Il Bosco delle Sfere e il Giardino incantato

ph credits: studio Eidos A 1.560 metri la più grande pista per biglie in legno del mondo, per imparare i segreti della fisica giocando. A Hall Wattens (Austria), una vacan

See more details
Un'escursione unica con i bambini al rifugio bioecologico “Meira Paula” in Valle Varaita (CN)

  Situato su un costone soleggiato della Val Varaita a 1318 m di altitudine, il Rifugio Meira Paula è stato ricavato dal recupero di un vecchio edificio agricolo in p

See more details
Valsassina Country con mamma e papà

Dal 12 al 15 luglio a Barzio torna il Valsassina Country festival: la manifestazione country più grande in Italia. La favolosa epopea del West in un contesto d’eccez

See more details
Playlife, in vacanza a scuola di vela

  Isolaverde di Chioggia (Ve). Vacanze a misura di famiglia: miniclub, attività, sport, musica, escursioni, serate in spiaggia e a bordo piscina.  Tanto divertim

See more details
Movimënt, estate 2018: le novità a misura di sportivo e di famiglia

Una stagione di scoperte ed emozioni da vivere al fresco dei 2000 metri. Tra le novità del 2018, i nuovi trails Bike Beats, adrenalinici percorsi nel verde, le attività da

See more details
Fuerteventura: all’ Oasis Park per vivere esperienze incredibili!

Di Giovanna Fidone    Fuerteventura è l'isola delle Canarie più vicina al continente africano ed è la seconda isola dell'arcipelago per dimensioni, conosci

See more details
A Soncino la scuola di Hogwarts. Chi sarà il nuovo Harry Potter?

Di Giovanna Fidone        E’ ufficiale: se volete diventare maghi dovete andare a Soncino (Cr) dove è tutto pronto per la sede distaccata

See more details
A Verbania Babbo Natale arriva sul battello

  Di Giovanna Fidone Sin dal lontano 1400 d.C., Babbo Natale alla fine di Novembre di ogni anno arrivava anche a Milano per distribuire i doni ai bambini. Da li parti

See more details
Sonnwies resort: spa per i grandi e fattoria per i piccini

Un ambiente a misura di bambino, con tanti ettari di giardino, piscina all’aperto, parco giochi e fattoria con mini zoo dove la famiglia è al centro dell’attenzione, qu

See more details
Sospesi tra terra e cielo nel labirinto effimero di Alfonsine

Anche in questo 2017, dimensioni e tipologie rendono ancora una volta l’opera realizzata in provincia di Ravenna la più grande del mondo Rimarrà aperto per tutta l’es

See more details
Grazzano Visconti: Festival dei Gufi e non solo

di Giovanna FidoneVorreste vivere l’esperienza del film “Non ci resta che piangere”, con l’indimenticabile coppia Benigni e Troisi, e trovarvi catapultati nel Medioevo

See more details
Le vacanze per famiglie secondo Club Med

Le vacanze sono il momento per i genitori di rilassarsi e trovare del tempo per stare insieme alla famiglia e per i più piccoli l’occasione di crescere e scoprire ed esse

See more details
Primavera al Keukenhof: il più bel parco floreale al mondo

Il 23 marzo 2017, il parco Keukenhof riapre al pubblico, dopo aver accolto lo scorso anno più di 1 milione di visitatori da tutto il mondo. Il parco apporta un contributo sig

See more details
Catez: il più grande parco acquatico termale indoor

Per cominciare il 2017 all’insegna del benessere e del divertimento Il 2017 è alle porte e dopo i consueti festeggiamenti di Capodanno sono molte le famiglie che decidono

See more details
A Verbania la vigilia di Natale: dal presepe subacqueo alla Corsa dei Cappelli di Natale

di Giovanna FidoneSulla sponda occidentale del Lago Maggiore, capoluogo della provincia del Verbano-Cusio-Ossola troviamo la città di Verbania. Vicino alla Svizzera ma con

See more details
Cortina d'Ampezzo "formato famiglia"

ph. credits:@Mover La stagione invernale nella Regina delle Dolomiti è la più divertente dell’anno,soprattutto per i più piccoli: da vivere scendendo sul manto nevoso

See more details
Natale in famiglia al Mercatino del Quellenhof Resort

Una magica atmosfera avvolge la terrazza di uno dei paradisi benessere più grandi dell’arco alpino, e a soli 10 km da Merano (BZ), che ospita per il terzo anno le tipiche

See more details
Arte, cibo e buona musica a Vasto

di Giacomo Tenaglia    Vasto, ultima città dell’abruzzo che si affaccia direttamente sul mare Adriatico, è una piacevole cittadina adagiata su una ampia z

See more details
Vacanza “teen” in Val d’Ega

Over 12 a tu per tu con le mucche e le api, adrenalina al BoscoavventuraNova Ponente (BZ) – La vacanza con i genitori in Val d’Ega prende una piega inaspettata. I ragazzi

See more details
I tesori del Lago Maggiore: le Isole Borromee e la Rocca di Angera

di B.L.Secondo per estensione dopo il Lago di Garda, il lago Maggiore, con le sue bellezze naturalistiche, artistiche e storiche, ha da sempre attratto non solo artisti e po

See more details

La rivista

Sospesi tra terra e cielo nel labirinto effimero di Alfonsine

Labirinto

Anche in questo 2017, dimensioni e tipologie rendono ancora una volta l’opera realizzata in provincia di Ravenna la più grande del mondo

Rimarrà aperto per tutta l’estate, fino a metà settembre, il Labirinto Effimero di Alfonsine (RA), il cui tema portante sarà “Sospesi tra terra e cielo”.

Il labirinto è realizzato all’interno di un grande campo di mais, di oltre 7 ettari (70.000 mq). Dimensioni e tipologie che rendono ancora l’opera di Alfonsine il labirinto effimero e dinamico più grande del mondo!

