Hotel Royal Victoria e Hotel Villa Cipressi:bien vivre sul lago di Como

Martedì 31 luglio torna l'evento più glamour dell'estate: la 4^ edizione della Festa della Regina. Cena gourmet e spettacolo pirotecnico, gli ingredienti della serata.Corr

See more details
A Certaldo (Fi) Mercantia - XXXI Festival internazionale del teatro del giullare

ph credits: certaldo.it Dal 11 al 15 luglio 2018 “Tra la Terra e il Cielo” si apre il quarto decennio del Festival sulle origini del giullare. Festival nuovo, valori i

See more details
Notte Rosa: capodanno estivo da vivere in allegria

Vivi in rosa…“Pink your life”. Giunta alla 13a edizione, la Notte Rosa della Riviera Romagnola, uno degli appuntamenti estivi più attesi in tutto il Paese, invita i s

See more details
Un rigenerante bagno nella foresta

 La pratica giapponese del Forest Bathing fa bene alla salute fisica e mentale. Ecco i luoghi più immersivi d’Italia in cui respirare l’atmosfera dei boschi e sentir

See more details
Piemonte! 100 emozioni in bici tra bric e foss

100 percorsi geomappati, 4300 km attraverso 5 siti Unesco, 355 comuni, 17 parchi e riserve, 136 tra Dop, Dogc e Igp, 200 strutture ricettive a misura di biker…E poi pievi

See more details
Le 18 esperienze imperdibili dell’estate 2018 a New York City

Arte e cultura, eventi sportivi, NYC Restaurant Week®, e molti altri appuntamenti animeranno la città nel corso dei prossimi mesi  New York City  invita i visi

See more details
A Bologna inizia la decima edizione di IT.A.CÀ, il primo e unico festival in Italia sul turismo responsabile

  Si apre ufficialmente a Bologna, venerdì 25 maggio, la prima tappa di IT.A.CÀ, migranti e viaggiatori: un inizio importante che sigla il decennale del festival

See more details
5 miti da sfatare su West Hollywood

West Hollywood, o WeHo come è nota ai locali, è una piccola città da molti conosciuta per quello che non è. Non è Hollywood (un quartiere di Los Angeles), non è un qua

See more details
La Farnesina indica i Paesi più pericolosi per andare in vacanza quest'anno

  Nella sua comunicazione ufficiale dei Paesi più pericolosi per trascorrervi le vacanze, la Farnesina quest'anno sconsiglia di recarsi in Cisgiordania e nella Città

See more details
Borg El Arab è la nuova meta sul mare dell’Egitto

  L'Egitto è una nazione che si rivela continuamente, alle sue famose località di mare ogni tanto se ne aggiunge una, è il caso di Borg El Arab, la nuova meta sul m

See more details
"Fiore di pietra", il nuovo rifugio sul Monte Generoso, realizzato da Mario Botta

  Il Monte Generoso,1701 metri, nelle Prealpi comasche è al confine di Stato tra l'Italia e la Svizzera; dal versante svizzero si arriva in cima grazie 

See more details
Parma dal 7 maggio diventa il palcoscenico di Cibus 2018

  Parma, che nel 2015 ha conquistato il titolo Unesco di "Città Creativa per l'Enogastronomia", è ambasciatrice della Food Valley internazionale, per la miriade

See more details
Una vacanza speciale su due ruote: il giro della Catalogna in bicicletta

  La vacanza è, per autonomasia, il momento in cui si esce dalla quotidianità e si sceglie un'alternativa temporanea per ritemprarsi, per godere delle novità e per

See more details
All'Agriturismo “Il Rigo” potete immergervi nel fantastico territorio delle Crete Senesi

  All'Agriturismo “Il Rigo” potete immergervi nel fantastico territorio delle Crete Senesi   L'azienda agricola il Rigo sorge in mezzo alle Crete Senesi, in

See more details
Borgo Egnazia, ritrovare la forma nella masseria pugliese a 5 stelle

Borgo Egnazia si trova nei pressi di Fasano, antica e misteriosa città della Puglia, in provincia di Brindisi, la sua architettura ricorda un tipico villaggio pugliese sosp

