Il Bosco delle Sfere e il Giardino incantato

ph credits: studio Eidos A 1.560 metri la più grande pista per biglie in legno del mondo, per imparare i segreti della fisica giocando. A Hall Wattens (Austria), una vacan

See more details
Un'escursione unica con i bambini al rifugio bioecologico “Meira Paula” in Valle Varaita (CN)

  Situato su un costone soleggiato della Val Varaita a 1318 m di altitudine, il Rifugio Meira Paula è stato ricavato dal recupero di un vecchio edificio agricolo in p

See more details
Valsassina Country con mamma e papà

Dal 12 al 15 luglio a Barzio torna il Valsassina Country festival: la manifestazione country più grande in Italia. La favolosa epopea del West in un contesto d’eccez

See more details
Playlife, in vacanza a scuola di vela

  Isolaverde di Chioggia (Ve). Vacanze a misura di famiglia: miniclub, attività, sport, musica, escursioni, serate in spiaggia e a bordo piscina.  Tanto divertim

See more details
Movimënt, estate 2018: le novità a misura di sportivo e di famiglia

Una stagione di scoperte ed emozioni da vivere al fresco dei 2000 metri. Tra le novità del 2018, i nuovi trails Bike Beats, adrenalinici percorsi nel verde, le attività da

See more details
Fuerteventura: all’ Oasis Park per vivere esperienze incredibili!

Di Giovanna Fidone    Fuerteventura è l'isola delle Canarie più vicina al continente africano ed è la seconda isola dell'arcipelago per dimensioni, conosci

See more details
A Soncino la scuola di Hogwarts. Chi sarà il nuovo Harry Potter?

Di Giovanna Fidone        E’ ufficiale: se volete diventare maghi dovete andare a Soncino (Cr) dove è tutto pronto per la sede distaccata

See more details
A Verbania Babbo Natale arriva sul battello

  Di Giovanna Fidone Sin dal lontano 1400 d.C., Babbo Natale alla fine di Novembre di ogni anno arrivava anche a Milano per distribuire i doni ai bambini. Da li parti

See more details
Sonnwies resort: spa per i grandi e fattoria per i piccini

Un ambiente a misura di bambino, con tanti ettari di giardino, piscina all’aperto, parco giochi e fattoria con mini zoo dove la famiglia è al centro dell’attenzione, qu

See more details
Sospesi tra terra e cielo nel labirinto effimero di Alfonsine

Anche in questo 2017, dimensioni e tipologie rendono ancora una volta l’opera realizzata in provincia di Ravenna la più grande del mondo Rimarrà aperto per tutta l’es

See more details
Grazzano Visconti: Festival dei Gufi e non solo

di Giovanna FidoneVorreste vivere l’esperienza del film “Non ci resta che piangere”, con l’indimenticabile coppia Benigni e Troisi, e trovarvi catapultati nel Medioevo

See more details
Le vacanze per famiglie secondo Club Med

Le vacanze sono il momento per i genitori di rilassarsi e trovare del tempo per stare insieme alla famiglia e per i più piccoli l’occasione di crescere e scoprire ed esse

See more details
Primavera al Keukenhof: il più bel parco floreale al mondo

Il 23 marzo 2017, il parco Keukenhof riapre al pubblico, dopo aver accolto lo scorso anno più di 1 milione di visitatori da tutto il mondo. Il parco apporta un contributo sig

See more details
Catez: il più grande parco acquatico termale indoor

Per cominciare il 2017 all’insegna del benessere e del divertimento Il 2017 è alle porte e dopo i consueti festeggiamenti di Capodanno sono molte le famiglie che decidono

See more details
A Verbania la vigilia di Natale: dal presepe subacqueo alla Corsa dei Cappelli di Natale

di Giovanna FidoneSulla sponda occidentale del Lago Maggiore, capoluogo della provincia del Verbano-Cusio-Ossola troviamo la città di Verbania. Vicino alla Svizzera ma con

See more details
Cortina d'Ampezzo "formato famiglia"

ph. credits:@Mover La stagione invernale nella Regina delle Dolomiti è la più divertente dell’anno,soprattutto per i più piccoli: da vivere scendendo sul manto nevoso