Dopo il successo dello scorso anno, quando il labirinto effimero si era trasformato diventando anche “dinamico” (il primo al mondo per titplogia e dimensioni), Carlo Galassi, titolare dell’omonima azienda agicola che ospita il labirinto, e Luigi Berardi, noto artista e punto di riferimento per il disegno di labirinti anche a livello internazionale, hanno deciso di proseguire lungo questa linea disegnando un nuovo tracciato e fornendo nuove possibilità ai visitatori di modificare il percorso al proprio passaggio.

I visitatori, infatti, potranno aprire e chiudere delle “porte” presenti all’interno del labirinto andando così a modificare o meno il tracciato per chi arriverà successivamente.

 L’avventura di Carlo Galassi con i labirinti effimeri è iniziata quasi per gioco nel 2007 con la creazione del primo, “piccolo”, labirinto nel campo di mais. Labirinto che già nel 2008 e 2009 era cresciuto superando i 40.000 mq e potendosi vantare del titolo di primo labirinto effimero d’Italia. Nel 2010 l’incontro fra Galassi e Luigi Berardi, che di anno in anno ha collaborato per connotare i labirinti con tematiche sempre più profonde e complesse. Con “La Ruota del tempo” (labirinto 2010, 60.000 mq che l’ha reso anche il più grande d’Europa, fino al 2014) si è dato inizio a un viaggio dove il pensiero filosofico e artistico che legava il tracciato cresceva in maniera direttamente proporzionale con la complessità di esso; 2011 “Il Basilisco” (80.000 mq), 2012 “L’alba dell’uomo”, 2013 “Il volo dell’ape regina”, 2014 “Metamorfosi” (100.000 mq), il 2015 “L’albero della vita” e nel 2016 “Sentieri Peregrini” con il primo Labirinto Dinamico.

Il labirinto si trova nell’Azienda agricola Galassi Carlo (via Roma, 111) ad Alfonsine (RA).

Il costo dell’ingresso al labirinto è di € 8 adulti, € 5bambini (fino a 12 anni).

Per saperne di più:
Info e prenotazioni al n°. 335 8335233

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.   www.galassicarlo.com

 

Grazzano Visconti: Festival dei Gufi e non solo

grazzano
di Giovanna Fidone
Vorreste vivere l’esperienza del film “Non ci resta che piangere”, con l’indimenticabile coppia Benigni e Troisi, e trovarvi catapultati nel Medioevo ma con la certezza di tornare a casa quando volete? Benvenuti a Grazzano Visconti uno tra i borghi medioevali più belli e ben ricostruiti che si trova in provincia di Piacenza, nel cuore della Val Nure, in Emilia Romagna. Nei primi anni del Novecento Giuseppe Visconti di Modrone curò il restauro e ampliò gli annessi del castello costruendo un piccolo villaggio in stile neo-medievale. L'unico edificio antico oltre il castello è la chiesetta dedicata a Sant'Anna, cappella privata della famiglia risalente al XVII secolo. Degno di nota è il grande parco che circonda il maniero: 150.000 m2 che comprendono  la chiesetta, lo studio del Duca, il belvedere che si protende sul rio Grazzano, il labirinto, il giardino all'italiana e diversi esemplari di alberi secolari. Mediante visite guidate organizzate dalla società Noctua il parco è ora visitabile a pagamento in determinati periodi dell'anno. Oggi meta turistica, il borgo ospita botteghe artigiane e punti di ristoro e viene animato con rievocazioni storiche e feste in costume. Una tra tutte?  Il Festival dei Gufi la più importante manifestazione in Europa dedicata al mondo dei rapaci notturni, ideata per far conoscere al grande pubblico questa specie animale unica e affascinante che quest’anno si è tenuta tra il 2 e il 4 giugno. Una possibilità interessante per conoscere il mondo dei Rapaci Notturni da vicino attraverso l’arte, la scienza, il gioco, la didattica, le performances tra cui la più prestigiosa mostra di pittura e arte naturalistica italiana, con interventi di artisti da tutto il mondo. Si sono alternati per tre giorni dibattiti, conferenze, workshop, laboratori teatrali, facepainting, workshop di disegno naturalistico, mostre fotografiche, presentazioni di libri, proiezioni di documentari sul magico mondo dei gufi. Erano presenti anche diversi esemplari ed  è stato possibile osservarli anche dal vivo e ammirarli in tutta la loro bellezza. Se vi siete persi questa edizione, non vi preoccupate stanno già lavorando per l’edizione dell’anno prossimo. Comunque a Grazzano sono già in programma altre interessanti  iniziative che hanno la fantasia sempre protagonista indiscussa. Come nelle migliori fiabe al castello.

Per saperne di più:
http://www.grazzano.it/
http://www.festivaldeigufi.it

 

A Verbania la vigilia di Natale: dal presepe subacqueo alla Corsa dei Cappelli di Natale

VB Xmas1

di Giovanna Fidone
Sulla sponda occidentale del Lago Maggiore, capoluogo della provincia del Verbano-Cusio-Ossola troviamo la città di Verbania. Vicino alla Svizzera ma con cuore tutto italiano, Verbania va visitata non solo per le sue bellissime rive e paesaggi ma anche per i giardini botanici di Villa Taranto (http://www.villataranto.it/) sul promontorio della Castagnola e di villa San Remigio (http://www.villasanremigio.it/) in stile barocco: per questo la città è chiamata “il giardino sul lago”in omaggio all’abbondante presenza di giardini e terrazze.

