La rivista

Un viaggio tra i sapori nascosti della Laguna Veneta in Houseboat

5b587ad89d579c0bdb4ed505-696x303
Alla ricerca dei Baccari e delle Osterie più vere, fuori dai percorsi turistici, navigando lungo fiumi e canali con Houseboat.it.
La Laguna Veneta riserva tesori nascosti, che si rivelano solo a chi li vuole trovare. Se Venezia è uno dei luoghi più turistici del mondo, meravigliosa ma anche assediata dalle folle, tutto attorno ad essa esiste l’ampia Laguna, fatta di canali, canali, piccoli paesi di pescatori, spesso ancora autentici, immersi nella lentezza e nella natura.
houseboat.it propone tanti itinerari diversi con le sue barche fluviali: belle, comode, facili da guidare anche senza patente nautica, per riscoprire una vera Laguna, quella fatta di persone, luoghi, colori e…ottimo cibo. Qui puoi renderti conto del significato e dell’inossidabilità del valore storico di certi usi e consuetudini nel preparare il pesce.
Ecco quindi l’itinerario pensato per la scoperta di questi sapori genuini, lontani dalle folle, il luogo magici dove ancora ci si può fermare a parlare, magari sorseggiando un bicchiere, per poi riprendere la navigazione alla scoperta di altri angoli preziosi.

L’itinerario che abbiamo percorso parte dalla base nautica di Casale sul Sile, in Veneto, e termina nella base nautica di Precenicco, in Friuli Venezia Giulia. Una crociera molto popolare che si snoda tra le più belle lagune e canali navigabili del Veneto Orientale, con una puntatina all’interno dell’immancabile laguna di Venezia.
Locande e osterie assimilate ai Baccari Veneziani le trovi passeggiando per Chioggia lungo il Canal Vena o il Canal Lombardo, esse sono il regno dei pescatori che prima di rientrare a casa fanno numerose soste assaggiando i cosiddetti “spuncioti”, una sorta di spiedino costituito da seppioline, gamberoni, tranci di pesce, calamari , polpette di pesce, frittura mista, il tutto accompagnato dal celebre Cicheto.

Nel tratto lagunare che da Chioggia porta a Venezia si costeggia il litorale di Pellestrina e San Pietro in Volta, con buoni e famosi ristoranti, ma la vera sorpresa per chi va “per Bacari” è il Ponte di Borgo a Malamocco, un’antica osteria in cui ci si innamora innanzitutto dell’atmosfera e successivamente dai profumi che si sprigionano dalla cucina. Il tempo di un cicheto e dietro al vetro vedi arrivare in sequenza alcuni assaggi che ti lasciano a bocca aperta: schie con polentina liquida, canestrei a scotadeo, moleche, moscardini, e capelonghe. Incominci gli assaggi e inevitabilmente decidi di cenare: ordini Baccalà nelle quattro versioni e quando è ora di uscire ti prometti che qui ci devi tornare portando con te quei quattro amici che non ti vogliono credere mai quando racconti le tue storie.

Superiamo Venezia e le sue isole di Murano e Burano, per arrivare alla storica conca del Cavallino dove ci si immette nel tratto terminale del Sile nelle vicinanze di Jesolo. Esattamente nel sito della vecchia Conca di navigazione è presente l’Antica Locanda alle Porte 1632. Il nome deriva dall’anno in cui ha preso il via l’attività di ristorazione a supporto dei barcaioli che transitavano in conca. La sosta merita soprattutto per approfondire quanto la locanda offre in tema di crudità e per la qualità di vini offerti dal sommelier della casa. Caorle non necessita di presentazioni per la qualità e quantità di ottimi ristoranti.

La Darsena dell’Orologio dà modo di ormeggiare nel cuore dell’antico borgo e raggiungere i pochi minuti la zona più interessante e vivace. Nel tratto di Litoranea Veneta, in una zona che apparentemente è lontana da tutto ci si imbatte inaspettatamente e piacevolmente nel Ristorante Mazarak, importante per la sua ubicazione perché l’unico che si incontra nel tratto tra Caorle e Bibione.

Attraversato il Tagliamento approdiamo in terra friulana, più propriamente nelle lagune di Marano e Grado con la cucita tipica della cultura dei Casoni (Segnaliamo tra questi l’Amico Andrea titolare del Casone Ai Fiuri de Tapo). Essi un tempo rappresentavano l’unità abitativa del pescatore lagunare e delle propria famiglia. In questi casoni, fatti ancora oggi con l’impiego di canna palustre con un gran camino centrale, si è consolidata una cucina tipica impiegando il pesce considerato non pregiato che il pescatore teneva per se e non portava al mercato. Qui nascono i Broeti de pesse, le fritture miste, i risotti, le Passere e Sarde in Saor.

Nell’Isola di Porto Anfora, al ristorante Ai Ciodi, provate ad assaggiare il Boreto de Bisato e capirete esattamente l’impiego del pescato minore nella tradizione popolare. Altra esperienza che ci sentiamo di suggerire perché rappresenta un aspetto della tradizione ormai pressoché abbandonata è la pesca con bilancione. Questo sistema è oggi praticato da pochi fortunati proprietari che per il diletto proprio e degli amici ancora pescano e consumano nel capanno appositamente attrezzato.

