi del pianeta, non ancora raggiunta dal turismo di massa, l’isola di Cayo Largo è un lembo di terra circondato dalle acque

See more details
A passage to India: il triangolo d’oro.

di B.L.Per quanto abbiate letto e sentito raccontare, l'esperienza di un viaggio in India non si può trasmettere appieno se non vivendola direttamente, assaporando con tutti

See more details
Aspen: Rocky Mountains in formato famiglia - di Laura Landi

ph Jeremy Swanson Tra tutte le località montane della terra, una della più famose è Aspen, in Colorado.Si tratta di una cittadina situata nel cuore delle Rocky Mountains

See more details
Magica Stoccolma tra musei e siti storici - di Laura Landi

Ph:Nicho SodlingUna città moderna e tranquilla, colma di attrazioni culturali da visitare durante il giorno e locali alla moda per svagarsi la sera, ma che offre anche una na

See more details
Rodi: l’isola del Sole - di Laura Landi

Sono sempre di più gli italiani che decidono di fare le loro vacanze al di fuori dei mesi estivi. E sempre di più sono coloro che scelgono la Grecia: una meta vicina, dove i

See more details
Granada: profumi arabi in Europa di Patrizia Simeone

Poiché riteniamo che in genere i detti popolari serbino un fondo di verità abbiamo desiderato sperimentare personalmente quell’andante di origine andalusa che recita "ch

See more details
Salamanca: una passeggiata nel sapere - di Patrizia Simeone

Siamo giunti a Salamanca in una meraviglioso pomeriggio autunnale in una di quelle giornate in cui il sole avvolge il paesaggio in una morbida luce dorata e trasferisce a tu