VB Xmas2 VB Xmas3
Una gita in battello verso Laveno-Mombello (http://www.navigazionelaghi.it/), sulla sponda lombarda del lago è romantica e di pregio paesaggistico. Quando visitare la splendida Verbania? Ogni stagione è buona ma noi vi consigliamo proprio a Natale per le tante occasioni di svago per tutta la famiglia che sono in programma in particolare la vigilia di Natale. A Verbania Suna sabato 24 dicembre, sul lungo lago è possibile ammirare il nuovo presepe subacqueo dei Sub Verbania e il burchiello (tipica imbarcazione di pescatori del nostro lago) parcheggiato nel plateatico dell’Hosteria Dam a Tràa, sul quale è stato costruito un presepe natalizio artigianale unico. Alle 16.30 tutti all’imbarcadero per la simpatica  “La Corsa dei Cappelli di Natale”, corsa podistica non competitiva con partenza unica dalla Canottieri di Suna di 1 km per bambini da 0-10 anni e 2 km per bambini e adulti da 10-100 anni organizzata dagli amici del Corso di Corsa. Le iscrizioni (gratuite) partiranno dalle 15.30 e ad ogni concorrente verrà regalato un cappellino di Babbo Natale da indossare durante la corsa.
Finita la gara, i bimbi potranno portare le loro letterine di Natale presso la “Casa di Babbo Natale”,uno stand allestito con i ragazzi dell’ Ostello della Gioventù che li accoglieranno con il “truccabimbi”, balli di gruppo, spettacolo dei burattini, la bolla di sapone gigante e altri giochi. Infine le letterine verranno liberate in aria con il palloncino dei desideri. A seguire, premiazioni e distribuzione di cioccolata calda per tutti, da parte dei Vigili del Fuoco di Verbania, presso il parcheggio dell’imbarcadero. L’Associazione Carnevale Sunese preparerà torte e zucchero filato e si occuperà di raccogliere le offerte che verranno donate all’asilo ed alle scuole di Suna che…..

VB XMas4 VB XMas5
Alle cinque tutti pronti che arriva in slitta il Babbo Natale dell’Associazione Sunalegar:  per tutti i bambini regalerà i dolci della Banda Biscotti e si metterà a loro disposizione per fare la foto ed ascoltare i loro desideri. Dopo una pausa per la tradizionale cena della vigilia, si riprende verso le 22 con un gruppo gospel natalizio, la “Free Gospel Band” e a seguire tutti pronti per  la tradizionale fiaccolata, a nuoto, dei Sub Verbania. Alle 23.30 il Gruppo Alpini di Suna inizierà la distribuzione a tutti i presenti di vin brulé, cioccolata calda e calendari come tradizione in attesa del gran finale con lo spettacolo pirotecnico, organizzato sempre dagli amici dell’Associazione Sub Verbania.
Se siete appassionati di presepi, la scuola dell' infanzia " A. Rossi" ha allestito con le famiglie e bimbi un presepe speciale realizzato con materiale di recupero così come per gli addobbi dell'albero di Natale della Croce Verde. Sempre con il materiale di recupero sono stati realizzati e messi in vendita  manufatti il cui ricavato aiuterà i bambini delle zone terremotate. Da non perdere il mercatino dell'usato di oggetti portati dai genitori, nonni e insegnanti e venduti ad offerta libera il cui ricavato servirà per comperare materiale didattico per la scuola.

E se ancora vi è rimasta la nostalgia del Natale di una volta andate in via Fiume 2, a casa Grossi che ogni anno allestisce nel suo giardino un magnifico presepe con statuette pregiate che accoglie centinaia di turisti. Quanto costa la visita? Un sorriso e un grazie. Sì, adesso è Natale.

(Per informazioni: www.comune.verbania.it )

 

Le vacanze per famiglie secondo Club Med

KANC H116 016-700x464

Le vacanze sono il momento per i genitori di rilassarsi e trovare del tempo per stare insieme alla famiglia e per i più piccoli l’occasione di crescere e scoprire ed essere felici tutti insieme. Esplorare posti lontani, entrare in contatto con nuove culture, relazionarsi con coetanei da tutto il mondo e vivere esperienze uniche ed emozionanti sono gli ingredienti della formula Club Med che rendono unica la vacanza di grandi e piccini.

Grazie all’esperienza Club Med, il servizio di assistenza bambini offerto nei Resort del tour operator francese si prende cura dei ragazzi di tutte le età e garantisce ai genitori tranquillità senza uguali. Un’esperienza senza pari che negli anni si è evoluta con nuove ed affascinanti attività pensate e dedicate per interessi e fasce di età.

Dai 4 mesi ai 17 anni Club Med pensa proprio a tutti con i suoi Baby (4-23 mesi), Petit (2-3 anni) e Mini Club (4-10 anni) e Juniors’ Club o Club Med Passworld® (11-17 anni)! Lezioni di tiro con l’arco, circo, tennis e tante altre attività divertenti trasformeranno le vacanze dei più piccoli in un vero e proprio paradiso. Percorsi di scoperta, nuovi sport individuali e di gruppo, spettacoli e danze saranno quindi i pilastri di una splendida avventura da vivere in famiglia.

Grazie all’assistenza di G.O® professionisti, tutti i bambini si divertiranno, si meraviglieranno e acquisiranno nuove conoscenze durante la vacanza Club Med.

Ed ecco 4 idee per passare una meravigliosa vacanza in famiglia: volate ai Caraibi con La Caravelle a Guadalupa e Punta Cana nella Rep. Domenicana, a Mauritius con La Pointe aux Canonniers e alle Maldive con Kani. In più i bambini sotto i 6 anni hanno il soggiorno gratuito, dai 6 agli 11 anni riduzioni fino al -50% e dai 12 ai 17 anni riduzioni fino al -20%.

La Caravelle 4 stelle – Guadalupa – Antille Francesi


Un Resort a misura di famiglia in una delle spiagge più belle della Guadalupa. Grazie alla posizione unica in un’ampia baia protetta dalla barriera corallina è possibile scoprire e giocare in riva al mare caldo. I bambini avranno solo l’imbarazzo della scelta tra le tantissime attività che Club Med ha pensato per loro.

Attraverso giochi di ruolo impareranno a giocare a tennis in modo facile e divertente, potranno avvicinarsi alla natura grazie ad attività organizzate che li trasformeranno in piccoli esploratori o preparare veri e propri spettacoli per intrattenere i genitori.