Nella Bilancia di Bepi, all’inizio del tratto fluviale del Stella, appena abbandonato il tratto lagunare, c’è la possibilità di ormeggiare e passare la serata pescando con il bilancione e cucinare il pescato nel casone. L’arguzia di Bepi, superando la tradizione, sta nel fatto che se non hai pescato niente c’è sempre Bepi che ti permette di avere sia pesce che il vino fresco e passare quindi la serata secondo le migliori aspettative.

Per un gruppo di amici che desiderano trascorrere una vacanza in Houseboat alla scoperta degli itinerari gastronomici la compagnia suggerisce la barca Modello Minuetto 8+, con 4 cabine, una barca nuovissima full optional, idonea ad ospitare fino a 8 persone. Nei mesi di Settembre ed Ottobre il prezzo include una speciale promozione del -20%.

 

Per saperne di più:

www.houseboat.it

 

Festival internazionale del Cibo da Strada e dei Mercati al via a Trapani

Sapori Trapanesi

 

Sapori, odori, colori, voci tipici dei Mercati fanno da atmosfera ad uno degli eventi gastronomici più apprezzati: Stragusto, il Festival del Cibo da Strada torna a Trapani, con una nuova edizione, la decima, ricca di gusto!
Tutti i giorni, dal 25 al 29 luglio 2018, nella piazza dell'antico Mercato del Pesce - luogo suggestivo e unico, che rivive nella sua dimensione naturale per accogliere i tanti turisti e appassionati – la manifestazione ospita tanti produttori di cibo da strada provenienti da diverse regioni d'Italia e dal mondo. Un percorso ideale dove gusto, cultura e tradizioni si intrecciano. Fra le specialità che caratterizzano l'itinerario goloso della manifestazione: tipicità palermitane, trapanesi, pugliesi, toscane, catanesi, ragusane, tunisine, del Madagascar, rumene e tanto altro! Fra le novità anche l’area Wine Tasting, con i migliori vini del territorio, imperdibile al tramonto, dalla splendida terrazza delle mura di Tramontana.

CARTASO CON FRITTURA DI PESCE
 
Altre importanti collaborazioni, quest’anno saranno con Averna, che sarà presente con un truck durante l’intera manifestazione per accompagnare ed esaltare le specialità e fari divertire i presenti con giochi a tema e foto ricordo; e Aperol Spritz, che farà tappa  Stragusto  – con il suo Happy tour – il giorno 26 luglio, fra giochi, drink e tanto divertimento. Media partner di Stragusto anche il portale di informazione itacanotizie.it e Radio 102, che sarà presente con alcuni dei suoi speaker per raccontare dal vivo la manifestazione.
Anche quest'anno per evitare le code alla cassa, i gettoni - degustazione sono in prevendita, a partire da lunedi, a Trapani (info point “Trapani, istruzioni per l'uso”), Marsala (Egadi Charter) e San Vito Lo Capo (libreria Arcobaleno). Sul sito www.stragusto.it, è possibile trovare tutti gli indirizzi.
L'obiettivo di “Stragusto”, iniziativa organizzata da Trapani Welcome in collaborazione con Ps Advert, la ProLoco Trapani Centro e con il patrocinio del Comune di Trapani, è quello di recuperare e valorizzare il grande patrimonio offerto dai produttori del cibo da strada, veri e propri artigiani del gusto, che tramandano la tradizione culinaria della propria zona di generazione in generazione. Il cibo, specie quello da strada è espressione e patrimonio di una comunità, è storia ma anche evoluzione delle abitudini e dei gusti, da qui nasce “Stragusto”, ed è in questo contesto che la diversità diviene ricchezza, in un luogo perfetto per questo evento, come la Sicilia, che da secoli accoglie numerosi popoli e tradizioni.  

La manifestazione compie 10 anni:
 
Quella del 2018 è un’edizione speciale perché Stragusto compie 10 anni. Sono stati tantissimi i produttori di cibo da strada che si sono avvicendati nel corso del tempo, e che sono cresciuti insieme alla manifestazione in un vero melting pot di culture, lingue, prodotti, sapori e tradizioni. Nel 2008 – in un periodo in cui non era ancora scoppiato il boom della cucina e dello street food – quella di Stragusto è stata una scommessa vinta, grazie all’impegno, la costanza e la passione per il gusto e per il recupero di antiche tradizioni delle tante persone che hanno contribuito a creare questo Festival. Negli anni la piazza si è riempita di voci, idiomi, profumi, sorrisi e soprattutto tanti gusti diversi che hanno offerto ai visitatori un’interessante panoramica anche sulle diverse culture ed etnie. Fra i sapori che si sono avvicendati nel corso di questi 10 anni, quelli trapanesi, palermitani, fiorentini, baschi, romani, friulani, panteschi, tunsini, palestinesi, umbri, greci, veneti, senegalesi, indiani, valtellinesi, balcanici, spagnoli e tanto altro! Non sono mancati inoltre i momenti didattici e di approfondimento, perché lo street food è un patrimonio da preservare e valorizzare.
 