See more details
Natale in famiglia al Mercatino del Quellenhof Resort

Una magica atmosfera avvolge la terrazza di uno dei paradisi benessere più grandi dell’arco alpino, e a soli 10 km da Merano (BZ), che ospita per il terzo anno le tipiche

See more details
Arte, cibo e buona musica a Vasto

di Giacomo Tenaglia    Vasto, ultima città dell’abruzzo che si affaccia direttamente sul mare Adriatico, è una piacevole cittadina adagiata su una ampia z

See more details
Vacanza “teen” in Val d’Ega

Over 12 a tu per tu con le mucche e le api, adrenalina al BoscoavventuraNova Ponente (BZ) – La vacanza con i genitori in Val d’Ega prende una piega inaspettata. I ragazzi

See more details
I tesori del Lago Maggiore: le Isole Borromee e la Rocca di Angera

di B.L.Secondo per estensione dopo il Lago di Garda, il lago Maggiore, con le sue bellezze naturalistiche, artistiche e storiche, ha da sempre attratto non solo artisti e po

See more details

La rivista

Con il trenino alla scoperta dei castelli

trenino castello
Cultura e atmosfere d’altri tempi caratterizzano l’iniziativa che si snoda sulla tratta ferroviaria della Trento-Malé. Quattro le tappe, che permetteranno di scoprire altrettanti castelli – San Michele a Ossana e Caldes in Val di Sole, Valer e Thun in Val di Non - per un vero e proprio viaggio nella storia, nell’arte e nei paesaggi.

Scoprire i manieri più suggestivi delle Valli di Non e Sole, assaporando il territorio a bordo di un treno, come facevano i viaggiatori di un tempo. Un vero e proprio tour che permetterà di immergersi in luoghi e vicende che costituiscono pagine importanti nell’arte e nella storia del Trentino. Un mondo che ogni settimana, dall’11 luglio al 5 settembre, nella giornata di sabato, potrà essere esplorato grazie al Trenino dei Castelli. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato alla cultura della Provincia autonoma di Trento e realizzata dalle Apt di Val di Non, Val di Sole in collaborazione con Trentino Marketing nell’ambito dell’attività di valorizzazione della Rete dei Castelli trentini. Oggi il viaggio inaugurale di presentazione, rivolto alla stampa ed alle istituzioni. «Un'iniziativa, quella del trenino, che risponde alle esigenze dei turisti, che sempre più manifestano la necessità di conoscere il passato», ha dichiarato l'assessore provinciale alla cultura Tiziano Mellarini, sottolineando l'aspetto di valorizzazione del paesaggio. Sulla stessa lunghezza d'onda Michele Dallapiccola, assessore provinciale al turismo, secondo il quale il Trenino dei Castelli è un progetto in grado di «svegliare la curiosità e l'interesse, nonché la voglia di essere diversi, ribadendo con forza che la gente di montagna è gente ospitale». In rappresentanza della Rete dei Castelli trentini, Franco Marzatico si è soffermato sulle tante iniziative di promozione dei manieri del territorio viste come «occasioni di scoperta, incontro e divertimento».  

IL TRENINO
A bordo di un treno della Ferrovia Trento-Malè con carrozze dedicate, alle 8.45 - dopo la colazione proposta da Melinda - si parte da Trento per risalire i pendii delle valli del Noce. Dopo aver visitato il Castello San Michele di Ossana al cospetto della Presanella si scende in pullman a Castel Caldes, che da secoli controlla l'accesso alla Val di Sole. La giornata prosegue a Castel Valer, elegante residenza privata riconoscibile dall'altissima torre poligonale, e a Castel Thun con le sue atmosfere raffinate. Quindi il rientro nel capoluogo intorno alle 19.30. Tutti e quattro i castelli sono stati coinvolti da importanti restauri ed ora sono pronti a svelarsi al pubblico in tutto il loro splendore. Ad impreziosire la giornata, alcuni momenti coordinati dalla Strada della Mela e dei Sapori Val di Non e Val di Sole nei quali sarà possibile assaporare alcune fra le eccellenze enogastronomiche del territorio.  

