Dal 19 al 21 ottobre Seppia protagonista ad Ostia

L'associazione Ostia Ristora presenta la prima edizione della Sagra della Seppia che avrà luogo nei giorni 19, 20, 21 ottobre 2018 presso il Camping Roma Capitol nel cuore della pineta di Castelfus

See more details
Eurochocolate Perugia 2018

  Sarà un Eurochocolate con l’argento vivo addosso la venticinquesima edizione del Festival Internazionale del Cioccolato che si terrà a Perugia dal 19 al 28 Ottobre 2018. D’argento come

See more details
Sciocolà Modena: cacao passion

Prodotti golosi e innovativi, show per grandi e piccini e il maestoso Louvre di cioccolato a cura di CNA Modena e SGP Events Scritto come si pronuncia: Sciocolà. Ovvero, semplicemente, cioccol

See more details
Un tè con le farfalle

  Ricreando un “giardino impossibile” di 300mq all’interno dello splendido parco agroalimentare di FICO Eataly World, Un tè con le farfalle costituisce un percorso naturalisti

See more details
Un viaggio tra i sapori nascosti della Laguna Veneta in Houseboat

Alla ricerca dei Baccari e delle Osterie più vere, fuori dai percorsi turistici, navigando lungo fiumi e canali con Houseboat.it.La Laguna Veneta riserva tesori nascosti, che si rivelano solo a chi l

See more details
Festival internazionale del Cibo da Strada e dei Mercati al via a Trapani

  Sapori, odori, colori, voci tipici dei Mercati fanno da atmosfera ad uno degli eventi gastronomici più apprezzati: Stragusto, il Festival del Cibo da Strada torna a Trapani, con una nuova e

See more details
A Grottaglie il Vino è Musica

Il 27 e il 28 luglio il percorso on the road a Grottaglie (TA). Dal 24 al 26 luglio anteprime dedicate alla gastronomia dell’orto, al blind tasting e a workshop scientifici La creta per trasformars

See more details
Cucina greca ad alta quota con Aegean Airlines

Gli chef stellati Lefteris Lazarou, Christoforos Peskias e Stelios Parliaros creano il nuovo menu per la Business Class di AEGEAN, mentre il Master of Wine Konstantinos Lazarakis consiglia i vini da

See more details
A Grado le cene spettacolo di Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori

Visto il grande successo delle passate edizioni, che hanno richiamato ogni volta un foltissimo pubblico raffinato ed elegante, Friuli Venezia Giulia Via dei Sapori ha deciso di organizzare quest’a

See more details
Cantine aperte: il Movimento del Turismo del Vino apre le porte delle cantine più importanti d’Italia

  Cantine Aperte, l'attesa manifestazione di promozione enoturistica torna sabato 26 e domenica 27 maggio, quando centinaia di cantine aperte in tutta Italia faranno scoprire i posti dove si v

See more details
Treno dei Sapori, un viaggio enogastronomico in movimento

  Viaggiare sul Treno dei Sapori è una esperienza multisensoriale che si snoda lungo la linea ferroviaria Brescia-Edolo, dove modernità e tradizione s’incontrano con arte, storia, cu

See more details
Festa delle Fragole 2018: delizie della Val Martello

Nel weekend dal 23 al 24 giugno 2018, in Val Venosta e nello specifico nella Val Martello si svolgerà la 19° Festa delle Fragole altoatesine. Punto di ritrovo da diversi anni per tutti coloro c

See more details
Primavera Istriana per buongustai

Ph credits: coloursofistria Croazia, Istria. Frutti di mare, capesante ed eccellenti vini locali negli eventi primaverili delle perle dell’Adriatico. 14 aprile 2018: Sweet Wine and Walk. 19 mag

See more details

La rivista

Febbraio mese del Tartufo Nero Pregiato

Tartufo-nero-Pregiato

Febbraio si apre con grandi eventi al profumo di Tartufo Nero Pregiato di Acqualagna che si accende dei colori di una festa unica al mondo, il Carnevale al Tartufo.

Per tutto il mese, piazza Enrico Mattei torna a essere il cuore degli eventi per trasformarsi in una grande arena del gusto dove i ristoranti propongono nuove ricette a un prezzo promozionale.

SAN VALENTINO (14 Febbraio)

Un regalo speciale da fare a tutti gli innamorati in occasione della Festa di San Valentino,  il 14 febbraio: una cena romantica a base di Tartufo Nero Pregiato che saprà scaldare il cuore e fare vincere fantastici premi. Si chiama “1000 modi per dire Ti Amo: Scrivi la tua frase d’amore sul bigliettino che troverai nei ristoranti che aderiscono all’iniziativa. Le frasi più romantiche vinceranno una cena per due persone e tante altre sorprese”.