Il luogo: Piazza Mercato del Pesce
 
Il mercato del pesce di Trapani è un luogo storico e di forte impatto scenografico; una vera e propria agorà che ha scandito negli anni le giornate di tanti trapanesi. E' il vecchio mercato adibito alla vendita del pesce, oggi portato a nuovo splendore da una recente ristrutturazione. Oltre ad essere perfettamente inserito nel contesto della manifestazione come espressione di tradizione e storia “culinaria” della città, presenta anche dei notevoli vantaggi: è in pieno centro storico, e quindi facilmente raggiungibile, ed è posto in una bella zona panoramica, tra la spiaggia ed un belvedere sul mare.
 
I prodotti in degustazione e le novità di quest’anno:
Per l’edizione 2018 non mancheranno i sapori trapanesi (la frittura di pesce, la rianata, la caponata, i dolci tipici ecc.; “u purpu” , il polpo bollito nel solco della tradizione;  i sapori tunisini fra falafel, fricassè, brik e altre specialità; i sapori fiorentini con il panino al lampredotto dello street chef fiorentino Luca Cai che da dieci anni è un punto di riferimento della manifestazione. Immancabile il cibo di strada palermitano, il pane cà meusa e quello con le panelle oltre allo sfincione e altre prelibatezze; altri stand saranno dedicati al “cùscusu” tipico trapanese; i panini con tonno e altri prodotti del territorio di Assud Cibo da Strada. In degustazione anche i dolci delle feste curati dall’associazione “Profumi di Sicilia” di Calatafimi, i sapori delle Madonie con i dolci tipici e il torrone preparato dal vivo. Un’esperienza particolare – da vedere e da gustare - sarà quella della granita tradizionale, fatta a mano tecnica madonita.
Fra le novità di quest’anno: i sapori rumeni, i sapori del Madagascar, i sapori catanesi, le scacce ragusane, i sapori pugliesi con le bombette, le delizie trapanesi a cura di Tonino Bellezza, il cibo da strada “Omega Sood” a base di sarde di Sood Sicilian Bistrot, ecc…
Novità assoluta anche l’area Wine Tasting, con i migliori vini del territorio, imperdibile al tramonto, dalla splendida terrazza delle mura di Tramontana.
Oltre ai prodotti in degustazione, rigorosamente preparati dal vivo, diversi saranno i momenti di intrattenimento e didattici all'interno dell'evento perché lo street food è un'eredità culturale da tutelare e valorizzare.
 
 
STREET FOOD IN DEGUSTAZIONE
25-26-27-28-29 Luglio 2018: tutti i giorni dalle 18.30 alle 24.00
Trapani, Piazza Mercato del Pesce
 
Sapori trapanesi  - A cura dello chef Mario Bianco
Sapori rumeni – Mici rumeni, Turte Taranesti condite, Placinta a cura di Chic Menu Bucarest
Sapori ragusani – La Scaccia a cura di Rostsicily di Piercarmelo Albani
Omega ”Sood" - a cura di Sood, Sicilian Bistrot
Sapori pugliesi – le Bombette a cura di Brace Mobile
Sapori catanesi – le Crispelle a cura di Orazio Cordai
Sapori palermitani – Meusa, Panelle e Sfincioni a cura dell’Associazione "Terra del Sole"
Sapori fiorentini - Il lampredotto di Luca Cai
Sapori tunisini - a cura di Brahim Trabelsi
I panini di "Assud - Cibo da Strada" , specialità con tonno e altri prodotti del territorio
Sapori delle feste - Associazione culturale ricreativa Profumi di Sicilia, Calatafimi
Delizie trapanesi – Timbalette, Sarde a beccafico e le Sfinci a cura di Tonino Bellezza
U’ purpu - Trattoria Poseidone
Torronificio delle Madonie - Torroni e dolci tipici siciliani
Il melone giallo - Azienda Agricola Spezia, Paceco
La Granita Tradizionale – fatta a mano con tecnica madonita a cura di Luigi Romana
Sapori dal Madagascar - Mofo Gasy e Godro-Godro a cura dell'Associazione Trapani per il Terzo Mondo
 
Come Funziona:
La formula è semplice: le pietanze, prodotte dal vivo dai partecipanti, costano da un minimo di 1 € ad un massimo di 7 €, e con i gettoni alla mano basta recarsi nei vari stand, scegliendo comodamente il proprio percorso gastronomico. I gettoni – in ‘tagli’ da uno o due euro (acquisto minimo 5 euro) - si acquistano alla cassa durante le giornate di svolgimento della manifestazione, oppure in prevendita qui:

 

Per saperne di più:

Ulteriori informazioni sulla manifestazione si potranno trovare sul sito: www.stragusto.it o sulla pagina Facebook https://www.facebook. com/Stragusto . E' inoltre disponibile l'applicazione gratuita con tutte le informazioni sull'evento, scaricabile sull'Apple Store o su Google Play. Video: https://youtu.be/KGvCivml-BQ 
 
TRAPANI
INFO POINT - TRAPANI ISTRUZIONI PER L’USO
TEL / PH +39 0923 23190
Via Torrearsa 93 - Via Garibaldi 120
Tutti i giorni dalle 9:00 alle 24.00 - NO STOP
 
MARSALA
INFO POINT - EGADI CHARTER
Piazza Matteotti, Porta Garibaldi - TEL 329 1296 984
Da Lun a Sab: dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00
 
SAN VITO LO CAPO
LIBRERIA ARCOBALENO - Via Savoia, 65
Tutti i giorni dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 20:00

 

Cantine aperte: il Movimento del Turismo del Vino apre le porte delle cantine più importanti d’Italia

cogne-cantine-aperte-2018

 

Cantine Aperte, l'attesa manifestazione di promozione enoturistica torna sabato 26 e domenica 27 maggio, quando centinaia di cantine aperte in tutta Italia faranno scoprire i posti dove si vinifica, e degustare decine di tipi di vino: bianco e rosso, spumante e rosé, da assaporare lentamente nelle ambientazioni cariche di fascino e suggestioni.