See more details
Costarica 2018: wellness "pura vida"

ph credits: puravidauniversity.eu Costa Rica è la destinazione perfetta dove praticare yoga, meditazione e ritrovare il proprio benessere attraverso una vacanza rilassante

See more details
Capodanno da "mille e una notte" a Cortina

  A Capodanno cene romantiche, allestimenti da fiaba, cocktail in centro e party in quota, con infinite possibilità di divertimento sulla neve e baci che non si dimen

See more details
Festività alla Terme dell'Emilia Romagna

Le località termali delle Terme dell'Emilia Romagna sono le mete ideali per trascorre piacevoli momenti durante le festività natalizie e godere della magia di percorsi rig

See more details
Autunno di yoga nella Valle di Gastein

Si è appena rientrati dalle vacanze ma si è già alla ricerca di nuove energie per affrontare il lungo inverno? Perché non organizzare un break nel Salisburghese all’in

See more details
Colico: colorata e libera come le vele dei Kitesurf

Di Giovanna FidoneColico è un comune italiano di 7743 abitanti della provincia di Lecco (il decimo per numero di abitanti)  in Lombardia ma è storicamente legata alla p

See more details
Estate a tutta adrenalina in Valtellina

Estate a tutta adrenalina in Valtellina Se l'adrenalina è uno degli elementi fondamentali della vostra vacanza, la Valtellina è la località che fa per voi. Ecco le attiv

See more details
Bad Moos Dolomites Spa Resort: per una vacanza all'insegna dello sport e del benessere

di Michela Crippa Nel cuore del Parco Naturale delle Dolomiti di Sesto, nella Val Fiscalina, sorge il Bad Moos (www.badmoos.it), hotel di autentica tradizione altotesina, l

See more details
Le ultime spiagge … inesplorate del Centroamerica

..e quelle premiate dagli utenti di TRIPADVISOR in tutto il mondo   Tra le dieci migliori spiagge del Centroamerica 2017 (ideali anche per snorkeling!) secondo gli ut

See more details
Isole Cook: a piedi nudi in paradiso

Vacanza sostenibile ma all’insegna del lusso “casual”. Alle Isole Cook è possibile! Godetevi il comfort degli splendidi resort posti sulle magnifiche spiagge della Po

See more details
Sawadee! Capodanno 2017 in Thailandia

Cosa c’è di meglio di un viaggio per brindare al nuovo anno? Foreste verdissime dalla ricca fauna esotica, bianche spiagge lambite da acque limpide e cristalline, splendidi

See more details
Caldo inverno caraibico a bordo di un veliero

Dimenticate l’inverno. Salite su Royal Clipper e Star Flyer per solcare le acque cristalline del così detto «ottavo continente», una miriade di rigogliose isole vulcani

See more details
Cortina: stagione bianca all'insegna del "Wellbeing"

ph credits: www.bandion.it Un inverno ricco di momenti di benessere, per il fisico e per la mente. Tra stanze di vetro sotto il cielo stellato, saune in alta quota, Spa con v

See more details
Il Brasile da sogno è anche low cost

   Consigli di viaggio e itinerari nella Regione di Lagos-Rio de Janeiro, per chi vuole contenere i costi di viaggio ma non intende perdersi le destinazioni più sug

See more details
Agosto: Provenza in fiore a Digne-les-Bains

di B.L. ph: Atout France/Emmanuel Valentin Grandi distese di colore viola e un profumo appassionante che riempie l’aria, una vera gioia per il corpo e lo spirito, una de

See more details
Personaggi & miti delle British Virgin Islands

Esploratori, pirati e scrittori: le Isole Vergini Britanniche sono un paradiso ricco di leggende e aneddoti che rivivono attraverso l’esplorazione di affascinanti relitti

See more details

La rivista

White Turf St.Moritz - Passion for races!