34^ FIERA REGIONALE DEL TARTUFO NERO PREGIATO (19 Febbraio)

Il mese del Tartufo ha il suo clou domenica 19 febbraio quando si celebra la 34^ Fiera regionale del Tartufo Nero Pregiato (Tuber Melanosporum Vitt), nonché il nero dolce dal profumo aromatico che, insieme alle altre quattro varietà stagionali, conferma Acqualagna capitale del Tartufo fresco tutto l’anno. L’itinerario delle tipicità si snoda intorno al centro storico ed è rivolto agli appassionati delle cose buone e belle, rigorosamente del territorio. Un percorso del buon gusto tra gli stand di commercianti di tartufo fresco, espositori di prodotti eno-gastronomici tipici (norcini, vino, miele, dolci) insieme alle creazioni di artigianato artistico. La Fiera si apre alle ore 09.30 al Teatro Conti con il Convegno Internazionale a cura dell’ANCT – Associazione Nazionale Conduttori Tartufaie sulla: “Determinazione del regime idrico nelle tartufaie coltivate di tartufo Melenosporum”. Nella stessa giornata si potrà partecipare alle visite alle tartufaie guidati da un tecnico esperto. Per info ANCT Associazione Nazionale Conduttori Tartufaie Tel 339/1403049.

I visitatori avranno la possibilità di acquistare il tartufo in Piazza Enrico Mattei. Quello Nero Pregiato (Tuber Melanosporum Vitt) ha un prezzo più accessibile rispetto al tartufo Bianco Pregiato (Tuber Magnatum Pico) e si presta molto bene in cucina, sia in cottura sia nei primi e nei secondi piatti. Una varietà che si raccoglie in prevalenza nell’Appenino Umbro Marchigiano dal 1 dicembre  al 15 marzo e che si caratterizza per la forma rotondeggiante, il colore nero, l’odore intenso e gradevole e il sapore dolciastro.  Per informarsi sui prezzi che cambiano quotidianamente è possibile consultare la borsa del tartufo sul sito www.acqualagna.com. Agli amanti delle vacanze green, la possibilità di effettuare escursioni guidate nella Riserva naturale Statale della Gola del Furlo (ww.riservagoladelfurlo.it).

CARNEVALE AL TARTUFO (19 Febbraio, pomeriggio)

E’ il Carnevale più pazzo d’Italia, l’unico al mondo in cui si lanciano Tartufi.

Solo Acqualagna poteva ideare un Carnevale all’insegna del gusto con l’obiettivo di ricompensare i suoi amati estimatori che ad ogni stagione dell’anno raggiungono la cittadina marchigiana per acquistare e degustare il pregiato prodotto della terra senza badare a spese…

Nella Capitale del Tartufo, infatti, la festa più divertente del Calendario, è famosa per la ghiotta legge che lo regola: a Carnevale, quando tutto è permesso e il mondo è alla rovescia, il tartufo non si compra, si regala, anzi si lancia in aria!

L’appuntamento è per il pomeriggio dalle ore 15 con la sfilata dei carri per le vie del paese e lancio di caramelle e coriandoli e poi, alle ore 16, dopo la sfilata, la Festa si accende ancora di più: occhi puntati su Casa Mattei, quando il sindaco Andrea Pierotti richiama il pubblico al banchetto del "Re della Tavola" e lo fa con il ghiotto lancio dei tartufi tanto atteso tra musica, ballo e intrattenimenti, giochi, distribuzione di dolci, bibite e vin brulè. C’è n’è per tutti i gusti: buongustai da tutta Italia, maschere divertenti e spaventose ma anche ispirate a personaggi del momento. Non si tratta di uno scherzo ma di un tripudio di colori, musica, divertimento, sorrisi e soprattutto buon gusto. Il Carnevale, diventa un'occasione, per chi raggiunge la cittadina da fuori Regione, per riscoprire tradizioni e assaporare un tesoro della Terra. Una grande partecipazione resa possibile anche grazie alla collaborazione con le scuole Primaria e Secondaria di I° grado che prenderanno parte al corteo.  Sono diventati migliaia coloro che raggiungono piazza Mattei, l’arena del gusto di Acqualagna, per attendere l’arrivo dei carri mascherati ed assistere al lancio pazzo di tartufi… Obiettivo è accaparrarsi e portarsi a casa l’oro della Terra senza spendere un centesimo.


Per i carri e gruppi mascherati (minimo 10 persone) sarà offerta cena e premio di partecipazione.

Iscrizione entro il 07 febbraio all’Ufficio del Turismo
(Tel. 0721/796741 oppore tramite mail a: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. ).