Durante l'ultimo week end di maggio, le cantine associate al Movimento Turismo del Vino organizzeranno percorsi che prevedono l’assaggio di vini direttamente nelle aziende che lo producono, momenti didattici alla scoperta dell’arte delle vinificazione, ma anche degustazioni culinarie, pranzi all’interno delle cantine o nei vigneti.

I protagonisti della kermesse sono i viticoltori italiani che producono i loro vino, insieme ai vignaioli, ai contadini che in autunno vendemmiano, gli agronomi che saggiano la qualità del vino ai sommelier che ne studiano effluvi e sapori. Cantine Aperte dal 1993 è diventato un appuntamento imperdibile per tanti turisti appassionati di enogastronomia, ma si è anche trasformato in uno stile di viaggio e di scoperta dei territori del vino italiano, che vede crescere, di anno in anno, il numero degli avventori che si recano nelle cantine per scoprire i segreti della vinificazione e dell'affinamento. Protagonisti di Cantine Aperte sono giovani, comitive e coppie, che contribuiscono ad animare le innumerevoli iniziative di cultura gastronomica ed artistica che nascono attorno all’evento in tutto il Paese, su iniziativa degli stessi vignaioli.

 

Per informazioni:

http://www.movimentoturismovino.it/it/eventi/2/cantine-aperte/

 

A Grottaglie il Vino è Musica

grottaglie vino e musica1
Il 27 e il 28 luglio il percorso on the road a Grottaglie (TA). Dal 24 al 26 luglio anteprime dedicate alla gastronomia dell’orto, al blind tasting e a workshop scientifici

La creta per trasformarsi in arte ha bisogno dei suoi tempi. Così come l’uva in vino. Il tempo è la variabile che consente a visitatori e turisti di attraversare l’ingresso dell’antico quartiere delle ceramiche a Grottaglie(TA), nell’alto salento della provincia tarantina, e ritrovarsi il 27 e il 28 luglio, a girovagare senza tempo tra botteghe, frantoi ipogei, antichi palazzi, nchiosce (vicoli chiusi del centro storico – ndr), le stanze fresche del Castello Episcopio, e le terrazze  panoramiche che si affacciano sulla gravina di San Giorgio, con un calice nella mano, la musica e il meglio della gastronomia mediterranea riproposta in chiave street-food.
 
Questo è Vino è Musica, che nella sua nona edizione organizzata dall’Associazione Intersezioni, conferma il trend che rende la Puglia destinazione turistica di eccellenza anche per questo. Un binomio perfetto creato dall’arte sapiente del saper ospitare creando atmosfere uniche prodotte dalla miscellanea di buon cibo, buon vino, posti ricchi di storia e buona musica.
 
Il Vino resta il “padrone” indiscusso della manifestazione che quest’anno ospiterà al suo interno ben 58 aziende vitivinicole provenienti da tutta la Puglia, dalla Basilicata, con la presenza anche di alcune aziende del Consorzio Qui Vulture, e dalla Campania. Ospiti d’eccezione di quest’anno oltre i vitigni autoctoni pugliesi (negramaro, primitivo, nero di troia e altri), il Grottino di Roccanova, vino DOC prodotto nella provincia di Potenza, le varie sfumature di Aglianico e i vini bianchi macerati.

grottaglie vino musica2
E i 58 produttori vitivinicoli si racconteranno nelle varie formule previste dalla manifestazione: il percorso on the road, i laboratori di degustazione e il prestigioso Blind Tasting per l’assegnazione del Premio Enologico Vino è Musica edizione 2018, presieduto anche quest’anno dall’assaggiatore internazionale di vini Enzo Scivetti, a capo di una delegazione di esperti e buyer internazionali. Il riconoscimento quest’anno si estende anche al mondo degli chef che in un contest dedicato per questa edizione all’orto si sfideranno il 26 luglio nella cena di anteprima  all’interno dell’antica Masseria Palombara di Oria. Ai fornelli per l’occasione ci saranno Rocco Violante, Alessandro Sammarco, Guido Grasso, Vanni Cafagna e Gianfranco Palmisano. Posti riservati per la Palombara mentre percorso popolare quello che dal 27 luglio si aprirà nello scenario del quartiere delle ceramiche di Grottaglie. Qui lo scambio di informazioni, come al solito sarà diretto. Il produttore racconterà il suo vino e la fatica e la storia che lo accompagnano. I banchi d’assaggio sfioreranno la maestria delle botteghe ceramiche, quella dei 12 gruppi musicali in esibizione, e quella delle postazioni gastronomiche che da sempre accompagnano la scoperta on the road di Vino è Musica.
Quest’anno le proposte sono firmate da  Rocco Violante con il suo panino d’autore, Valentina De Palma con il suo puerk v’stut, Guido Grasso con la tortillas di mare, Vanni Cafagna con una apulian crepe, e Gianfranco Palmisano con il panino bombetta gaonas.
 