 

Punta Cana 4 stelle con Spazio 5 stelle – Rep. Dominicana

Il “set ideale” per girare un film sulle vacanze da sogno in famiglia grazie anche alla posizione della laguna turchese circondata da una spiaggia privata con una splendida piantagione di cocco. Il Resort è stato recentemente ristrutturato con un pensiero specifico per renderlo a misura di bambino. Ad accogliere i giovani ospiti tantissime attività sportive, creative e ludiche secondo l’età. A completare il tutto la collaborazione di Club Med con Cirque Du Soleil, che offre alle famiglie una bellissima occasione per imparare le arti circensi nello spazio CREACTIVE®.

 

La Pointe aux Canonniers 4 stelle – Mauritius

I colori, la sabbia e il caldo Oceano Indiano rendono il Resort a perfetta misura di bambini stimolandone ogni giorno l’immaginazione. I piccoli si divertiranno tra i numerosi giochi, sport acquatici e le gite alla scoperta degli animali. La Pointe aux Cannoniers è il resort idilliaco per grandi e piccini.


 

Kani 4 stelle con Spazio 5 stelle– Maldive

Un’isola giardino da cartolina con acque turchesi e fondali marini da esplorare. Kani rappresenta la meta ideale per staccare la spina ed entrare in una dimensione da sogno. Grazie alla recente implementazione dei servizi per bambini con attività appositamente pensate dai 4 ai 17 anni, i genitori potranno rilassarsi e rigenerarsi mentre i piccoli passeranno giornate indimenticabili.

 

Per saperne di più:

www.clubmed.it/ 

 

Cortina d'Ampezzo "formato famiglia"

striderbike mover

ph. credits:@Mover

La stagione invernale nella Regina delle Dolomiti è la più divertente dell’anno,
soprattutto per i più piccoli: da vivere scendendo sul manto nevoso in sella a una snow bike, giocando nei parchi e negli asili neve e scoprendo le attività e i laboratori creativi.
E, per i ragazzi dagli 11 ai 15 anni, arriva il primo Digital Winter Camp.

Altro che acqua: per i più piccoli la neve è composta al 90% da divertimento. Specialmente a Cortina d’Ampezzo, dove in inverno hanno a disposizione tanti modi per trascorrere una vacanza indimenticabile con tutta la famiglia e i coetanei. Oltre ai grandi classici come sci, slittino, pupazzi di neve, ci sono diverse nuove proposte per gli ospiti dai 18 mesi in su: dalle discese in sella a una snow bike, ai giochi a Baby Tofana Land, a Giocolandia. Ma il divertimento non si ferma mai, e anche lontano (ma non troppo) dalla neve i più giovani possono esplorare un mondo di possibilità, dai laboratori e le attività di ASD Fair Play al primo Digital Winter Camp, per i “piccoli nerd” appassionati di nuove tecnologie.

Pedalando… anzi, sciando, in bicicletta

Un nuovo progetto nel magnifico contesto di Guargnè ai piedi del Cristallo, pensato per i bambini e le famiglie. Mentre in estate qui ci si può divertire con paraboliche e ponticelli, per imparare le basi della MTB, aiutati da istruttori federali, in inverno i piccolissimi, dai 18 mesi in su, possono provare la Strider Bike con snow ski per avvicinarsi alla neve divertendosi in tutta sicurezza (gli sci da neve vengono fissati sotto le ruote). Non mancano tappeti elastici e gonfiabili giganti per giocare sulla neve e, per gli adulti, un'area relax immersa in un panorama impagabile.

www.moversport.it

Un asilo nella neve

Altra novità di questa stagione, il Baby Tofana Land: un “asilo neve” per bambini dai 3 ai 10 anni. A Capanna Ra Valles, a 2.470 metri di quota, i bambini possono giocare insieme in uno spazio dedicato e appositamente attrezzato. Due operatrici dell’infanzia accompagnano i più piccoli in attività ricreative e ludiche sia in una sala interna del rifugio sia all’esterno, con giochi sulla neve. Il Baby Tofana Land è aperto per tutta la stagione, dalle 9.00 alle 16.00, e accoglie fino a un massimo di 8 bambini. La prenotazione è obbligatoria.

(Per informazioni e prenotazioni: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. ).

www.freccianelcielo.com

Giocolandia

All’interno del 5 stelle Grand Hotel Savoia, a pochissimi passi dal centro di Cortina d’Ampezzo, c’è un parco giochi dedicato ai bambini. Insieme a un’educatrice, i più piccoli vengono accompagnati in attività che variano di giorno in giorno, tra gioco e formazione. Lo spazio è aperto durante il periodo di Natale/Capodanno e Carnevale a tutti i bambini, è necessario l’accompagnamento di un adulto per quelli che hanno fino ai 3 anni d’età.

www.grandhotelsavoiacortina.it

Spazio alla creatività

I piccoli creativi possono partecipare alle tantissime iniziative dell’associazione ASD Fairplay, in programma da lunedì 5 dicembre a sabato 7 gennaio: ben 23 appuntamenti tra attività manuali, letture, feste e giochi all’aperto. Ad esempio, venerdì 23 dicembre “Dipingiamo Babbo Natale”, giovedì 29 dicembre “Piccola festa prima del nuovo inizio”, sabato 31 dicembre “Festa di Capodanno” all’Hotel Argentina.

(www.asdfairplay.it | Tel. +39 0436 830005 | This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. ).

Alla scoperta delle nuove tecnologie digital

Ragazze e ragazzi appassionati di tecnologie informatiche avranno la possibilità di partecipare, nella prima settimana di gennaio (dal 3 al 7), al primo Digital Winter Camp di H-Farm Education a Cortina d’Ampezzo. Cinque pomeriggi di laboratori digitali, dalle 14.30 alle 18.30, con una calda pausa merenda alle 16.00, per un inizio d’anno del tutto fuori dagli schemi, tra innovazione e divertimento. Durante i laboratori ogni gruppo di partecipanti svilupperà un progetto e lo presenterà ai genitori al termine del camp. Un’occasione per imparare ad utilizzare le nuove tecnologie (ad esempio modellando e stampando in 3D, creando una video-presentazione efficace) e socializzare con i coetanei.

www.h-campus.com

 

Primavera al Keukenhof: il più bel parco floreale al mondo

Keukenhof-6-700x519
Il 23 marzo 2017, il parco Keukenhof riapre al pubblico, dopo aver accolto lo scorso anno più di 1 milione di visitatori da tutto il mondo. Il parco apporta un contributo significativo al turismo dei Paesi Bassi, e si avvale della collaborazione di centinaia di fornitori di bulbi, e della partecipazione di 500 floricoltori.
La più grande esposizione di fiori da bulbo al mondo riapre le sue porte con il tema del “Dutch Design” a Lisse dal 23 marzo al 21 di maggio.