Per saperne di più:
www.acqualagna.com - https://www.facebook.com/ComuneDiAcqualagna

 

Giornate dei frutti di mare per le perle dell’Adriatico

Di 10Rosso [CC BY 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.0)], attraverso Wikimedia Commons

Ph Credits:  10Rosso @Wikimedia Commons
Croazia, Istria. È tempo delle Giornate dei frutti di mare a Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie.

Dal 10 febbraio al 19 marzo 2017: capesante, cozze, tartufi di mare, mussoli, canestrelli e ostriche.

Capesante, cozze, tartufi di mare, arche di Noè o mussoli, canestrelli e ostriche: dal 10 febbraio al 19 marzo 2017 a Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie ritorna l’appuntamento con le Giornate dei frutti di mare. Un’occasione per visitare il territorio e conoscere la cultura, non solo culinaria, di questi luoghi.

 
I frutti dell’Adriatico

Nelle perle dell’Adriatico è tempo di Giornate dei frutti di mare, uno degli appuntamenti più attesi dagli amanti della buona tavola. Capesante, cozze, tartufi di mare, arche di Noè o mussoli, canestrelli e ostriche si ritrovano nei menu preparati ad hoc da locali e ristoranti dell’Istria nord occidentale. Dal 10 febbraio al 19 marzo 2017 gli chef si sbizzarriscono per preparare i piatti della tradizione, inventare ricette originali e creare abbinamenti innovativi, per regalare un’esperienza culinaria adatta anche ai palati più raffinati.

Il sapore al contempo delicato e intenso dei frutti di mare viene dal mare particolarmente pulito che permette l’esistenza di un ecosistema ricco e vario che caratterizza i fondali rocciosi e sabbiosi istriani. Le capesante, in particolare, vengono pescate in mare lungo la costa occidentale dell’Istria, vicino a corsi d’acqua dolce, soprattutto in prossimità della foce del fiume Quieto, noto per le varietà più pregiate.


A ciascuno il suo menu

Sono otto i ristoranti che partecipano all’evento e che per l’occasione mettono a disposizione degli ospiti, oltre alla classica lista, un menu promozionale vantaggioso. I locali sono ben distribuiti tra Umago, Cittanova, Verteneglio, Buie e Salvore. I piatti, creativi o tradizionali, combinano i frutti di mare ai prodotti tipici del territorio creando menu ricchi e originali, che ben si abbinano anche agli eccellenti oli e vini del posto. I prezzi, pur variando a seconda della proposta, sono comunque accessibili. Si va dalla proposta più economica di 10 euro a quella più alta di 40 euro, numerosi i menu di fascia media da 20 a 26 euro.

Tra questi ad esempio l’Astarea di Verteneglio propone un menu di 25 euro con: Ostriche in ghiaccio con limone, Cappesante alla griglia, Misto di molluschi alla busara con polenta fatta in casa e insalata, Dolce. 20 euro per il menu Da Paolo & Susanna di Umago con: Insalata tiepida di canestrelli e funghi porcini con rucola e pinoli tostati, Capesante gratinate, Impepata di cozze, Spaghetti con sugo ai tartufi di mare, Bruschetta con salsa alle vongole. Tomato di Cittanova propone: Capesante e canestrelli gratinati su letto di verdure, Risotto al nero di seppia con capesante, Dessert, il tutto a 23 euro.

Sapori istriani, cultura e territorio

La manifestazione culinaria delle Giornate dei frutti di mare è solo uno dei numerosi eventi enogastronomici, distribuiti lungo tutto l’anno, che caratterizzano le diverse località. Appuntamenti che permettono di assaporare prodotti unici dal sapore genuino, ma che diventano anche opportunità preziose per conoscere la cultura e il territorio istriano.

Arte e storia si intrecciano a paesaggi naturali di straordinaria bellezza, sia nei borghi dell’entroterra, come Verteneglio e Buie, sia nei paesi sulla costa, come Umago e Cittanova. Questa preziosa varietà contraddistingue anche la gastronomia locale, che permette di gustare sia i prodotti della terra sia i frutti del mar Adriatico. Dalle coste arrivano pesci, crostacei e molluschi, le pregiate sogliole bianche e i ricercati calamari, oltre alle già citate capesante, cozze, tartufi di mare e ostriche. Altrettanto ricco e generoso l’entroterra con la carne del caratteristico bue istriano, l’asparago selvatico e il pregiatissimo tartufo bianco d’Istria. Punto d’unione dei due mondi, terra e mare, l’olio d’oliva e i vini, dal terrano al moscato di Momiano.