Swiss Image esm1501 1. Andy Mettle

Purosangue da tutta Europa e blasonati fantini si sfidano in un eccezionale anfiteatro di neve e ghiaccio con oltre 30'000 spettatori che accorrono per seguire gare emozionanti davanti allo splendido scenario delle montagne svizzere. Ecco spiegata in poche righe l’essenza della corsa sul “Tappeto bianco” o “White Turf”, di  St. Moritz.
Fondata nel 1907, questa corsa internazionale su ghiaccio ricca di fascino e tradizione, appartiene al circolo esclusivo dei “Top Events in Svizzera” ed è certamente uno degli appuntamenti più attesi della stagione invernale. Una raffinata festa collettiva che fa convergere nel candido salotto sportivo del lago ghiacciato di St. Moritz appassionati, turisti e famiglie da tutta Europa.
Si parte il 7 febbraio con un calendario che prevede altri due appuntamenti nelle domeniche successive (14 e 21/02) con gare di galoppo, trotto, ostacoli ma non solo. Tra le discipline più spettacolari che hanno contribuito a rendere il White Turf  una competizione quasi leggendaria le corse a traino, con gli atleti più coraggiosi che si sfideranno sugli sci trainati da cavalli al galoppo.

Swiss Image esm9818 Michael Mettler small Swiss Image esm8366  Christof Sonderegger slitta small

I temerari dello Skikjöring
Tra le gare che attirano più spettatori vi sono le esclusive mondiali del “Credit Suisse Skikjöring”. Anche nel 2016, temerari sugli sci si lasceranno trasportare da un purosangue senza fantino sino a raggiungere velocità di 50 km/h su uno scricchiolante percorso su ghiaccio. Coraggio, forza e know-how sciistico sono gli elementi chiave per determinare chi, a conclusione delle tre domeniche di gara, avrà totalizzato il maggior numero di punti e potrà fregiarsi del titolo di  “Re dell’Engadina”.

Nuova zona spettatori: apertura dell’ovale coperto
Grazie alla completa riorganizzazione dell’imponente  città tendata sul lago di St.Moritz. i responsabili dell’accoglienza si sono ulteriormente perfezionati per garantire il massimo comfort ad atleti e spettatori:  dalle tende riscaldate destinate alle competizioni, sino alla prima apertura dell’ovale coperto per un numero limitato di spettatori che potranno così vivere la corsa da un luogo privilegiato.

Swiss Image esm Max Weiss Swiss Image esm1516 2 Andy Mettler


Show. musica e spuntini..
Quest’anno come non mai, vale la pena arrivare sul lago ghiacciato di St.Moritz prima dell’inizio delle gare. Non soltanto nelle pause della corse al galoppo, al trotto, ad ostacoli e di skikjöring, ma sempre, a partire dalle 10.30, nuove attrazioni nell’area eventi che si estende per 130.000 m².   
Per la gioia degli appassionati di musica e di danza, saranno diversi i palcoscenici sui quali si esibiranno di volta in volta band di musica live. Il tutto in collaborazione con il  “Festival da Jazz St.Moritz”, con il quale White Turf ha iniziato recentemente una fruttuosa cooperazione. Aziende locali ed hotel offriranno spuntini stuzzicanti e gustosi e menu gourmet, snack dolci e salati, specialità regionali ed esotiche, acqua minerale, cocktail o champagne per consentire agli spettatori di White-Turf di godere al massimo dell’incredibile varietà a disposizione. Esposizioni, come ad esempio quella dei membri dell’associazione artisti engadinesi, inviteranno alla scoperta e al movimento. Tra le altre attrazioni, anche il White Turf Fan-Shop, con un ampliato assortimento di abbigliamento di qualità e di souvenir dallo stile unico. Show spettacolari contribuiranno poi alla sorpresa e al divertimento in generale.
 
Famiglie benvenute: giri in pony e molte sorprese al Paradiso per bambini
L’associazione Hotellerie Suisse St.Moritz offrirà quest’anno un Paradiso per bambini sul lago ghiacciato di St.Moritz con giri in pony per i più piccoli, truccabimbi, foto ricordo, laboratori di pittura e altre fantastiche attività per bambini. Inoltre, saranno nuovamente disponibili speciali pacchetti famiglia per potersi permettere una visita al White Turf con grandi e piccini: due adulti con sino a tre bambini potranno prendere posto insieme sulla tribuna C al prezzo totale di 100,00 CHF, mentre un adulto con un massimo di tre bambini pagherà invece 50,00 CHF. Come sempre, i ragazzi sotto i 16 anni potranno usufruire gratuitamente dei posti in piedi.