Ma il vino si ritrova anche nei laboratori per cui è necessaria la prenotazione. Sette in totale curati da AIS e Slow Wine insieme all’attivissima condotta Slow Food di Grottaglie non a caso intestata a “Vigne e Ceramiche”. L’abbinamento cibo-vino sarà infatti curato proprio dai ristoranti locali soci della condotta grottagliese.
 
Padrino dell’iniziativa di quest’anno è il noto conduttore televisivo ed esperto di eno-gastronomia, Federico Quaranta, noto insieme a Tinto, per il famoso programma cult di Radio 2 “Decanter” e volto di punta delle trasmissioni TV La Prova del cuoco e Linea Verde Orizzonti.

Per saperne di più:

http://www.facebook.com/vinoemusica

 

 

Treno dei Sapori, un viaggio enogastronomico in movimento

TDS 01

 

Viaggiare sul Treno dei Sapori è una esperienza multisensoriale che si snoda lungo la linea ferroviaria Brescia-Edolo, dove modernità e tradizione s’incontrano con arte, storia, cultura, natura ed enogastronomia. A bordo di questo treno si recupera il piacere di degustare i migliori prodotti enogastronomici del territorio tra i suggestivi panorami della Valle Camonica, del Lago d’Iseo e della Franciacorta e scoprine la ricchezza artistica e culturale. Una locomotiva storica e due carrozze dotate dei più moderni comfort, con aria condizionata, impianti stereo e video, telecamere esterne e dispositivi multimediali per la proiezione in tempo reale dei paesaggi circostanti.

Il viaggio è per gli amanti della mobilità dolce, per chi apprezza i peccati di gola, per i curiosi della storia e delle storie che accompagnano luoghi e paesaggi. Una giornata su rotaia per riappropriarsi del gusto di assaporare appieno l’esperienza di un percorso enogastronomico in movimento, una gita fuori porta tra passeggiate ed escursioni alla scoperta di caratteristici borghi, affascinanti scenari, cantine artigianali e siti culturali di qualità.

Il Treno dei Sapori offre più di dieci itinerari differenti con guide esperte e sommelier certificati, per accontentare curiosi e golosi di ogni età, questi i principali tour proposti: sapori medioevali [con visita al Castello di Bornato], gusto divino [con visita dell'antico borgo S. Vitale e della distilleria Franciacorta], treno dei "pitoti camuni" [con visita al Parco Nazionale delle incisioni rupestri di Naquane], lago con gusto [con escursione a Monte Isola]. Tutti gli itinerari partono dalla stazione di Iseo e includono, oltre alle visite, il pranzo a bordo con prodotti tipici. Un’esperienza originale ricca di valore, ad un costo contenuto.


Per informazioni e prenotazioni:

Da lunedì a venerdì (8.30 – 12.30 / 14.00 – 18.00)

Tel. +39.030.6854201

Cell. 331.7714469

e-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.


Itinerari e programmi consultabili al sito:

http://trenodeisapori.area3v.com/

http://www.trenord.it/it/trenord-plus/trenord-plus/treno-dei-sapori.aspx

 

 

Cucina greca ad alta quota con Aegean Airlines

Master-of-Wine Konstantinos-Lazarakis 2-696x464

Gli chef stellati Lefteris Lazarou, Christoforos Peskias e Stelios Parliaros creano il nuovo menu per la Business Class di AEGEAN, mentre il Master of Wine Konstantinos Lazarakis consiglia i vini da abbinare ai vari piatti
Per la prima volta in assoluto, la più grande compagnia greca si appoggia a tre top chef della cucina greca moderna, Lefteris Lazarou, Christoforos Peskias e Stelios Parliaros, per il nuovo menu che racchiude gli aromi e i sapori tipici della Grecia, pensato per la Business Class. Insieme a loro, Konstantinos Lazarakis, primo Master of Wine greco della storia e consulente vinicolo per AEGEAN, aiuterà gli chef a mettere in risalto l’identità unica della gastronomia locale.
L’iniziativa “Gastronomics” si ispira ai sapori e aromi che caratterizzano la culla della civiltà occidentale, alla sua natura e ai suoi ricordi, parte integrante dell’autentica cucina greca.
I sapori ellenici approderanno su tutti i voli internazionali operati da AEGEAN, portando con sé un pezzo della cultura gourmet locale. Il menu è composto da oltre 40 piatti differenti, pensati per valorizzare cibi e vini locali di produttori grandi e piccoli provenienti da ogni angolo del Paese e per regalare un’esperienza autentica in puro stile greco.