Tutti i colori dell’Istria

Coste chilometriche e spiagge accarezzate da un mare cristallino, villaggi di pescatori che colorano l’entroterra e affascinanti borghi ricchi di cultura e storia. Siamo in Istria, nella parte nord occidentale, quella più vicina al confine italiano, dove sorgono 4 perle dell’Adriatico: Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie. Un territorio ricco di meraviglie naturali, una tradizione culinaria che gode dei prodotti locali, strutture di lusso e comfort con centri benessere all’avanguardia: tutto questo assicura una vacanza all’insegna di cultura, wellness e buona cucina. Un ventaglio di colori, profumi e sapori!

Per saperne di più:
Comprensorio turistico di Umago, Cittanova, Verteneglio, Buie
www.coloursofistria.com

 

Mountain Gourmet Ski Experience a Cormayeur

Foto-3-cormayeur

Tutto è pronto a Courmayeur per accogliere gli ospiti internazionali, circa cinquanta, dello chef Heston Blumenthal in occasione del Mountain Gourmet Ski Experience.

Novità dell’edizione 2016 l’arrivo dei Nitro Trolleys, esclusivi carrelli per realizzare cocktail e gelati molecolari, che escono per la prima volta dai laboratori di Blumenthal
per approdare a Courmayeur.

Un viaggio di quattro giorni, dall’8 al 11 gennaio, nel cuore del Monte Bianco, tra ricette del territorio, cene nei ristoranti gourmet e discese con gli sci, in compagnia dello chef inglese e dei suoi pluristellati colleghi UK Marcus Wareing, Sat Bains e Clare Smyth.
Ancora pochi giorni, e si alzerà il sipario sul Mountain Gourmet Ski Experience. Tutto è pronto a Courmayeur per accogliere gli ospiti internazionali – una cinquantina – dello chef pluristellato Heston Blumenthal e di Momentum Ski, che dall’8 all’11 gennaio 2016 vivranno immersi in un’atmosfera unica. Tra le novità proposte nella terza edizione, anche lo sleddogging: gli ospiti saliranno in Val Veny, una delle affascinanti valli di Courmayeur, con le motoslitte e giunti di fronte al ristorante Petit Mont Blanc, in località Zerotta (1.500 m), davanti alla spettacolare catena del Monte Bianco, impareranno a guidare le slitte trainate dai cani, prima di gustare il maialino cotto alla brace appositamente preparato per loro dallo chef del Petit Mont Blanc.

Un’entusiasmante avventura sulla neve, degna conclusione per 4 giorni vissuti intensamente nel cuore del Monte Bianco, tra ricette del territorio, cene stellate nei ristoranti gourmet e discese con gli sci. Gli ospiti porteranno a casa il ricordo di un soggiorno speciale, inaugurato con un’altra novità proposta quest’anno: i “nitro cocktails” e “nitro ice creams” realizzati durante la serata inaugurale della manifestazione, presso il lounge del Grand Hotel Royal e Golf. Avvolti in una scenografica nuvola di fumo, saranno preparati con i Nitro Trolleys, due particolari carrelli attrezzati che per la prima volta, in questa occasione, usciranno dai laboratori dei pluristellati locali di Heston Blumenthal, il Fat Duck e il Dinner – Mandarin oriental di Knightsbridge, per approdare eccezionalmente a Courmayeur. La serata sarà anche un’occasione, per Heston Blumenthal e i suoi colleghi e amici, di incontrare il pubblico e raccontare, in un’atmosfera conviviale, la sua personale visione della cucina e della vita.

Sarà una perfetta serata inaugurale per il Mountain Gourmet Ski Experience, che porterà per il terzo anno consecutivo, i più grandi talenti della cucina “Made in Uk” a Courmayeur.

Heston Blumenthal riunirà ai piedi del Monte Bianco un “dream team”: noti chef stellati che eccezionalmente lavoreranno fianco a fianco con i loro staff dietro i fornelli dei migliori risto-chalet di Courmayeur. Novità del 2016, la presenza di Clare Smyth, la prima chef donna del Regno Unito ad aver ottenuto le tre stelle Michelin, Membro dell’Order of the British Empire per meriti culinari e, a soli 34 anni, Chef Patron del ristorante di Gordon Ramsey a Londra. Sarà affiancata da altre due celebrità della gastronomia internazionale, gli chef pluristellati Marcus Wareing e Sat Bains, presenti anche nelle edizioni precedenti: insieme a Heston Blumenthal condivideranno menù, ricette e segreti del mestiere: tra le ricette più interessanti che proporranno, il Beef short Rib di Marcus Wareing, il Crab Satay e il dessert a base di cioccolato e tabacco di Sat Bains, il Lemon soufflé e il cassoulet di anatra con bruschetta di Clare Smyth.