Il Keukenhof è il luogo ideale per ammirare la fioritura di milioni di tulipani, narcisi, giacinti ed altri fiori da bulbo. La visita del Keukenhof sarà un’occasione unica per passare una giornata indimenticabile e vi assicura l’opportunità di scattare delle fotografie meravigliose. Il più bel parco primaverile del mondo vi offrirà un’esperienza percettiva di profumi e colori unica nel suo genere, con ben 20 spettacolari mostre di fiori, sorprendenti giardini di ispirazione e diversi eventi molto interessanti.


Tema 2017: Design Olandese
Il tema centrale del Keukenhof anno 2017 è il “Design Olandese”.

Il Dutch Design si ritrova per prima cosa nel grande mosaico raffigurante un dipinto di Piet Mondriaan che misura 250 metri quadrati, per la cui realizzazione sono stati utilizzati ben 80.000 bulbi di tulipano, muscari e crocus. Il mosaico sarà composto da 2 strati di fiori per garantire una fioritura più duratura.

Anche gli spettacoli di fiori nel padiglione Oranje Nassau saranno interamente dedicati al design olandese, mentre due dei giardini ispirazionali avranno come tema: “I Giardini Mondriaan”, che, con le loro macchie di colore quadrate, saranno motivo di grande attrazione per il pubblico.

Il Dutch Design si caratterizza per la tipica sobrietà olandese in combinazione con soluzioni innovative. Famosi artisti e designer come Mondriaan e Rietveld hanno gettato le basi per il Dutch Design e ancora oggi, designer olandesi sono apprezzati in tutto il mondo per il loro contributo a settori quali la moda, il graphic design, l’architettura e gli arredi di design. Essi sono la sorgente d’ispirazione per il tema del Keukenhof di quest’anno.

Keukenhof si attrezza con un nuovo ingresso

Il crescente interesse per il parco Keukenhof richiedeva una soluzione sostenibile per accogliere le migliaia di visitatori nazionali e internazionali. Per questo motivo una nuova hall dotata di tutti i servizi di accoglienza necessari ad accogliere i visitatori sarà collocata all’ingresso del parco. Questa primavera il parco Keukenhof disporrà inoltre di un parcheggio per 4500 auto e 1000 pullman, che faciliterà la viabilità nei pressi dell’attrazione.

Tulip close-up 2

Il parco

Dedicato in origine esclusivamente ai bulbi da fiore, il Keukenhof è un parco storico concepito nel 1857 da Zocher, che si ispirò ai giardini all’inglese. Al suo interno oggi si possono ammirare, oltre ai numerosi esemplari floreali, anche piante e prodotti vivaistici.

Ogni anno, trenta floricoltori piantano i propri bulbi in aree del parco prestabilite. Al termine della stagione, i bulbi vengono dissotterrati per dare inizio ad un nuovo ciclo di fioritura.

Per dare al Keukenhof un volto sempre nuovo, il design del parco viene rielaborato ogni anno. I bulbi sono selezionati con cura, per permettere ai visitatori di ammirarli in piena fioritura durante il periodo di apertura. I sette milioni di bulbi provengono da centinaia di fornitori che non possono desiderare un palcoscenico migliore per esporre i propri prodotti.

Il Keukenhof offre un’ampia gamma di suggerimenti per il giardinaggio e per l’integrazione del verde anche negli interni, dove i fiori giocano da sempre un ruolo importante. Il visitatore può trovare all’interno del parco esempi di giardino all’inglese, fino ad arrivare ai giardini in stile giapponese.

L’area contemporanea Spring Meadow propone prospettive sorprendenti e paesaggi emozionanti, portando in primo piano il meglio degli alberi più antichi.

Nel Natural Garden, arbusti e piante perenni sono sapientemente accostati a meravigliosi esemplari floreali.

L’Historic Garden invece, ospita antiche varietà di tulipano, raccontando il lungo viaggio di questo fiore prima del suo insediamento in Olanda.

Il parco ha pensato anche ai bambini: al suo interno si trovano un labirinto, un parco giochi e un piccolo zoo. Una caccia al tesoro poi, li accompagna nei luoghi più incantevoli del Keukenhof.

Il Keukenhof presenta anche un giardino dedicato alle sculture, nel quale diversi artisti hanno la possibilità di esporre circa un centinaio di opere. La mostra sarà caratterizzata quest’anno da una grande varietà di stili, materiali, figure e culture.

Keukenhof.7

Spettacoli di fiori nei padiglioni

I padiglioni del Keukenhof propongono una selezione di ben 20 tipi di esposizioni floreali, permettendo agli espositori di far conoscere una vasta gamma di fiori e piante dalle più varie forme e di diversi colori, tutti di straordinaria qualità. Una giuria di esperti decreterà il fiore migliore per ogni categoria, sottoponendo i prodotti anche al giudizio dei consumatori.

Da diversi anni, il Keukenhof dedica il Padiglione della Regina Beatrice alle orchidee, offrendo la migliore esposizione in Europa nel suo genere. Altra attrazione molto apprezzata è la mostra dedicata al giglio nel Padiglione Willem-Alexander. Sulla sua superficie di 6.000 metri quadrati, i visitatori possono ammirare circa 15.000 gigli in oltre 300 varietà.

Il Padiglione Orange-Nassau è dedicato invece ai fiori nell’arredamento di interni, e mostra come i bulbi possano integrarsi perfettamente nei più svariati stili di interior design, dal classico al moderno. Molti esperti daranno dimostrazioni pratiche di come i fiori si possono combinare in sorprendenti e originali bouquet.