Gli chef e il Master of Wine
Lefteris Lazarou è figlio di un ex cuoco di bordo impiegato sulle navi. All’età di 15 anni ha iniziato a viaggiare insieme al padre. È stato il primo chef a portare la cucina di mare nei ristoranti di alto livello e a far conoscere al grande pubblico i prodotti ittici più comuni, protagonisti indiscussi dei suoi piatti. È stato insignito di numerosi premi e ha conquistato una stella Michelin per il suo ristorante Varoulko Seaside. Le sue proposte sono un mix di creatività, ispirazioni raccolte in viaggio e passione per le materie prime d’eccellenza: un vero e proprio inno alla cucina greca moderna.
Christoforos Peskias, uno dei maggiori esponenti della cucina greca, è nato e cresciuto a Cipro. Si è formato sotto la guida di Ferran Adrià e Mark Menaux, anche se il suo vero mentore è Charlie Trotter. Dal 1992 è di stanza ad Atene e il suo nome si associa ad alcuni dei ristoranti più raffinati della città. Unendo tradizione e tendenze gastronomiche moderne, con uno sguardo al passato e un occhio al futuro, Christoforos Peskias sa come lasciare il suo segno inconfondibile.
Stelios Parliaros ha un modo tutto suo di coniugare ingredienti diversi e tecniche provenienti da ogni parte del mondo, utilizzando materie prime eccellenti di origine greca. Si è formato a Parigi presso l’École Lenôtre e l’Ecole Ritz Escoffier e a Lione presso l’École Valrhona, senza dimenticare la prestigiosa esperienza da Fauchon. Muovendo i primi passi in cucina, nel 1979, ha subito dimostrato la sua identità unica, contribuendo a ridefinire la pasticceria greca. Oggi è considerato il più importante Chef Pâtissier della Grecia.

Konstantinos Lazarakis (Master of Wine) è originario del Pireo. Ha studiato Ingegneria meccanica al Politecnico di Atene, affiancando lo studio della musica jazz. Nel 2002 è diventato il primo Master of Wine greco, inserendosi in un gruppo esclusivo composto da meno di 360 membri nel mondo. È diventato membro del Consiglio dell’Institute of Masters of Wine (IMW) e Presidente della relativa Commissione Viaggi. Ha vinto il Villa Maria Award per il suo straordinario contributo alla Carta dei Viticoltori, oltre alla 13a Bollinger Foundation Medal per l’eccellenza raggiunta nella degustazione dei vini. Nel 2004 ha fondato il Wine & Spirits Professional Centre LTD, filiale greca del centro formativo più influente al mondo in materia di vini e liquori, il Wine & Spirit Education Trust di Londra. Nel 2005, la casa editrice londinese Mitchell Beazley ha pubblicato il suo libro “The Wines of Greece”, annoverato tra i quattro finalisti dell’Andre Simon Memorial Award 2006 nella categoria dedicata. Nel 2006 ha ricevuto il “Noval Award” come MW Communicator of the Year. Nel 2012, l’Austrian Wine Academy gli ha conferito il titolo di “Weinakademiker onorario” in virtù delle sue attività di promozione a sostegno del vino, un onore concesso soltanto ad altre 12 persone prima di lui. Nel suo curriculum spicca anche la certificazione di Fine & Rare Wine Specialist. È co-organizzatore e presidente della Balkan International Wine Competition, che si tiene a Sofia, nonché presidente della Thessaloniki International Wine and Spirit Competition. Infine è membro della International Wine & Food Society e della relativa Commissione Vini.
AEGEAN, membro di Star Alliance, è la più grande compagnia aerea della Grecia che fornisce sin dal 1999 ad oggi servizi completi di alta qualità a breve e medio raggio. Nel 2018, AEGEAN opererà da 13 aeroporti in Italia offrendo voli diretti verso due destinazioni greche, Atene e Kalamata. In particolare, AEGEAN opererà da Torino, Milano, Genova, Bologna, Verona, Venezia, Pisa, Roma, Napoli, Bari, Lamezia Terme, Catania e Palermo. Si tratta di un totale di 14 rotte dirette e 71 voli diretti settimanali tra Italia e Grecia. Molte altre destinazioni greche, destinazioni del Medio Oriente e del Nord Africa possono essere facilmente raggiunte via Atene. Insieme alla sua controllata Olympic Air, AEGEAN offre comodi collegamenti con 31 destinazioni in Grecia e un totale di 153 destinazioni in 44 paesi. A bordo dei 61 aeromobili moderni ed eco-compatibili i passeggeri possono gustare bevande e pasti caldi, oltre alla tipica cordialità e ospitalità greca. AEGEAN è stata premiata con il premio Skytrax World Airline, come la migliore compagnia aerea regionale europea per il 2017. È l’ottava volta che la compagnia ha ricevuto questo premio, la precedente è stata nel 2009, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015 e 2016.
I voli possono essere prenotati tramite www.aegeanair.com.

 

Festa delle Fragole 2018: delizie della Val Martello

FESTA DELLE FRAGOLE-HD2


Nel weekend dal 23 al 24 giugno 2018, in Val Venosta e nello specifico nella Val Martello si svolgerà la 19° Festa delle Fragole altoatesine. Punto di ritrovo da diversi anni per tutti coloro che vogliono celebrare l’inizio della raccolta e assaggiare la dolcezza delle fragole d’alta montagna.

 

La Val Martello o valle delle fragole, immersa nell’incantevole paesaggio del Parco Nazionale dello Stelvio, si distingue per un clima mite e secco, scandito da molte giornate di sole all’anno che fanno di questo territorio un luogo adatto per la coltivazione di fragole di ottima qualità. Data l’altitudine della valle, qui i succosi e prelibati frutti rossi giungono a maturazione lentamente assimilando in modo graduale l’energia e il calore dei raggi del sole, per raggiungere, nel totale rispetto dei tempi della natura, un aroma particolare e unico.