Anche gli amici e gli ospiti di Courmayeur potranno partecipare alle tre cene a tema: l’8 gennaio al Grand Hotel Royal e Golf Heston Blumenthal farà gli onori di casa – anche vestendo i panni di bartender – con “l’italian buffet dinner”, insieme alla chef stellata di Courmayeur Maura Gosio, il 9 gennaio La Chaumière ospiterà la cena gourmet in quota, con i menù degustazione di Marcus Wareing, Sat Bains e Clare Smyth, mentre il 10 gennaio, alla Maison Vieille, il trio Wareing-Bains-Smyth preparerà una cena rustica, con Heston Blumenthal in veste di “personal hosting”.

Inoltre, all’ora di pranzo, i risto-chalet del comprensorio (Chateau Branlant, Chiecco, Petit Mont Blanc, Rifugio Maison Vieille e La Chaumière) proporranno menù scelti e selezionati personalmente dagli chef del Mountain Gourmet Ski Experience. Prenotazione diretta al ristorante.

 

Nelle Terre di Faenza si degusta il vino sotto il cielo stellato

Copy-Archivio-Terre-di-Faenza-Grappoli-appesi-Sangiovese

Tre gli appuntamenti in programma fra agosto e settembre

Le strade che attraversano le Terre di Faenza (in provincia di Ravenna) sono armoniose e panoramiche, in un continuo saliscendi tra i calanchi (formazioni gessose tipiche), verdi colline e splendidi panorami. Ottime per escursioni a piedi, in bicicletta, a cavallo o in motocicletta alla ricerca di scorci e bellezze architettoniche e naturalistiche. Percorrendo queste strade panoramiche è impossibile non imbattersi in vigneti e cantine. Nelle Terre di Faenza, infatti, il vino è una delle eccellenze del territorio, a partire dal Romagna Sangiovese Doc e dal Romagna Albana Docg, che qui trovano alcune delle loro massime espressioni.

Proprio al vino sono dedicati alcuni eventi fra agosto e settembre 2016.

Ad agosto gli eventi enologici saranno concentrati nel periodo della tradizionale “pioggia” di stelle cadenti. Si parte sabato 6 a Brisighella (Info: 0546 81166) con i “Calici sotto i 3 colli” (n.d.r. Brisighella si trova in una vallata sulla quale dominano 3 colli sui quali capeggiano la Rocca, la Torre dell’Orologio, la Chiesa del Monticino). Il borgo medievale del paese diventerà una cantina a cielo aperto fra musica d’autore, degustazioni di vino e suggestioni agresti, in collaborazione con il Festival “Strade Blu”.

Mercoledì 10 agosto (con replica anche il giorno successivo) appuntamento anche a Faenza nella suggestiva località della Torre di Oriolo per “Calici sotto la Torre” (Info: 333 3814000). Un’occasione per trascorrere una piacevole serata sorseggiando un buon calice di vino in compagnia dei produttori della zona o assaporando gustosi piatti della tradizione romagnola, cullati da una gradevole musica di sottofondo. Con un occhio sempre attento al cielo per ammirare la scia luminosa di una stella cadente.

Ha già festeggiato oltre 60 edizioni la “Sagra Provinciale dell’Uva”, nata per celebrare l’uva, il vino e la vendemmia in corso. Appuntamento a Riolo Terme dal 16 al 18 settembre. Nell’arco di tre giorni di festa sono in programma avvenimenti culturali ed enologici per far conoscere e apprezzare il meglio della produzione vinicola nostrana e proporre stimolanti incontri tra il vino e la storia locale: degustazioni guidate, convegni, cene, spettacoli teatrali. Per informazioni: tel. 0546 71044.
 

Per saperne di più:
www.terredifaenza.it

 

Il segreto del Baccalà Islandese

baccala islandese

La vita è baccalà diceva il famoso scrittore Halldór Kiljan Laxnes (unico autore islandese ad aver vinto il premio Nobel) nel suo celebre romanzo intitolato Salka Valka. Il merluzzo occupa infatti un posto così importante nell’identità islandese che è stato usato come emblema nazionale per quasi 5 secoli, oltre ad essere stato oggetto di disputa tanto da scatenare le cosiddette Cod Wars (le guerre del merluzzo, Þorskastríðin in Islandese), piccoli conflitti che ebbero luogo lungo il corso del XX secolo tra Islanda e Regno Unito e volti al controllo delle acque territoriali e della pesca.

Il segreto distintivo di qualità del baccalà islandese deriva dal suo essere parte integrante della tradizione. Poiché è sempre presente nelle occasioni di incontro, e gli Islandesi hanno massimo rispetto per la tradizione, sono orgogliosi di poter offrire baccalà di qualità e condividerlo con i loro ospiti.