PRIMA TAPPA – CASTELLO DI OSSANA
Il maniero, nell’omonimo borgo, conosciuto anche come Castello di San Michele dal nome del santo a cui è dedicata la cappella, sorge su uno sperone di roccia in posizione strategica. Con tutta probabilità risale all'epoca dei Longobardi, ma le prime notizie scritte sono datate 1191. Alla sua guida si succedettero varie famiglie nobili: dai Principi Vescovi di Trento ai conti Tirolo-Gorizia, poi nel XV secolo l’investitura passò ai de Federici, quindi agli Heydorf ed ai Bertelli. A cavallo fra Ottocento e Novecento fu comproprietaria del maniero Bertha von Suttner, Premio Nobel per la pace nel 1905. Il castello ha nel suo possente mastio, alto 25 metri, l'elemento architettonico più caratteristico e meglio conservato dell'intero complesso.  

SECONDA TAPPA – CASTEL CALDES
Il maniero presenta una tipologia architettonica frutto dell’incontro delle culture veneta, tedesca e lombarda, tipico di questa zona al confine del Principato vescovile di Trento. L’interno è affascinante e presenta soffitti a volte, rivestimenti lignei e sale affrescate. Notevoli sono la stanza del conte ed il salone da ballo. Salendo la scala in legno della torre si entra in una stanza con voltino a crociera completamente affrescata, teatro di antiche leggende riguardanti la prigionia di Olinda, ovvero la sfortunata contessina Marianna Elisabetta Thun. Si racconta che la giovane venne qui rinchiusa dal padre Rodemondo per impedire il matrimonio con giovanotto non di nobili origini per il quale morì d’amore. La leggenda vuole che tutti gli affreschi della piccola stanza siano opera della fanciulla. Terminata la visita guidata, l’atteso momento del pranzo, curato dall’Associazione Trentina Cuochi e arricchito dai vini e dalle bollicine della Cantina Rotari Mezzacorona. Ora è tutto pronto per rimettersi in viaggio con destinazione la Val di Non.

TERZA TAPPA - CASTEL VALER
Nelle vicinanze di Tassullo, in posizione panoramica e circondato dai frutteti, sorge Castel Valer. La sua torre, la più alta del Trentino con i suoi 40 metri d'altezza, caratterizzata dalla pianta ottagonale e costruita in parte di granito importato, primeggia per imponenza e particolarità su tutte le altre della provincia. Le prime notizie della storia di Castel Valer risalgono al 1211, quando, di proprietà dei conti Appiano, fungeva da guardia militare. Le serie successive di cinte murarie atte a contenere la crescita del perimetro del maniero seguono il modello ottagonale imposto dalla torre antica e racchiudono le due serie di edifici da cui il complesso è formato: la più antica, risalente al XIV secolo, è denominata Castel di sotto, mentre la seconda, risalente al XVI secolo, Castel di sopra. Generalmente chiuso al pubblico, il compendio è visitabile per l’occasione grazie alla disponibilità del proprietario, il Conte Ulrico Spaur.  

QUARTA TAPPA - CASTEL THUN
Il compendio, situato a Vigo di Ton, venne costruito nella metà del XIII secolo e fu la sede della potente famiglia dei Thun, che nelle valli di Non e di Sole possedeva altre prestigiose residenze. È un esempio fra i più interessanti di architettura castellana trentina: la struttura civile-militare è tipicamente gotica ed è circondata da un complesso sistema di fortificazioni formato da torri, bastioni lunati, fossati e cammini di ronde. Fra i numerosi locali, ancora riccamente arredati e impreziositi da numerose opere, il più pregevole è la “stanza del vescovo”, interamente rivestita di legno di cirmolo, con il soffitto a cassettoni e una porta monumentale. Castel Thun è fra i più insigni edifici monumentali pubblici non soltanto per l'ottimo stato di conservazione in cui si trova, ma anche perché ci racconta otto secoli di storia del Principato vescovile. A conclusione del tour, prima del ritorno a Trento, immersi nelle atmosfere di un tempo si potrà gustare una tisana di erbe officinali.