Per saperne di più:
www.whiteturf.ch

 

Jamaica "Christmas Breeze"

jamaica beach credits visit jamaica
A Natale in Jamaica, il sole caldo e il cielo blu rendono lo scenario diverso da quello a cui siamo tradizionalmente abituati. In alcune zone dell’isola spira la cosiddetta Christmas Breeze, una leggera brezza da nord-est, che anticipa il Natale e ricorda ai jamaicani che è giunto il momento di preparare i tradizionali dolci e doni natalizi.

Il fruscio delle foglie si mescola al tam tam dei tamburi, suscitando trepidazione per l’arrivo dei tradizionali danzatori Jonkunnu che, in questo periodo, sfilano per le strade in costumi e maschere di ogni tipo. Le danze ripercorrono le tappe della storia del popolo jamaicano, fino ad arrivare alle loro antiche radici africane.
Un altro evento tipicamente natalizio della Jamaica è il Grand Market (o Gran'Market), una fiera che viene svolta in tutta l'isola con stand di vari cibi come le torte di pinda (nome africano per le arachidi) e prodotti artigianali. Per tradizione durante la Vigilia di Natale alcuni mercati sono decorati con striscioni colorati, palloncini e grandi campane e i residenti indossano costumi colorati e cappelli brillanti. Questo spettacolare evento continua tutto il giorno e la notte.
Ciò che rende singolare il Natale in Jamaica sono le specialità culinarie che rappresentano una vera e propria tentazione per il palato. La cucina jamaicana è saporita e speziata, frutto di una mescolanza di sapori africani, cinesi, indiani ed europei. È un mosaico composto dai sapori tipici delle culture da cui discende il popolo jamaicano, come recita il motto dell’isola: "out of many one people" (da molte genti un unico popolo).

Il giorno di Natale troviamo in ogni casa tavole imbandite, ma c’è sempre chi decide di trascorrere la giornata in spiaggia, organizzando un picnic. In ogni caso, non mancheranno di certo il tradizionale tacchino natalizio e il celebre saltfish (baccalà) servito con ackee, il frutto nazionale dall’aspetto di una pera di colore arancione. Attenzione: gli spicchi del frutto vanno bolliti perché altrimenti sono velenosi! Altre specialità tradizionali natalizie sono l'arrosto di prosciutto, pollo, coda di bue o capretto al curry, accompagnato con yam dolce chiamato "yampi". Come dolce natalizio viene servita la torta di frutta jamaicana, preparata con frutta inzuppata di rum e porto. Insostituibili a tavola sono anche i goongoo peas, una varietà di piselli dal sapore molto simile alle lenticchie, il breadfruit l’albero del pane servito bollito, arrostito o fritto e il sorrel wine, che è la tradizionale bevanda natalizia, di colore rosso che si ottiene dalle bacche del sorrel (un arbusto molto comune sull’isola) lasciate fermentare finché diventa una dolce bevanda rossa, che viene servita con zenzero, chiodi di garofano, pimento e rum bianco.

Per saperne di più:
www.visitjamaica.com/

 

Benvenuti in Val Senales: neve e divertimento 365 giorni all’anno

Mario Entero Val Senales
di Giovanna Fidone

Nel cuore delle Alpi altoatesine, vicino a Merano e lontano da frastuoni e modernità, immersi nell’aria pura, tra gente accogliente e piste da favola: benvenuti in Val Senales.
Siete pronti a partire?
Se amate sciare, da settembre a metà luglio, le spaziose cabine della funivia che parte dal  delizioso paese di Maso Corto sono in grado di trasportare fino a 80 persone in 6 minuti sul Hochjochferner, ghiacciaio perenne, dove una discesa a valle di 8 km attende tutti gli appassionati di sport invernali, principianti ed esperti, tra i quali molte squadre nazionali che scelgono queste piste curate e spaziose per allenarsi. Se si preferisce anche da valle è possibile raggiungere le piste vicine con la seggiovia.