Il merluzzo islandese viene pescato usando tecniche di pesca responsabile certificate, alla profondità di 100-250 metri e a temperature da 4-7°C.  Le più importanti zone di pesca sono circoscritte ad aree dove l’acqua è più pura. La delimitazione di queste zone assieme ai metodi rigorosi di pesca e lavorazione, sono alla base della qualità del prodotto.
Allo scopo di  tutelare e promuovere questa eccellenza locale, le aziende islandesi che lavorano il baccalà si sono unite in un’iniziativa di mercato che promuove la qualità dei prodotti derivati da pesce fresco.
Nasce così il progetto Assaggia e condividi il segreto del baccalà islandese supportato dall’Associazione Islandese del Baccalà (ISF) che insieme a Promuovere Islanda (Islandsstofa) e con il  sostegno del governo islandese.

Per saperne di più:
www.baccalaislandese.it

 

I leader mondiali della gastronomia si riuniscono a Lima

save the date peru gastronomy forum


Dal 27 al 29 aprile il Perù ospiterà i leader mondiali del settore durante il II ° Forum mondiale del turismo gastronomico: esperti provenienti da Spagna, Francia, Giappone e Messico saranno presenti alla manifestazione, insieme a giornalisti internazionali e studenti di turismo e gastronomia, per una riflessione collettiva su turismo e gastronomia e sulle positive ripercussioni che il settore food può avere su quello turistico.

Aprile 2016 -  I top player del turismo gastronomico mondiale, tra cui Spagna, Francia, Giappone e Messico, si riuniranno a Lima per la 2° edizione del UNWTO, il Forum Mondiale sul turismo gastronomico, che si svolgerà dal 27 al 29 aprile presso il Convention Center della capitale.
 
"Vogliamo che il nostro Paese diventi un punto di riferimento mondiale del turismo gastronomico: per questo ospitiamo questo importante evento, organizzato da PromPeru e dall'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT)” commenta la Ministra del Commercio estero e del Turismo (MINCETUR) e Presidente del Consiglio di PromPeru, Magali Silva Green-Alvarez, che prosegue “la manifestazione vedrà la presenza dei maggiori esperti mondiali del settore, come Pierre Sanner, direttore della Mission Française du Patrimoine et des Cultures Alimentaires, che ha ottenuto per la gastronomia francese il riconoscimento come patrimonio culturale immateriale dell'Umanità UNESCO".
 
Fra i relatori internazionali più importanti si annoverano Joxe Mari Aizega, direttore del Basque Culinary Center (BCC), Iñaki Gaztelumendi, consulente per l'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) nel campo del turismo gastronomico; Rafael Anson, presidente della Real Academia Española di gastronomia, Denis Itxaso, Vice cultura, turismo, gioventù e dello sport dei Paesi Baschi, Tadataka Shimotakehara, presidente di Ibusuki Hakusuikan Ryokan, Francisco Maass, Sottosegretario del Ministero del Turismo (SECTUR) del Messico, e Veronica Mausbach, direttore del Vintura, agenzia specializzata in tour del vino nell’area di Mendoza, la celebre regione vinicola Argentina.

La Ministra Magali Silva ha anche sottolineato che il Perù stesso avrà un posto di rilievo all’interno del Forum: fra i protagonisti lo chef Gaston Acurio, Mitsuharu Tsumura e Isabel Alvarez, grazie ai quali la gastronomia peruviana si è guadagnata una reputazione a livello internazionale. “Grazie alla varietà e la qualità del lavoro, delle tecniche utilizzate dai nostri chef, dal lavoro dei nostri produttori locali, la gastronomia peruviana è oggi apprezzata e amata in tutto il mondo. La scelta di ospitare a Lima il Forum Mondiale di Turismo Gastronomico è il risultato di un intenso lavoro di promozione della cucina peruviana portato aventi negli ultimi dieci anni da parte del settore pubblico e sostenuto dal privato".
 
Al Forum prenderà parte anche una delegazione di giornalisti specializzati in gastronomia: tra gli altri, la giornalista sino-americana Crystyl Mo, Mason Florence, fondatore del Talisman Media Group e autore delle guide Lonely Planet, Raquel Rosemberg, giornalista argentina, collaboratrice del quotidiano El Clarin, Carlos Maribona, critico gastronomico per il quotidiano ABC, il giornalista britannico Ryan King, della rivista Fine Dining Lovers, Gabriela Rentería, del National Geographic Traveler.
 