Tulipanomania

Il tulipano è icona distintiva dei Paesi Bassi, e il Keukenhof non può far altro che dedicare a questo fiore un palcoscenico privilegiato. Il Padiglione Willem-Alexander, che porta il nome del Re dei Paesi Bassi, è ricco di tulipani in fiore, mentre il Padiglione Juliana ne racconta la storia dal diciassettesimo secolo ai giorni nostri, avvalendosi delle esaustive informazioni all’interno del rinnovato Historic Garden.

Eventi

31 Marzo, 1 e 2 Aprile: fine settimana con le antiche tradizioni olandesi

Con il suo organetto ed il suo ristorante di poffertjes (mini pancakes olandesi), il Keukenhof si presenta con tutta la sua autenticità olandese. Nel corso di questo fine settimana, gli artigiani presenteranno le loro tradizioni ed i loro antichi mestieri. Con i mercati di formaggio e le esibizioni di figuranti in costume, i visitatori rivivranno la vera Olanda di una volta.

11 Aprile: benedizione dei fiori e partenza dell’omaggio floreale del Keukenhof destinato a San Pietro a Roma

19-23 Aprile: La parata dei Fiori

La Parata dei Fiori della zona dei fiori da bulbo, parte sabato 22 aprile da Noordwijk ed arriva fino ad Haarlem. Verso le 15.30 i carri scorreranno lungo il Keukenhof. Dal 19 al 23 aprile sarà inoltre presente nella regione, un ricco programma di parate floreali.

13 e 14 maggio: Romanticismo al Keukenhof

Immaginatevi il 13 ed il 14 maggio di passeggiare tra persone vestite in costumi del 19° secolo, tra orchestre che propongono la loro musica situate tra i fiori. All’insegna del romanticismo, con un cestino da picnic, godetevi i concerti di musica classica e danza.

Lisse,_Keukenhof_300dpi_1417x924px_J

Turismo

Turisti provenienti da tutto il mondo visitano ancora oggi l’Olanda in seguito alle sue peculiari icone. Tulipani, mulini, Rembrandt, e la Compagnia delle indie Orientali costituiscono gli elementi caratteristici che ricostruiscono la storia del Paese. Con la collaborazione di altri importanti partner, il Keukenhof collabora per la creazione di campagne marketing per la promozione dell’Olanda nel mondo.

L’importanza che il Keukenhof riveste per il comparto turistico olandese è enorme, poiché accoglie ogni anno una media di 1 milione visitatori provenienti da oltre 100 paesi, sia per il settore leisure che business.

Circa il 75% dei visitatori proviene dall’estero, in particolare da Germania, Stati Uniti, Francia, Regno Unito e Cina. Si registra inoltre una crescita significativa nel numero di turisiti provenienti da Sudamerica, Europa Orientale e Asia. Il settore floreale in generale e il Keukenhof in particolare, sono vitali per l’immagine turistica dei Paesi Bassi.

Il parco costituisce una grande attrattiva, facendo accrescere il numero di presenze anche nei settori alberghiero, retail, della ristorazione, del trasporto, della cultura e degli eventi, apportando un ampio numero di visite nel periodo della bassa stagione.

Il Keukenhof è un’attrazione chiave: per la floricoltura, la regione del Zuid-Holland e per i Paesi Bassi, e apporta un contributo significativo all’immagine del Paese nel mondo.

La storia

Il Keukenhof è nato da un’iniziativa di dieci coltivatori/espositori che risposero all’invito dell’allora sindaco di Lisse a creare una vetrina per i professionisti del settore floricolo. Nel 1949 scelsero quindi una location ideale: il giardino del castello di Keukenhof, una volta parte della tenuta di Teylingen. Dopo la morte della contessa Jacoba van Beieren, il terreno divenne proprietà di ricchi commercianti, tra cui il barone e la baronessa Van Pallandt. Questi chiesero ai paesaggisti Zocher, che già avevano realizzato dei progetti per Vondelpark e per i giardini del Paleis Soestdijk, di sviluppare un piano per il giardino che riconduceva il castello. Il loro giardino inglese datato 1875 è ancora oggi base sulla quale si sviluppa il parco attuale.

 Il Keukenhof è ricco di aspetti storici e tra i tanti, ha da raccontare innumerevoli aneddoti sui tulipani. Nel XVII secolo i più ricchi investivano molto in bulbi di tulipano. Con l’affermazione della classe media, nacque una vera e propria febbre per questo fiore, grazie al quale i commercianti guadagnavano l’enorme somma di 30000€ al mese. Alcuni vendettero le proprie imprese e persino i tesori di famiglia per poter continuare a competere sul mercato, che nel 1637 crollò bruscamente.

Anche il mulino del Keukenhof è antico più di un secolo. Fu costruito nel 1892, e serviva alla bonifica dei polder. Nel 1957 venne acquistato dalla Holland Amerika Lijn che successivamente lo donò al parco.

Per saperne di più:

www.keukenhof.nl

 

Natale in famiglia al Mercatino del Quellenhof Resort

quellendohf

Una magica atmosfera avvolge la terrazza di uno dei paradisi benessere più grandi dell’arco alpino, e a soli 10 km da Merano (BZ), che ospita per il terzo anno le tipiche cassette di legno dove trovare prodotti di artigianato e gastronomia locale, tra alberi natalizi, luci, profumi e decorazioni. Apertura dal 25 novembre 2016 all’8 gennaio 2017