Per saperne di più:

www.visitvaldinon.it

 

Dolomiti formato famiglia

Dolomiti Val Elga

Fattorie, escursioni, leggende, avventure, slitte, cavalli e fiabe: gli ingredienti per un’estate 2015 in famiglia in Val D’Ega

Le montagne della Val D’Ega sono un parco giochi ideale per chi desidera trascorrere un’estate in famiglia, lontano dagli ormai allineati programmi di divertimento vacanziero precotti e serviti, tutti uguali ma in piatti all’apparenza diversi, a mamma, papà e bambini. Nel cuore delle Dolomiti – Patrimonio dell’Umanità Unesco – i prati di un verde intenso che assume sfumature ora più chiare ora più scure a seconda del sole, che de queste parti è ospite fisso, fanno da scenario a un’incredibile scelta di avventure ed esperienze dedicate alle famiglie.

Fino al 7 settembre 2015, tra Catinaccio e Latemar, va in scena “Dolomiti, Favole e Leggende”. Racconti remoti di esseri incantati e misteriosi e vicende narrate nelle leggende dei “Monti pallidi” dell’Alto Adige sono al centro delle avventure che portano grandi e piccoli alla ricerca delle orme di re Laurino e del magico tesoro nascosto dall’ometto veneziano, alla scoperta delle bambole del Latemar e del sasso delle streghe, illuminato dal grande fuoco, quando cala il sole. Il martedì, si parte “Alla ricerca del tesoro misterioso”, guidati attraverso il mondo fiabesco delle Dolomiti dall’ometto veneziano, attraverso il regno di Re Laurino e della strega Striona. Lungo il percorso, si incontrano il mago, le bambole del Latemar e la ninfa del Lago di Carezza. E saranno i bambini a trovare il tesoro prezioso nascosto dal misterioso nonno.
 Il mercoledì, l’Escursione per famiglie nel Latemarium è un’esperienza interattiva alla scoperta della flora e fauna, in compagnia di guide specializzate che rendono divertente l’intero tragitto, con sorprese per i piú piccoli. In regalo a tutti i bambini che partecipano alla gita, la
Marmottix-BOX, un simpatico contenitore per una merenda ecologia a ridotto imballaggio.
 Ogni Giovedì, sulle orme dell’uomo selvaggio e del gigante di Nova Ponente, scatta l’Escursione notturna con l’accensione del grande falò, animata dal racconto di favole antiche, seduti con la bevanda magica intorno al gigantesco fuoco acceso.
 Il Prezzo delle escursioni è di 5 euro per gli adulti e di 3 per i bambini, con prenotazione obbligatoria entro le ore 17.00 del giorno prima negli uffici turistici.

“Vivere l’esperienza dei masi contadini” è un’occasione per conoscere i metodi di gestione delle fattorie secondo antiche tradizioni familiari, con una serie di escursioni nelle tipiche fattorie delle Dolomiti, da abbinare alla miriade di itinerari per famiglie suggeriti sul sito.
Per chi alla scoperta dei sentieri vuole affiancare altre avventure, una moltitudine di Parchi gioco disseminati in tutta la Val D’Ega – da Nova Ponente a Nova Levante, fino a Obereggen e Collepietra – sono un’opportunità per imparare a conoscere la natura in modo divertente.
Tre percorsi di vari livelli di difficoltà, un itinerario per bambini ed una discesa rapida su funi lunghe fino a 90 metri sono invece alcune delle attrattive del Bosco Avventura di Obereggen, tappa obbligata per chi cerca emozioni forti, nel segno di abilità e agilità, o vuole semplicemente trascorrere un paio di ore indimenticabili con famiglia e amici. Presso la stazione a valle di Obereggen, il Bosco Avventura è una vera e propria sfida, sempre sotto la sorveglianza di personale qualificato e nel mezzo delle splendide Dolomiti, Patrimonio naturale dell’umanità UNESCO

Sempre per gli appassionati del brivido, l’Alpine Coaster Gardonè è un inno all’adrenalina: sia in estate che in inverno, la slittovia su monorotaia offre l’emozione di paraboliche e curve mozzafiato nel bosco del Latemar. Più di 900 metri di dossi, salti e un giro a 360° a bordo di velocissime slitte a due posti. Prezzi a giro, a partire da 4,50 euro per gli adulti e da 3,50 euro per gli Juniores. I bambini fino a 7 anni non pagano.