Durante il forum, gli ospiti internazionali avranno l’occasione di osservare e comprendere l'esperienza del ‘caso Perù’ e di come la gastronomia e il turismo, alimentandosi reciprocamente, hanno dato vita ad un circolo virtuoso; gli studenti avranno invece l'opportunità di riflettere sulle diverse esperienze che saranno prese in esame durante la manifestazione, dalle antiche tecniche culinarie alle picanterías, fino alla cucina del mercato.
 

 

In visita a Forst, dove la birra è tradizione

Logo Foresta natalizia transparent
di Giovanna Fidone 
Dopo una visita allo stabilimento Forst (nel paese di Foresta) credetemi non vi limiterete a bere birra. La annuserete, gusterete, assaporandone gli aromi come mai avreste pensato di fare. Colore, limpidezza, e schiuma: questi gli elementi da tenere d’occhio nella degustazione. Ma che rapporto c’è tra l’Italia e la birra? L’Italia per produzione di birra è al decimo posto (eppure davanti a Paesi di consolidata tradizione birraia quali Austria, Danimarca e Irlanda) mentre per i consumi si parla di una media pro capite da 3 a 5 volte inferiore a quella dei Paesi in testa alla graduatoria: Repubblica Ceca, Germania, Austria, Irlanda. Probabilmente i valori cambierebbero se la visita alla sede della FORST fosse obbligatoria. Lo stabilimento non è il solito capannone anonimo: appena lasciata Merano in direzione della Val Venosta vi troverete in un vero e proprio villaggio, compreso di ristorante, shop e mercatini, in equilibrio perfetto tra tradizione e modernità. L’alta qualità e il rispetto della natura in ogni passaggio di produzione e commercializzazione rispettano uno dei motti della FORST: buona perché nata qui. Il segreto di una birra pregiata? Le materie prime innanzitutto. Malto, luppolo, acqua di fonte locale. Entrando nella nuova zona cottura pare di trovarsi in un museo tecnologico. Gli acciai risplendono, i pavimenti brillano e gli aromi stuzzicano sete ( e appetito). A tal proposito non si può non concludere la visita nel ristorante annesso dove ogni leccornia e associata al tipo di birra più adeguata. Nelle festività  Natalizie non perdetevi la Foresta natalizia, mercatino di Natale all’interno della struttura, durante il quale vengono anche  realizzate molte iniziative con lo scopo di raccogliere fondi a favore della Onlus “L’Alto Adige aiuta”. Una azienda di cuore e come ha spiegato l’efficiente Maximillian Ghetta, dipendente e cicerone per i gruppi interessati alle visite, “siamo una famiglia e le famiglie nel momento del bisogno si aiutano”. Non è un caso che le eredi dell’imprenditore storico Luis Fuchs siano oggi tutte donne: lo “scettro” è nelle mani di Margherita Fuchs von Mannstein, presidente e amministratore delegato della società.

Per scoprire la birra che fa per voi visitate il sito:
http://www.forst.it/it/birre

Per vivere la magia di un villaggio che ruota intorno ad una birra “buona perché nata qui”, la famiglia FORST vi accoglierà a braccia aperte e, un suggerimento,  assaggiate la Birra di Natale dicono che renda più buoni. Allora prosit a tutti!
BRAUEREI FORST  BIRRA FORST Vinschgauerstr. 8 Via Venosta 8 Lagundo/Algund (BZ)

 

Radici del Sud dal 7 al 13 giugno

P1130167-700x393

Banchi di assaggio per gli enoappasionati il 13 giugno

In alto i calici per Radici del Sud, l’evento che celebra e premia gli straordinari vini del sud Italia. In Puglia, a Bari, dal 7 al 13 giugno le cantine di Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia si confronteranno all’unico festival dedicato esclusivamente ai vini del Sud.

La manifestazione, giunta alla sua undicesima edizione, rappresenta un’importante occasione per le aziende produttrici, un’opportunità per confrontarsi con wine buyer, autorevoli firme della stampa nazionale e internazionale (Austria, Germania, Svizzera, Irlanda, Svezia, Danimarca, Gran Bretagna, Olanda, USA, Canada, Kazakhstan, India, Polonia e Brasile).

Circa 400 le etichette valutate dalle due differenti giurie chiamate a valutare i vini in concorso attraverso degustazioni rigorosamente alla cieca.

Novità importate è proprio la composizione dei giurati. Quest’anno, infatti, varia in modo sostanziale rispetto al passato. Invece di essere divisi in gruppi diversi, quello estero e quello nazionale, tutti i giornalisti degusteranno insieme i vini in concorso nella stessa giuria mentre l’altra sarà invece composta dalla compagine dei compratori e degli importatori, anche in questo caso sia esteri che italiani. Questo nuovo assetto consentirà una lettura più immediata dei risultati del concorso. Da una parte si avrà il giudizio di chi tiene conto delle tendenze di mercato e dall’altra si avrà la valutazione più disinteressata dei giornalisti internazionali che potranno confrontarsi in base alle proprie sensazioni.