Un mondo incantato attende gli ospiti del Quellenhof Sport & Wellness Resort di San Martino in val Passiria (BZ), a soli 10 chilometri da Merano (BZ). Sulla terrazza infatti è già Natale con il mercatino allestito nelle tipiche casette di legno, vicino alla struttura principale, che accendono la voglia di vacanza e danno inizio al conto alla rovescia al tanto atteso periodo di festa. Al suo terzo anno di vita, è già rinomato tra i tanti mercatini dell'Alto Adige perchè qui si respira un'atmosfera tutta particolare. Oltre ai manufatti artigianali, ai profumi di cannella e spezie, dolci e prodotti tipici della zona, nello stand dedicato al vin brulè, si servono caldi punch e fragranti krapfen fatti in casa. Insieme alle casette c’è anche una sfera di Natale che richiama nella forma la sauna situata nel parco: al suo interno, in un ambiente caldo e avvolgente, sarà possibile prenotare una deliziosa fonduta di cioccolato da degustare in compagnia, fino a un massimo di otto persone. Non mancheranno un bosco natalizio, fatto di abeti grandi e piccoli, lungo la terrazza del Quellenhof e una stalla con le pecore, particolarmente amata dai piccoli ospiti. La sera stessa dell'inaugurazione dell'esclusivo mercatino, dopo una tradizionale corsa, arriveranno i famosi Krampus: uomini-caproni con maschere da diavolo. Una festa tradizionale che si perde nella notte dei tempi e che vede questi personaggi alla ricerca dei bambini "cattivi" e si collega alla festa di San Nicolò, vescovo ortodosso all'origine della leggenda di Babbo Natale. Ma oggi la manifestazione dei Krampus è un appuntamento imperdibile, un momento di allegria per grandi e piccini. Il mercatino di Natale del Quellenhof rimarrà aperto dal 25 novembre 2016 finoall’8 gennaio 2017, dalle 14 alle 22.

I piccoli ospiti nel periodo dell’Avvento saranno inoltre invitati a realizzare decorazioni natalizie, dedicarsi al bricolage, cuocere pasticcini, giocare con le palle di neve e costruire pupazzi, partecipare a gite nel paesaggio innevato alla ricerca di tesori, giochi, trucchi, concorsi di disegno e cinema 3D con il personale del mini club. A tema poi calendari d'Avvento, teatrino e festa di Natale, lettura dei racconti natalizi di mamma Dorfer sotto l'albero di Natale e ogni giorno un programma serale diverso con musica, balli, mostre ed escursioni con le fiaccole.

Per l'outdoor a disposizione un servizio navetta che condurrà ogni giorno a Plan oppure a Racines, escursioni con le racchette da neve e sosta in baita, passeggiate invenali riscaldate da da vin brulè, gite in carrozza trainata da cavalli, pattinaggio per tutti, escursioni con gli sci in compagnia della famiglia Dorfer, gite in slitta. E al rientro cosa c'è di meglio che rilassarsi nel reparto Wellness & Spa esteso su ben 10mila mq, un vero e proprio paradiso con pochi rivali in Europa, non solo per le dimensioni ma anche per le caratteristiche: la nuova Sauna Evento al Lago è stata premiata infatti come la più innovativa dell'arco alpino e unica nel suo genere. L'equipaggiamento tecnico, gli effetti di luce, la musica, lo spettacolo e gli elementi d'acqua non hanno pari: "fuoco e ghiaccio", "gettata con violino", "gettata africana Congo" e "sudtirolese" sono alcuni esempi delle gettate di vapore "evento". Tutti i giorni almeno 5 speciali gettate invernali.

Tante le proposte per la coppia e la famiglia, tra queste il pacchetto "Vacanza invernale deluxe" che prevede due pernottamenti con trattamento di mezza pensione gourmet, utilizzo del reparto Wellness & Spa, i programmi fitness giornalieri con assistenza e tutti i servizi inclusi del Quellenhof.


Per saperne di più:
www.quellenhof.it/

 

Catez: il più grande parco acquatico termale indoor

Winter-Thermal-Riviera
Per cominciare il 2017 all’insegna del benessere e del divertimento


Il 2017 è alle porte e dopo i consueti festeggiamenti di Capodanno sono molte le famiglie che decidono di dedicarsi ad una vacanza rigenerante prima di riprendere la routine quotidiana tra lavoro e scuola.
Un’esperienza davvero unica, soprattutto per i più piccini, è quella offerta dalle Terme Catez, il polo termale sloveno più grande a sole 2 ore di macchina da Trieste. All’interno del centro, infatti, sorge il parco aquatico indoor con acque termali più esteso d’Europa, la Riviera Termale Invernale. Si tratta di un complesso di 2.300 mq di superfici acquatiche termali aperto tutto l’anno e accessibile sia a tutti gli ospiti delle strutture ricettive, sia con biglietto giornaliero. Al suo interno sono custodite attrazioni per tutti i componenti della famiglia: i bambini e i giovani possono divertirsi con i giochi acquatici (toboggan trampolino o kamikaze, toboggan black hole con effetti luminosi, castello dei pirati, etc.) mentre gli adulti hanno a loro disposizione vasche whirlpool, cascate e letti massaggiatori. All’interno della struttura è presente anche una piscina che riproduce il moto ondoso e dove la temperatura oscilla tra i 31 e i 33°. Qui ci si può divertire come al mare ma godendo dei benefici delle acque termali. La nave dei pirati è sicuramente l’attrazione più divertente per i bambini più piccoli che, in uno spettro d’acqua che non supera i 0,2 metri, passeranno le giornate a colpi di pistole ad acqua sfidandosi alla ricerca del tesoro perduto.
Infine, i più sportivi non possono farsi scapare l’occasione di diventare dei veri board-surfers grazie ai corsi individuali o di gruppo della durata di 30 minuti ciascuno proposti dallo staff delle terme.  
Dalla Riviera Termale Invernale, inoltre, è possibile accedere al Parco Saune che, su una superficie di 1.500 mq, accoglie 8 diverse saune tra cui scegliere (sauna cristallina, sauna vapore, sauna estrema, sauna indiana all'aperto, sauna salina, sauna a raggi infrarossi, aromasauna finlandese, sauna acquaviva), piscine rinfrescanti e relax e solarium abbronzanti. Alla fine dei trattamenti è possibile riposarsi sull’ampio terrazzo.