Può sembrare un paradosso ma anche in un simbolo per le vacanze in montagna come le Dolomiti, nuotare è una delle esperienze più affascinanti. Aldilà delle piscine coperte e all’aperto, alcuni laghetti – quelli segnalati – offrono divertimento balneare in ogni stagione. Solo per citarne uno, con una temperatura massima di circa 23°, il Laghetto di Fiè, ai piedi dell’imponente massiccio dello Sciliar, è considerato uno dei più bei laghi balneabili in tutta l’Italia ed è meta ideale per tutta la famiglia.

Infine, che si tratti di un corso di equitazione o di una cavalcata per boschi e prati di montagna, nel corso delle vacanze estive in Alto Adige non mancano le opportunità di vivere appieno la passione per i cavalli. E neanche quella per animali meno usuali come lama e alpaca, protagonisti di una piccola escursione o di esperienze di più giorni.

Per saperne di più:

http://www.suedtirol-it.com/valdega/

 

 

Popeye Village: a Malta in compagnia di Braccio di Ferro

sweethaven-village-malta

di Giovanna Fidone
ph. credits: Popeye Village  
Lo ammetto sono nostalgica. Ma i cartoni della mia infanzia raccontano la mia storia e quando mi capita di trovare qualche spunto che me li ricordi non ne posso fare a meno. Vi ricordate i cartoni animati con il mitico Braccio di Ferro alias Popeye? Esiste il suo villaggio. Certo è solo un gruppo di rustici e sgangherati edifici in legno situato nella baia di Anchor, nell'angolo nord-ovest dell'isola mediterranea di Malta, a due miglia dal villaggio di Mellieha.
Ma per tutti è il Popeye Village, che fu costruito come un set cinematografico per la produzione del film Popeye-Braccio di Ferro, prodotto dalla Paramount e dalla Walt Disney e interpretato da Robin Williams.
La costruzione dei set del film iniziò nel giugno 1979: 165 costruttori,  7 mesi di lavoro senza sosta, 19 edifici in legno per ricreare in tutto e per tutto il magico mondo del marinaio più amato da grandi e piccini nato dal fumetto di Elzie Segar. E’ vero il film degli anni 80 fu un fallimento ma il parco resta una attrazione turistica, un vero e proprio museo a cielo aperto
Il Popeye Village è aperto al pubblico tutta la settimana allietato da  spettacoli, gite e musei, case gioco dove i bambini possono arrampicarsi ed esplorare il villaggio e le sue casette dove si trovano  diversi oggetti di scena utilizzati per la produzione.
E mentre si pranza o cena negli spazi dedicati è possibile avere come compagni di merenda i personaggi principali della serie come Braccio di Ferro, Olivia, Bluto e Poldo.
Ogni ora i turisti possono assistere a proiezioni audiovisive di venti minuti con delle informazioni relative al film e alla costruzione del set nella sala cinematografica Lower Complex situato nel centro del Popeye Village.
E i più temerari, a scadenza oraria, posso intraprendere un emozionante viaggio in barca intorno alla baia di Anchor, fotografando il paesaggio ed il Popeye Village visto dal mare.
Tra i molti spettacoli proposti dagli animatori non si può non ricordare un simpatico spettacolo di burattini con i personaggi della serie di Braccio di Ferro.
Certo le attrazioni sono tante ma se vi doveste stancare Braccio di Ferro vi propone la sua personale ricetta della salute: un bel piatto di spinaci verdi fumanti. Su di lui hanno un effetto immediato. Provare per credere.


Per saperne di più:
http://popeyemalta.com/

 

Innsbruck: il Festival dei Sogni compie 25 anni

Innsbruck Festival-dei-sogni


Innsbruck (Austria). Dal 5 al 30 agosto 2015 acrobati, artisti di strada e musicisti nelle piazze della Capitale delle Alpi.
 