 

La Festa delle Fragole è un appuntamento imperdibile per grandi e piccini, ma in particolare per tutti i buongustai che desiderano degustare ed acquistare questo prelibato frutto. La festa vuole essere un ringraziamento alla terra da parte degli agricoltori che si aprirà come da tradizione con il taglio della torta gigante di fragole, entrata anche nel Guiness dei primati per le sue dimensioni.

Oltre alle fragole, si potranno assaggiare, presso i vari stand i tanti prodotti locali e tradizionali della cucina altoatesina. Inoltre, concerti, gite in carrozza, escursioni guidate riempiranno il programma delle due intense giornate. Da non dimenticare la sosta al negozio di vendita al dettaglio della Cooperativa “Il Mondo delle fragole” aperto a tutti i visitatori che vogliono scoprire i segreti di questi frutti straordinari.

 

La Festa delle Fragole si svolgerà in una cornice unica, quella delle montagne della Val Martello, un evento imperdibile per tutti gli amanti della natura e dei suoi frutti.

 

Per sapere di più:

http://www.vip.coop/it/ricette-notizie/festa-delle-fragole-2018/24-2531.html

 

A Grado le cene spettacolo di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori

Visto il grande successo delle passate edizioni, che hanno richiamato ogni volta un foltissimo pubblico raffinato ed elegante, Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori ha deciso di organizzare quest’anno un duplice Dinner Show a Grado, le sere del 24 e 25 luglio, per venire incontro alle tantissime richieste di gourmet che seguono con simpatia e passione il gruppo, emblema stesso di quanto di meglio propone in tavola il Friuli Venezia Giulia. Non un solo evento, ma due, quindi per quello che è l’appuntamento del gusto più atteso dell’estate sull’Isola d’Oro.

La Cena spettacolo si svolgerà sulla passeggiata a mare di Grado, affacciata sul tramonto. Qui si snoderanno 20 tappe del gusto, di cui saranno protagonisti gli chef del gruppo guidato da Walter Filiputti. Le star della ristorazione friulana creeranno per l’occasione piatti ispirati all’estate, con i suoi sapori e i suoi profumi, e li cucineranno in diretta davanti al pubblico. Accanto alle loro postazioni ci saranno 22 tra vignaioli e distillatori delle più prestigiose aziende vinicole friulane, che proporranno raffinati abbinamenti fra cibi e vini. Attenti alle esigenze alimentari, gli chef proporranno anche piatti per celiaci e vegetariani.

La cena spettacolo sarà inoltre l’occasione per degustare i prodotti, i dolci, i gelati, il caffè, degli Artigiani del gusto, che fanno parte del gruppo FVG Via Sapori e che, insieme a  ristoratori e vignaioli, rappresentano l’eccellenza enogastronomica della regione.

  • In chiusura, ciascun chef presenterà la sua personalissima interpretazione del dolce estivo.

Il menù della serata è disponibile su www.friuliviadeisapori.it.

Le Cene Spettacolo inizieranno alle 20.00. L’entrata sarà consentita fino alle 21.00. È gradito l’abito elegante. Il costo è di 60 €.

Per saperne di più:

Tel 0432 538752 – This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. www.friuliviadeisapori.it

 

Primavera Istriana per buongustai

MoreNaTanjuru-645

Ph credits: coloursofistria

Croazia, Istria. Frutti di mare, capesante ed eccellenti vini locali negli eventi primaverili delle perle dell’Adriatico.

14 aprile 2018: Sweet Wine and Walk. 19 maggio 2018: Istria Wine and Walk. 20 maggio 2018: Il mare nel piatto. 27 maggio 2018: Cantine aperte. 1 giugno 2018: Serata della capasanta cittanovese.

 
Un mese dedicato alla capasanta e ai frutti di mare, alla Malvasia, al Terrano, al Moscato e agli altri ottimi vini istriani. Sono questi infatti i protagonisti dei diversi appuntamenti culinari che si susseguono dal 19 maggio all’1 giugno 2018, coinvolgendo le 4 perle dell’Adriatico: Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie.

Occasioni ideali sicuramente per degustare i prodotti tipici locali, ma anche per conoscere il territorio in uno dei periodi più belli dell’anno, entrare in contatto con le famiglie e i produttori del posto, scoprire aneddoti e curiosità legati a questa terra e ai suoi prodotti.

Tra vigneti e cantine a caccia del buon vino

L’appuntamento di quest’anno con l’Istria Wine and Walk raddoppia e viene preceduto dal nuovo evento Sweet Wine and Walk che si terrà sabato 14 aprile 2018 a Momiano, la capitale del Moscato. Una passeggiata di 7 km, 4 punti di ristoro con la selezione di 4 rinomati produttori di vino istriani e deliziosi stuzzichini locali, divertimento con ottima musica e ballo per tutti.