Altra novità importate è che per la prima volta Radici del Sud aprirà agli spumanti per arricchire la già entusiasmante selezione dei vini. Gli spumanti saranno ottenuti da uve autoctone con metodo charmat o classico e sono suddivisi in bianchi, rosè e rossi.

Radici Del Sud racchiude una serie di attività che si sviluppano nell’arco di più giornate, alcune dedicate agli incontri BtoB (8-10 giugno) fra i buyer e gli esperti esteri con i produttori di vino, ed altre dedicate alle sessioni del concorso (11-12 giugno) fra tutti i vini del sud Italia suddivisi per vitigno.

La premiazione delle migliori etichette avverrà pubblicamente solo lunedì 13 giugno, giorno dell’apertura del Salone del Vino al pubblico e agli enoappasionati. Dalle 10 alle 20 presso l’Una Hotel Regina (BA) i visitatori potranno conoscere le diverse produzioni delle cantine partecipanti. Tra i banchi d’assaggio avranno l’opportunità di dialogare direttamente con il produttore e informarsi approfonditamente sulle caratteristiche e le qualità delle etichette in degustazione.

E per festeggiare la conclusione della undicesima edizione dell’evento nel roof-garden dell’Una Hotel Regina,  le mani dei migliori chef prepareranno una serie di piatti congeniali ad esaltare la grandezza dei vini vincitori

Per saperne di più:

www.radicidelsud.com

https://www.youtube.com/watch?v=Q9Be7pA0e2E

 

Percorsi gastronomici “A cena con Ugo”

ACENACONUGO

Per la sua passione per il cibo, i fornelli e la campagna, Ugo Tognazzi amava definirsi “un cuoco prestato al cinema”. Di ricette ne ha fatte tante e ne ha inventate tante, tant’è che il cibo, la cucina, e la tavola rappresentano gli ingredienti ricorrenti nei suoi film.
Le sue performance culinarie, oltre ai film naturalmente, sono state per lui una vera “forma d’arte”, una sincera espressione di amante appassionato del buon cibo e del gusto nel pieno rispetto delle tradizioni. Quelle tradizioni che lui non ha mai cercato di nascondere ma che ha sempre rivendicato.
La collaborazione con la delegazione di Cremona dell’Accademia Italiana della cucina e la Strada del gusto Cremonese, hanno permesso la realizzazione di percorsi gastronomici studiati per proporre piatti ispirati alle ricette di Ugo Tognazzi realizzati da 10 ristoranti della provincia di Cremona dal 31/10/2015 al 15/12/2015.
Le ricette sono state selezionate dal “Rigettario” e da ”l’Abbuffone”: faraona arrosto al succo di melagrana; risotto amaro con taleggio riduzione di aceto balsamico e pancetta abbrustolita; filetto in rosa; farfalle fuxia; rivisitazione del risotto amaro con radici di Soncino crema di salva e mousse di mostarda; praline di riso amaro alla Tognazzi con ossobuco di vitello alla moda dei “buton de pajas”; tortino di melanzane e trito di agnello con salsa al pomodoro e basilico; linguine al salmone alla Tognazzi; arrosto di faraona con melograno e funghi; gnocchi al gorgonzola, cotechino e lenticchie; bollito misto e marubini; risotto allo spumeggio; cotechino e lenticchie con polenta e purè; crostata.

BOTTIGLIE-TOGNAZZI
Da ottobre a gennaio oltre ai percorsi gastronomici saranno in programma a Cremona mostre ed eventi cinematografici: mostra “La voglia matta”, mostra “33t d’autore”, mostra diffusa “Io lo conoscevo bene viaggio semiserio nei personaggi di Ugo Tognazzi”, il concorso cortometraggi “Come fosse Antani”, la rassegna cinematografica “Un multiforme ingegno Tognazzi e la commedia d’autore”.
A Cremona inoltre è stato inaugurato sabato 9 novembre un negozio di prodotti alimentari a marchio “Tognazza”, nella via dove si trova la casa natale del padre di Ugo, un marchio che rappresenta lo stile della tavola “made in italy”.

Per saperne di più:

http://www.stradadelgustocremonese.it/

http://www.latognazza.net/

 

Page 3 of 7

Eductour stampa turistica

eductours

Related articles

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Caterina Emma Colacello, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi,  Silvana Carminati, Rossella Barbetti.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information