Una città da sogno. Dal 5 al 30 agosto 2015 la Capitale delle Alpi si trasforma con il Festival dei Sogni, che quest’anno compie 25 anni. Clown, cabarettisti, artisti di varietà si esibiranno sotto la direzione artistica di Karl-Heinz Helmschrot, regista e comico berlinese.

Il Festival in origine evento di strada, intrattenimento per bambini e raduno per simpatici artisti, si è trasformato negli ultimi anni, grazie a Helmschorot, in un vero e proprio evento. Appassionato sognatore e spirito libero, Helmschrot ha ripensato completamente il Festival, trasformandolo in un irresistibile varietà. Negli ultimi due anni le sue innovazioni sono state sorprendenti e visto il grande successo, anche quest’anno il Festival dei Sogni festeggia il suo primo quarto di secolo con le grandiose idee e le spettacolari intuizioni di Helmschrot.

La sala Dogana sarà interamente dedicata ad acrobati e artisti, che si esibiranno in affascinanti produzioni come “Il sogno del Tirolo”, “Tipi forti” e “La prima volta”. Il programma del varietà si concluderà brillantemente con lo spettacolo dal titolo “Berlin in-out”, che ricorda il riuscitissimo “Börlin” dello scorso anno.

Anche il programma della Tenda degli specchi, davanti al teatro regionale Landestheater è in mano a un esperto di fiducia: il musicista Simon Kräutler. Il Festival prevede inoltre tre originali serate dedicate al cabaret nel suo senso più ampio: una firmata dallo stesso Karl Heinz Helmschrot, le altre a cura di Rosemie Warth, narratrice poetica e di Holger Kreymeier, un vero maestro nell’arte della sorpresa e dell’improvvisazione. Infine, anche la tenda degli specchi offre un omaggio al varietà, con i Salotti notturni e le Serate di pianoforte.

I sogni dei bambini

Dedicata agli ospiti più giovani è la più grande avventura artistica del Festival: circa 200 bambini potranno studiare, dal 24 al 28 agosto 2015, il divertente musical “Racconti da sogno”, per poi presentarlo al pubblico, alla fine del Festival, sul palco della sala Dogana. Dedicandosi con passione ai più piccoli, il Festival dei Sogni dimostra, anche e soprattutto in occasione del suo anniversario, di non guardare solo al passato, ma anche e soprattutto al futuro. Un futuro da sogno.

Per saperne di più:

Festival dei sogni
5 – 30 agosto 2015
www.festival-der-traeume.at

 

Terme Merano con mamma&papà

Parco-by-DOCsrl-m-Terme-Merano

Ritorna “Terme Summer & more” in piazza Terme. Alla scoperta del territorio attraverso le passeggiate.

Con la bella stagione e l’apertura del parco, sono molte le famiglie che scelgono Merano e in particolare le sue Terme per una vacanza a contatto con la natura, dove coniugare relax per i grandi e divertimento per i più piccoli. L’area giochi attrezzata e il laghetto nel parco, le passeggiate che si snodano lungo il Passirio, gli eventi musicali che la sera animano la piazza e il Bistro. Terme Merano si veste d’estate!

Terme “formato famiglia”

Mentre i genitori si dedicano alla tintarella nel parco o ai trattamenti nel centro Spa & Vital, i piccoli ospiti possono divertirsi in perfetta sicurezza, nel pieno rispetto degli ospiti che alle Terme cercano pace e relax. In posizione un po’ defilata infatti sorge un’area giochi attrezzata e una simpatica piscina tutta per loro. Qui i piccini possono divertirsi tra scivoli, altalene, giostrine e giochi a molla, all’ombra di cespugli e alberi che permettono ai bambini di sostare in tranquillità anche l’intera giornata senza paura di scottarsi.

Naturalmente i piccoli ospiti possono fare il bagno anche nelle piscine dei “grandi”, in questo caso vicini ai genitori, con tavolette e noodle per essere più sicuri.