Funivia Val Senales low Alex Filz Val Senales slittino low

La zona è nota anche per la sua vicinanza con il luogo del ritrovamento di Ötzi, sul Giogo di Tisa, la mummia risalente a 5 mila anni fa, il cui recupero è unico e particolare perché quest’uomo si è conservato perfettamente, con tanto di vestiario ed equipaggiamento completo (nel museo dedicato a Bolzano è possibile vedere la mummia ed essere guidati in merito al ritrovamento). Il ghiacciaio non offre solo sport tutto l’anno e natura: anche ad alta quota l’accoglienza è la parola d’ordine.

Stefan Schütz Val Senales bimbi low rifugio low 
Se volete provare un’esperienza unica non potete non passare una notte al Rifugio Bellavista a 2.845 metri che, circondato dai ghiacci della vedretta del Giogo Alto, pur mantenendo integro lo spirito alpino raggiunge standard elevati di qualità e comodità. Da non perdere l’igloo e la sauna esterna più elevata d’Europa. Se volete salire ancora vi aspetta il moderno ed elegante Glacier Hotel Grawand, che  svetta a 3.212 s.l.m., circondato dalle cime più alte della catena montuosa delle Alpi dell'Ötztal come la Palla Bianca, il Similaun e il Wildspitz. Se volete riposare più a bassa quota raggiungete Certosa, un delizioso paese che ospitava un monastero benedettino. La famiglia Grüner, proprietaria anche del Rifugio Bellavista, vi accoglierà nel loro albergo Rosa D’Oro e nel Residence Palla Bianca. Verrete coinvolti in serate deliziate da cucina sopraffina e se amate i canederli preparatevi ad assaggiarne di diversi e originali, sempre di alta gastronomia.

gruener sauna low gruener-gastro low
Per rifocillarsi dalle mattine sulla neve non perdetevi l’area wellness recentemente ristrutturata. A disposizione dei clienti anche la linea Glacisse (il segreto del ghiaccio), che sfrutta un elisir estratto direttamente dal ghiacciaio. Sempre restando in ambito culinario e ricettivo, la Famiglia Raffeiner, vi attende all’Hotel Oberraindlhof il vecchio maso che negli anni si è trasformato in una calzoleria per poi diventare oggi un albergo/ristorante che lega tradizione e modernità. Un consiglio per i buongustai? La pasta tipica della Val Senales condita con l’agnello, una delizia da ricordare con nostalgia insieme con il loro tiramisù con ingradienti alpini. Per rivivere l’esperienza di una vita scandita solo dai tempi della natura vi basta una visita al maso Finailhof  “Il maso sul pendio” della famiglia Gurschler. Dal 1416 con la sua storia particolare e la sua posizione impervia lungo un pendio a quasi 2000 metri di quota, il maso Finailhof figura tra i punti di ristoro più interessanti dell’Alto Adige con una vista panoramica mozzafiato sul lago artificiale di Vernago! Per finire un cenno sulla transumanza: già da millenni ogni anno, a metà giugno, le pecore (oggi quasi 4000) e le capre (oltre 300) attraversano il valico alpino per spostarsi da Senales e dal Sonnenberg di Silandro ai pascoli estivi dietro la Ötztal (Austria), evento accolto con grandi festeggiamenti che ricordano che la val Senales crede nelle proprie tradizioni pur aprendosi al cambiamento che rispetta le proprie origini. Cultura, sport, natura e accoglienza: tutti ingredienti che la Val Senales mesce con garbo e professionalità. Per una vacanza da ricordare e rivivere al più presto!

Per saperne di più:

www.valsenales.com

 

Germania. Francoforte: andar per arte e cultura

Skyline Nacht 15-TCF foto-Jochen-Keute

Nel 2016 Francoforte presenta uno ricco calendario espositivo, confermandosi come una delle capitali artistiche più vivaci e interessanti d’Europa: merito delle mostre di grosso...

Il calendario espositivo di Francoforte si apre a febbraio alla Schirn Kunsthalle con „Joan Miró. Tele di grande formato, quadri del mondo“. Dal 26 febbraio al 12 giugno 2016 la mostra presenta una ricca collezione di opere e alcuni aspetti finora poco discussi del grande maestro del XX secolo. Con le sue opere ricche di fantasia Joan Miró è uno dei più importanti esponenti del surrealismo, che ha saputo a sviluppare un immaginario a se stante fatto di linee, colori, segni e simboli (www.schirn.de).