Per saperne di più:
www.terme-catez.sl

 

Arte, cibo e buona musica a Vasto

vasto

di Giacomo Tenaglia   

Vasto, ultima città dell’abruzzo che si affaccia direttamente sul mare Adriatico, è una piacevole cittadina adagiata su una ampia zona collinare. Il colpo d’occhio è appagante; guardando il mare, dalla vecchia cinta muraria, si mostra all’osservatore, un ampio e splendido golfo. All’orizzonte, verso il mare aperto, in giorni particolarmente limpidi, si riesce a vedere la sagoma delle isole Tremiti mentre lanciando lo sguardo verso l’insenatura sottostante si scorge Termoli e da lì, poi, inizia il promontorio del Gargano.
Vasto è anche storia e cultura; interessanti, da questo punto di vista sia storico che artistico il Palazzo D’Avalos, dal cui settecentesco giardino napoletano è possibile anche ammirare un fantastico panorama, ed il castello Caldoresco, edificato su una struttura preesistente nella prima metà del XV secolo dal signore di Vasto Giacomo Caldora; alle sue spalle la piazza principale del paese: Piazza Gabriele Rossetti, a cui Vasto ha dato i natali. La storia della città di Vasto è antichissima; Histonium era il nome datole dai romani; Nel Museo Archeologico sono custoditi reperti storici che vanno dall’Età Del Ferro fino all’Alto Medioevo, sarcofagi, sculture, anfore, monili, armi, monete (coniate dal III sec. a.C. al V sec. d.C.), oltre ad un bellissimo pavimento a mosaico proveniente dall’area delle antiche terme istionesi, la cui datazione si fa risalire al I sec. d.C. Quattro edifici sacri sono di particolare rilevanza, la Chiesa di Santa Maria Maggiore, la Chiesa di Maria Santissima del Carmine, la Cattedrale di San Giuseppe e la Chiesa di San Michele Arcangelo.
Dal punto di vista culinario ci sono tutte le garanzie per restare soddisfatti; i gusti di tutti non potranno che essere appagati. Sul pesce non si discute, come vuole la regola che accomuna tutte le città di mare, e celeberrimo è sicuramente il brodetto di pesce “alla vastese”; per quanto porchetta di maiale ed arrosticini di pecora, oltre ad salumi e formaggi, si difendano egregiamente nel contendere il premio per la portata “preferita”.
Unendo utile e dilettevole è quindi caldamente consigliato far coincidere una permanenza a Vasto nelle stesse date in cui si svolge la terza edizione del Siren Festival; in programma dal 21 al 24 Luglio (abbonamenti e biglietti per le singole giornate di venerdì e sabato sono già in vendita). La rassegna offre uno interessante ed intrigante spaccato del mondo musicale odierno “che ci gira intorno”, per dirla chiamando in causa Ivano Fossati. Sono ben rappresentati in tutte le sue sfaccettature sia il pop-rock britannico e sia quello a stelle e strisce senza disdegnare proposte da Spagna, Canada, Germania, Australia ed altri luoghi ancora. La kermesse non si dimentica anche di proporre nomi più legati alla corrente elettronica e, naturalmente, di dare spazio, a tuttotondo, anche ai gruppi di casa nostra. I nomi di richiamo di alta caratura, come nelle due precedenti edizioni, non mancano. Per quest’anno sono programmati i britannici Editors, i tedeschi Notwist e gli italiani I Cani.
Gli Editors saranno sul palco principale del Siren Festival il 22 luglio per proporre il loro nuovo e quinto album, uscito ad ottobre, dopo due anni di tour mondiale, ed intitolato ‘In Dream’.

 EDITORS siren foto
Il 23 invece sarà in turno dei Notwist, da sempre band pioneristica nel creare un universo sonoro unico e inconfondibile frutto di innumerevoli elementi ed influenze, arriva in Italia per un’unica data in cui eseguirà il loro album-capolavoro “Neon Golden”, pubblicato nel 2002.
Solo, forse, perché meno famosi ai più e poco inclini alle classifiche di vendita da radio FM, non si possono dimenticare Thurston Moore, ex leader dei Sonic Youth, Gold Panda, ormai uno degli artisti elettronici più importanti della sua generazione, Adam Green, piccolo genio newyorkese, capostipite della generazione anti-folk americana, con 9 album all’attivo, arriva in Italia per presentare il nono album solista della sua carriera “Aladdin". Impossibile non citare Gli A.R. Kane; un duo musicale inglese costituito da Alex Ayuli e Rudy Tambala formatosi nella zona di East London nel 1986. Polistrumentisti, legati alla celeberrima etichetta 4AD, hanno fatto parte del collettivo MARRS assieme ai membri dei Colourbox e sono coautori della hit internazionale “Pump up The Volume” e anche Ry X. Giovane australiano giunto al debutto discografico con l’album “Dawn” dove con una chitarra acustica, arrangiamenti minimali, testi scarni ma densi e una emotività diretta e spontanea e potente si svela al pubblico del festival. A chiudere la festa è stato chiamato il texano Josh T. Pearson; tanto scorbutico e riservato quanto intenso ed incantevole metterà la sue canzoni intrise di maliconia contenute nel suo album solita “The Last Of The Country Gentlemen” nella bell’acustica della Chiesa di S.Giuseppe. Insomma una rassegna dove in quattro giorni è possibile ascoltare buona musica, scoprire piacevoli novità, sentire proposte interessanti e gustare dal vivo, in un contesto non dispersivo, nomi di primo richiamo. Ultima annotazione, ma non per questo meno importante, è che i nomi in programma sia giovedì 21 e sia domenica 24, non necessitano di biglietto e nelle serate a pagamento l’ingresso sarà gratuito per tutti i bambini sino ai 13 anni (inclusi) accompagnati dai genitori I genitori dovranno acquistare i propri biglietti presso i circuiti di prevendita autorizzati e presentarsi con i bambini in biglietteria dove riceveranno i braccialetti validi per l’ingresso.

Per saperne di più:
sirenfest.com/

 

Page 2 of 9

Eductour stampa turistica

eductours

Related articles

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Caterina Emma Colacello, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi,  Silvana Carminati, Rossella Barbetti.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information