Il viaggio enogastronomico inizia a Momiano, dove ogni partecipante riceverà la propria borsa con la card e il bicchiere da degustazione, l’acqua e la mappa del percorso. Durante la camminata sono previste 4 soste nelle cantine dei rinomati produttori di vino locali dove assaggiare diversi tipi di moscato e altri vini pregiati, abbinati a formaggi giovani, a noci e miele, alla pasta pljukanci con le erbe e al dolce tipico locale. Si passerà anche per l’antico castello di Momiano e successivamente per la galleria dell’artista locale Silvia Cindrić, fino a raggiungere l’inizio del percorso, dove una festa con musica live attenderà buongustai e sportivi.

Formula simile, sabato 19 maggio 2018, per il già collaudato Istria Wine and Walk, un’escursione all’insegna del buon vino e della natura istriana nella città di Buie. 11 km attraverso vigneti, cantine, belvedere, parchi naturali e mostre, con una tappa rinfrancante ogni 2 km ca. In tutto saranno 7 i punti di ristoro lungo il percorso, dove viticoltori, produttori e ristoratori locali presenteranno le loro prelibatezze gastronomiche, abbinate naturalmente agli eccellenti vini istriani.

Alla partenza, anche in questo caso, i partecipanti ricevono il calice da degustazione e la mappa del percorso. Tra le tappe previste: il Vigneto Santa Lucia, il Belvedere della collina di Castagnari con vista sulle vette della Ciceria e sul mare, il Parco naturale di Scarline con i suoi ruscelli e laghetti, la Galleria Tigor con la mostra “Olive”, le Cantine vinicole Cattunar e Veralda situate nei pressi di Verteneglio. Alla fine del percorso un party attenderà gli instancabili camminatori con un mercato locale a base di prodotti tipici.

Il mare nel piatto

È il secondo appuntamento del Gnam-Gnam Fest: Il mare nel piatto, in programma per domenica 20 maggio 2018 a Cittanova, nel cuore del centro storico, ai piedi del campanile e dei pini centenari, a due passi dal mare. Una vera e propria festa per il palato dedicata ai piatti a base di pesce e frutti di mare.

Nel corso dell’evento gli esperti chef preparano piatti originali frutto del loro genio creativo a base di prelibatezze di mare, da abbinare naturalmente ai pregiati vini locali. Alla piccola fiera organizzata di contorno all’evento, agricoltori e produttori propongono i frutti del loro prezioso lavoro, gli ottimi oli extravergini d’oliva, formaggi e prodotti caseari, prosciutto e salami, paste fatte in casa, prelibati dolci, cosmetici naturali e molto altro ancora. Viene inoltre allestita anche una mostra di souvenir originali e manufatti, mentre un programma musicale e d’intrattenimento accompagna l’evento.

In occasione del weekend che precede la manifestazione, i ristoranti e le trattorie di Cittanova mettono a disposizione ottimi piatti tipici e menu a tema a base di pesce e frutti di mare.

Tutti in cantina

L'occasione ideale per una gita nell'Istria nordoccidentale è la Giornata delle porte aperte delle cantine vinicole, organizzata dalla Strada del vino del Buiese, come tradizione vuole, domenica 27 maggio 2018. In questa data i produttori di vino spalancano le porte del loro regno e per tutto il giorno offrono i loro prodotti migliori, gli eccellenti vini istriani, accogliendo con molto entusiasmo e attenzione visitatori e degustatori.

Assolutamente da provare le ottime qualità autoctone come la bianca Malvasia istriana, il rosso Terrano e il Moscato di Momiano, varietà specifica della zona attorno a Momiano, vicino a Buie. Degustare i vini e visitare le cantine significa anche conoscere le storie e gli aneddoti che stanno dietro alle diverse etichette, entrare in contatto con le famiglie e le aziende agricole produttrici, con le loro tradizioni e modi di fare.

La capasanta cittanovese

Una manifestazione gastronomica tutta dedicata alla capasanta e agli altri molluschi: la Serata della capasanta cittanovese che si tiene al Mandracchio a Cittanova venerdì 1 giugno 2018.

Una tavola lunga una decina di metri, allestita nel porto, farà bella mostra dei piatti a base di capesante e altri molluschi, disponibili per l’occasione a prezzi convenienti, e di altri prodotti locali. Durante la manifestazione non mancheranno show-cooking, intrattenimento musicale, giochi divertenti, angolo per bambini con animazione.

Infine durante il fine settimana della capasanta, ristoranti e locali di Cittanova offrono menu speciali con piatti a tema, presi dalle ricette tradizionali istriane, come le irresistibili capesante alla griglia, le aromatiche busare di molluschi, risotti o diversi tipi di pasta arricchiti con gli eccellenti frutti del Mar Adriatico.

Tutti i colori dell’Istria

Coste chilometriche e spiagge accarezzate da un mare cristallino, villaggi di pescatori che colorano l’entroterra e affascinanti borghi ricchi di cultura e storia. Siamo in Istria, nella parte nord occidentale, quella più vicina al confine italiano, dove sorgono 4 perle dell’Adriatico: Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie. Un territorio ricco di meraviglie naturali, una tradizione culinaria che gode dei prodotti locali, strutture di lusso e comfort con centri benessere all’avanguardia: tutto questo assicura una vacanza all’insegna di cultura, wellness e buona cucina. Un ventaglio di colori, profumi e sapori!

Info: Comprensorio turistico di Umago, Cittanova, Verteneglio, Buie www.coloursofistria.com

 
Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Caterina Emma Colacello, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi,  Silvana Carminati, Rossella Barbetti.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information