Quasi contemporaneamente lo Städel Museum ospita le opere dei maestri del Manierismo fiorentino Andrea del Sarto, Pontormo, Rosso Fiorentino, Bronzino e Vasari. La mostra „Maniera“ (24/02 – 05/06/2016) presenta un capitolo affascinante della storia dell’arte italiana con oltre 120 opere, tra cui prestiti dalla National Gallery di Londra, dal Metropolitan Museum of Art di New York, Getty Museum di Los Angeles, Louvre di Parigi, Prado di Madrid nonché dagli Uffizi e dalla Galleria dell’Accademia di Firenze (www.staedel.de).

Anche il Museum für Moderne Kunst MMK2 collabora con i musei più importanti d’Europa per „Il museo immaginario“ (24/03 – 11/09/2016), una mostra che raccoglie oltre 60 capolavori provenienti dal Centre Pompidou di Parigi, dalla Tate Liverpool e dall’MMK Museum für Moderne Kunst di Francoforte.

Punto di partenza dell’esposizione è uno scenario catastrofico: l’arte sta per scomparire e solo poche opere possono essere salvate. Come? Grazie a una capsula del tempo, dove conservarle per il futuro (www.mmk-frankfurt.de).

Oltre alle tre mostre Francoforte si prepara a un altro importante evento del suo calendario culturale 2016: la riapertura del Museo Judengasse dopo anni di lavori di ristrutturazione. Dal prossimo marzo la città sul Meno offrirà un nuovo percorso alla scoperta della storia e cultura degli ebrei a Francoforte nel Medioevo e agli inizi dell’età moderna. Per la prima volta verranno esposti dipinti, oggetti religiosi e della vita quotidiana, libri e documenti del tempo della Judengasse, il ghetto ebraico di Francoforte dal 1462 al 1796. Con lo spostamento dell’ingresso principale in direzione della piazza Neuer Börneplatz e del cimitero ebraico il contesto storico del Museo Judengasse incontra il memoriale degli ebrei di Francoforte deportati e uccisi. Anche il cimitero, con una storia risalente almeno al XIII secolo e negli ultimi 20 anni luogo di ricerca storico-scientifica, diventa uno dei monumenti più significativi che la città presenta al pubblico di cittadini e visitatori (www.juedischesmuseum.de)

Lo strumento più semplice e conveniente per scoprire il ricco il panorama culturale di Francoforte si chiama Frankfurt Card, la carta turistica che offre l’uso gratuito dei mezzi di trasporto pubblici e agevolazioni per l’offerta culturale in città.

Per saperne di più:

 http://www.frankfurt-tourismus.de/en/Accommodation/Package-Deals/Package-Deals

 

Dal Monte Rushmore alle Black Hills: la natura prende forma

MONTE RUSHMORE

di B.L.