Un’attrazione ricercata dai bambini è anche il laghetto delle tartarughe che trova posto nel parco assieme a un percorso tematico che permette di conoscere i simpatici animaletti. Le tartarughe abbandonate trovano qui un centro di recupero e ristoro adatto a loro.

Tra le offerte delle Terme Merano, ce n’è una particolarmente interessante per chi si sposta con i bambini. Si tratta del Biglietto Famiglia, valido tutti i giorni dal 15 maggio al 15 settembre 2015. Una famiglia, composta da un minimo di 3 persone, di cui almeno 1 adulto e 1 bambino, paga 27 euro per l’ingresso giornaliero; per ogni ulteriore bambino vengono addebitati 4,50 euro.

Passeggiate lungo il Passirio

L’immagine di Merano è strettamente legata al suo fiume, il Passirio, che divide in due il paese, dando vita alle più belle passeggiate meranesi.

In estate la Passeggiata lungo il Passirio è un vero e proprio toccasana per il relax. Si parte dal centro del paese e si segue il percorso del fiume, ascoltandone il suono, ammirando le sue continue anse e i vivaci balzi da un sasso all’altro. E così senza accorgersene, tra aiuole fiorite e sculture realizzate con le piante, si raggiungono la Passeggiata d’inverno e la sua parallela Passeggiata d’estate, che costeggiano ancora il Passirio, da una riva e dalla sua opposta. Da lontano già si intravede il suggestivo Ponte Romano, costeggiato da una natura florida e rigogliosa, mentre si entra nella Passeggiata Gilf, che più in alto si collega alla famosa Passeggiata Tappeiner.

Sono tutti percorsi semplici, a misura di famiglia e volendo anche di passeggino! Sentieri tranquilli e accessibili a tutti, che permettono di conoscere il territorio e di scoprirne gli angoli naturali più belli, semplicemente camminando.

Tra le strutture partner di Terme Merano, numerose sono quelle che sorgono proprio lungo il Passirio. Tra queste l’Hotel Residence Flora*** che fino all’1 agosto 2015 propone il pacchetto “Offerta Romantica Merano”. L’offerta comprende: 3 pernottamenti in suite con bottiglia di spumante in camera, prima colazione su richiesta anche in camera, 1 biglietto ingresso di 3 ore alle Terme di Merano, 1 massaggio parziale, 10% di sconto nei ristoranti convenzionati. Il tutto a partire da 279 euro a persona.

Terme Summer & more

Torna anche quest’anno “Terme Summer & more”, la proposta estiva delle Terme Merano che comprende un calendario ricco di appuntamenti open air. Serate all’insegna della musica con jazz, bande e orchestre, gruppi che ripropongono brani classici o musica pop.

Il tutto al Bistro delle Terme Merano, nella Piazza Terme che, con la bella stagione, si trasforma in un grande palcoscenico all’aperto. Seduti al tavolino sorseggiando un cocktail, grati per l’aria fresca che dà sollievo e per il panorama che si mostra da ogni lato, le cime del gruppo del Tessa sopra, le piscine e il parco termale sotto, la cornice è ideale per scambiare qualche chiacchiera e risata in completa spensieratezza.

Per saperne di più:

Terme Merano, www.termemerano.it

 

Vacanze alpine con Gustav Thoeni

Gustav ThÂni - Escursione  con gli ospiti
Escursioni nel cuore del Parco dello Stelvio tra grigliate, panorami mozzafiato e degustazioni guidate al suo Hotel Bella Vista di Trafoi.

Trafoi (BZ) 30 giugno 2015 – In vacanza con Gustav Thoeni. E’ possibile all’Hotel Bella Vista a Trafoi situato nel Parco Nazionale dello Stelvio e di proprietà del quattro volte campione del mondo di sci alpino. Per tutta l’estate gli ospiti dell’hotel possono prenotare l’escursione guidata in sua compagnia alle Tre Fontane Sacre, "tres fontes" è il vecchio nome romano di Trafoi che indica le tre piccole sorgenti a 1.605 metri di altitudine, che sgorgano dalla montagna e che risalgono al periodo medievale della popolazione dei celti.