See more details

La rivista

Dancalia Express, tra deserti di sale e vulcani

danc64m-Piana-Sale

Sul lato orientale del grande acrocoro dell’Etiopia si sviluppa la vasta depressione della Dancalia (grande quasi metà dell’Italia), un deserto atipico formato da sabbie, colate di lava, vulcani attivi e spenti, manifestazioni vulcaniche secondarie, laghi salati ed enormi distese di sale che costituisce uno dei luoghi più caldi e inospitali della terra, oltre ad uno dei punti più bassi sotto il livello del mare (-155 m), dove si ha la sensazione di trovarsi su un altro pianeta e non nel cuore dell’Africa orientale, a non eccessiva distanza dalle acque del Mar Rosso. Il realtà il nome esatto dovrebbe essere Triangolo di Afar, e riguarda parte del territorio di Djbuti, Eritrea ed Etiopia, mentre Dancalia è il nome della sola regione settentrionale etiope, anche se in letteratura prevale da sempre quest’ultimo. Ma anche un luogo estremamente affascinante per gli amanti dell’avventura, dell’esplorazione geografica e dell’ignoto, del tutto sconosciuto dalle carte geografiche fino ad 80 anni fa e dove ancora oggi non risulta facile avventurarsi e neppure scevro di pericoli (tanto che occorre andare con agenzie specializzate in convoglio e con permessi, accompagnati da guide locali e scorta armata e ci si può accampare soltanto presso i posti di polizia), dove si può riscontrare meglio di qualsiasi altro posto i risultati di sconvolgenti avvenimenti geologici del passato e quelli in preparazione per il futuro. Qui infatti si incontrano e si scontrano tre diverse placche tettoniche in continua espansione (uno degli unici due casi al mondo) e qui entra in Africa la Rift Valley, la fossa tettonica lunga seimila km che dalla Siria va fino al Mozambico e porterà un giorno alla separazione del continente in due tronconi. In questo deserto di lava e sale non piove praticamente mai, da sempre, la temperatura in estate arriva ai limiti della sopportazione umana (temperature medie di 34,5°C, ma con punte record fino ad 81), l’unica acqua potabile proviene da profondi pozzi in quanto i laghi sono tutti salati o salmastri e l’unico fiume si perde evaporando nelle sabbie. Viene da chiedersi come in presenza di simili condizioni ambientali estreme possano sopravvivere una stentata vegetazione con alberi di acacie, euforbie e dracene, una fauna peculiare con asini selvatici, zebre di Gravy, gazzelle, orici, struzzi e otarde e, soprattutto, come possano viverci gli afar, una scorbutica popolazione di pastori nomadi che rimediano il pasto allevando capre e cammelli e estraendo e trasportando sull’altopiano lastre di sale. Come scrive il National Geographic “il posto più crudele sulla faccia della terra”. Fino al 1928 risultava inesplorata: venne attraversata per la prima volta da una spedizione italiana che impiegò 4 mesi e il sacrificio di 5 uomini; tutti i numerosi tentativi precedenti erano finiti miseramente per le condizioni climatiche e la feroce ostilità degli afar. Sicuramente in un lontano passato le condizioni non dovevano essere però così proibitive, se hanno permesso la vita a Lucy, l’australopiteco fossile considerato il più antico antenato umano vecchio di 3,5 milioni di anni, scoperto presso Hadar assieme ai resti di scimmie antropomorfe risalenti a 10 milioni di anni fa e a quelli di elefanti, coccodrilli e ippopotami fossili. Nonostante queste premesse ambientali poco lusinghiere, la Dancalia rappresenta un luogo di enorme fascino, che ad un viaggiatore colto e curioso ha parecchio da offrire. Dalla capitale Addis Abeba si attraversa una serie di villaggi famosi per i loro coloratissimi mercati e si scende nella depressione fino al lago Afrera, uno specchio di acque verdi salate circondato da colate di basalti neri e da sorgenti termali situato 100 m sotto il livello del mare. Si raggiunge facilmente il vulcano Erta Ale, il monte che fuma, il più spettacolare di una serie di crateri attivi a bassa quota allineati lungo una faglia, uno dei quattro luoghi al mondo dove è possibile ammirare a cielo aperto un lago di lava in perenne ebollizione a 1.200°C, in quanto questo fenomeno avviene di solito nelle profondità marine. La visione notturna della lava incandescente, proveniente da una frattura della crosta terrestre, costituisce uno spettacolo unico e straordinario. Attraverso sporadiche oasi di palme dum e colate di lava si arriva al lago Assale, lago mobile salatissimo che si sposta con i venti, e al cratere vulcanico di Dallol, un universo minerale di sorgenti geyseriane che producono stupendi laghetti con incredibili concrezioni e cristalli di cloruri di potassio, sodio e magnesio dai colori psichedelici, in un intenso afrore di zolfo. Il vulcano più basso del pianeta ha anche costruito una distesa di guglie dalle diverse forme e dimensioni e dai colori intensi, quasi a formare una città fantasma e fantastica di roccia. La contigua Piana del Sale è un’immensa pianura salina di 1.200 kmq lunga 200 km, un arido e rovente deserto di salgemma a perdita d’occhio, dove da sempre afar e tigrini estraggono blocchi di sale che trasportano poi sull’altopiano etiope con enormi carovane di dromedari, composte anche da duemila quadrupedi. Lo storico egiziano Kosmos scriveva nel VI sec. che i re di Axum scambiavano il sale con l’oro. Non risulta affatto un caso che la Dancalia possieda uno dei maggiori depositi salini della terra. In lontane epoche la depressione costituiva infatti un braccio laterale del Mar Rosso; poi sconvolgimenti geologici bloccarono l’accesso del mare e il lago evaporò, lasciando sul fondo strati di salgemma spessi da mille a tremila metri. Si risale quindi per 2.000 m l’altopiano assieme alle bibliche carovane del sale per raggiungere infine la regione del Tigray e il capoluogo Mekele (la Macallè italiana), da dove in volo si rientra ad Addis Abeba, per una visita alla città e al suo pregevole museo antropologico e etnografico.

 

Per saperne di più:

www.viaggilevi.com

 

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Caterina Emma Colacello, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi,  Silvana Carminati, Rossella Barbetti.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information