Ci sono monumenti che per la loro straordinarietà sono in grado di richiamare immediatamente alla mente un luogo o, addirittura, i principi fondanti di una nazione intera celebrandone la storia e la tradizione. L’impressionante ed ardita scultura del Monte Rushmore, con i famosi volti dei quattro presidenti USA scolpiti nella roccia, rientra indubbiamente in questa tipologia. Raramente, infatti, un monumento può essere associato in modo così immediato allo spirito di libertà, agli ideali di uguaglianza e all’anelito di democrazia che da sempre contraddistingue l’intera nazione degli Stati Uniti d’America.
Situato nel South Dakota, nelle alte pianure del Midwest, il Monte Rushmore è posto nel cuore delle splendide Black Hills, un’area dominata da un’incredibile vastità di spazi e da una natura che, per colori, vegetazione e suolo, non ha simili in altre parti del mondo. E’ forse per questa ragione che uno studioso della storia dello stato americano, Doane Robinson, scelse proprio questo luogo per la realizzazione di un monumento imponente allo scopo di promuovere il turismo nel South Dakota. Fu Gutzon Borglum, lo scultore aggiudicatario, allievo di Auguste Rodin, ad avere l’idea di scolpire nel granito un’opera che possedesse un forte significato patriottico, anche in considerazione del fatto che i turisti dell’epoca erano pressoché tutti americani.
A partire dal 1927, Borglum lavorò per tre anni e con 400 operai (tra i quali il capo-scultore italiano, Luigi del Bianco) per plasmare, a colpi di dinamite e martello pneumatico, gli enormi ritratti dei Presidenti che avevano contraddistinto i primi 150 anni della storia americana: George Washington, Thomas Jefferson, Abraham Lincoln e Theodore Roosevelt. Le dimensioni delle quattro sculture sono gigantesche: la testa di Washington, ad esempio, è alta 18 metri, il suo naso è lungo 6, gli occhi misurano 3 metri di larghezza e la bocca è larga 5 metri.
Oggi l’intero complesso monumentale, nella sua imponenza e nella sua accurata scenografia, ispira meraviglia e senso di grandiosità. Partendo dall’ampio parcheggio, si inizia a salire lungo il pendio rettilineo, fiancheggiato dai cippi commemorativi dei 50 Stati americani e da una serie di stanze e costruzioni che ospitano cimeli di storia americana unitamente a testimonianze della storia della costruzione del sito.
Dopo aver percorso nella sua interezza il viale si viene ammessi alla vista del monumento che si staglia imponente e severo sulla sommità della collina di fronte, ben visibile nonostante la distanza, grazie alle notevoli dimensioni, e circondato da una vegetazione lussureggiante che rende ancor più maestoso l’intero complesso.
La città più vicina (a circa 45 minuti d’auto) è Rapid City. Circondata da montagne ricoperte di pini e considerata la “città più patriottica d’America”, deve la sua fondazione allo sviluppo minerario della zona a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, quando vi si riversarono centinaia di minatori e di cercatori d’oro. Si presenta come una piccola realtà ordinata e accogliente che offre al turista un'ampia scelta di sistemazioni alberghiere, luoghi per fare shopping ed esperienze gastronomiche.
Rapid City è il punto di partenza ideale per visitare l’area delle Black Hills, i cui dintorni con le immense praterie sono stati portati a conoscenza dei più grazie al famoso film del 1990 di e con Kevin Costner: “Balla coi lupi”.  Viaggiando lungo la Highway 44, si raggiunge il Badlands National Park, celebre per le sue formazioni rocciose e i canyon che ospitano animali selvatici come il coyote, il cervo mulo, l'antilocapra e il bisonte. I visitatori possono esplorare il parco accompagnati da guardie forestali o avventurarsi fuori dalla pista, nella Sage Creek Wilderness Area, sulla quale l'unico percorso è quello tracciato dai bisonti. Dopo il tour nel parco si consiglia una sosta al Wall, il drug-store costruito nel 1931 e perfettamente conservato.

Wind Cave

ph: Sara Feldt

Il tour continua verso il Custer State Park, 280 Kmq di panorami spettacolari e numerosissimi animali selvatici. La famosa mandria di bisonti del parco vi pascola liberamente insieme a cervi, alci e cani della prateria. Qui la natura ha dato il meglio di sè e, percorrendo le rive del piccolo lago di Sylvan Lake, si può ammirare la maestosità delle foreste di abeti che fanno da cornice all'intera regione.
A sud del Parco Custer, lungo la Highway 87, si trova il Parco Nazionale Wind Cave che preserva un “paese delle meraviglie sotterraneo”, lungo più di 100 miglia, denominato “Jewel Cave” e che è riconosciuta come una tra le grotte più estese del mondo. Vi si possono scoprire cunicoli inesplorati plasmati dal vento e formazioni di calcare talmente perfette da sembrare l'opera della mano di un artista.
A breve distanza si trova il Crazy Horse Memorial, tuttora in costruzione, volto a celebrare le minoranze dei nativi d’America attraverso un scultura che raffigura uno dei più celebri capi tribù del passato: il Capo Cavallo Pazzo. Alla fine il complesso risulterà ancora più gigantesco di Mount Rushmore. In fondo basta percorrere le stradine secondarie degli Stati del sud per rendersi conto che in molte zone d’America la Guerra di Secessione non è ancora finita.

Per saperne di più:
http://www.nps.gov  National Park Service – U.S. Department of the Interior

 

Page 9 of 23

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Caterina Emma Colacello, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi,  Silvana Carminati, Rossella Barbetti.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information