La partenza dell’escursione con Gustav Thoeni ha inizio all’Hotel Bella Vista verso l’antica chiesetta vicino alla “Fontana dei Miracoli”, luogo sacro dove è solito esprimere desideri e sogni personali spesso realizzati, a dire di molte testimonianze. Si prosegue attraverso il Sentiero del Bosco dove è prevista una grigliata per poi dirigersi verso le Tre Fontane Sacre in un percorso semplice, accessibile anche con i passeggini, e che prevede l’arrivo fino a 1.725 metri di altezza per assistere alla meraviglia di alcune cascate fino al Ponte degli Orsi a quasi 1.900 metri con vista mozzafiato, perché profondo 40 metri, del canyon di Trafoi. L’esperienza in compagnia del campione di tutti i tempi prosegue, al rientro dall’escursione, nella Spa dell’albergo per distendere i muscoli con dei massaggi rilassanti oppure per disintossicarsi grazie all’effetto purificante del calore e dell´acqua con una sauna finlandese (interna ed esterna) o ancora del vapore di un bagno turco. Relax e panorama alpino nella vasca idromassaggio all’aperto. E alla sera lo chef del ristorante è pronto a stupirvi con piatti gustosi tipici locali e degustazioni di vini pregiati altoatesini guidata da Gustav Thoeni e da suo genero Stephan Gander. Un viaggio affascinante attraverso il mondo del gusto.

Dopo le sue vittorie in coppa del mondo, Gustav Thoeni ha allenato la squadra nazionale e in particolar mondo Alberto Tomba. Oggi gestisce con la prima figlia Petra il rinomato Hotel Bellavista di Trafoi. E’ la sua casa natale situata a 1.500 metri di altitudine ai piedi del Ortles, la cima più alta dell’Alto Adige (3.905m). Thoeni e la sua famiglia gestiscono da cinque generazioni l’Hotel dallo stile alpino dove tradizione e modernità si sposano in modo armonioso. Per l’escursionista è come un libro aperto di scienze naturali. L’Hotel Bella Vista è un Familienhotel, marchio di garanzia per gli ospiti con bambini. Tante le attività di animazione programmate per i più piccoli: ad esempio il Club degli Orsetti, ossia un ricco parco giochi con la torre per arrampicate e tenda indiana Tipi, oppure uno zoo per bambini con capre, conigli e pony, il laghetto artificiale con la zattera e al ruscello la capanna della strega. E ancora il Trafoi-Canyon dove ognuno si può sbizzarrire con l’acqua, la sabbia, i sassi e costruire piccole dighe. Anche la malga dei bambini, un fienile a due piani dove i bambini trovano tutto il necessario per fare bricolage, pitturare, arrampicarsi, saltare, e sfogarsi.

Per saperne di più:
www.bella-vista.it

 

Riviera Adriatica in festa per le famiglie

festival bambini

La Riviera delle famiglie in festa! Dal 13 al 20 Giugno 2015

Questo sarà il Festival dei Bambini in programma dal 13 al 20 giugno sulla Riviera Adriatica dell’Emilia Romagna, che vedrà coinvolti operatori turistici, e parchi divertimento in una miriade di appuntamenti da non perdere. Protagonisti saranno i bambini, che daranno libero sfogo alla creatività, trasformando la spiaggia, le piazze e le vie in luoghi di incontro, gioco e divertimento.

Tantissimi gli eventi: dalla parata serale di barche a Comacchio, alle rassegne di burattini a Ravenna e di circo contemporaneo a Riccione, senza dimenticare la natura con il progetto Eco-vacanza a Cervia. Dai laboratori didattici a Oltremare e all’Acquario di Cattolica, alle letture animate a Cesenatico; dai concorsi canori a Gatteo all’intrattenimento con Bimbobell. Non mancheranno le sfilate di carri allegorici a tema cartoni animati a Bellaria e Misano, così come i giochi con i famosi LEGO® a Riminiterme, per finire con la beniamina di tutti i bambini Cristina D’Avena con i Gem Boy a Cattolica.

Per saperne di più:

http://ilfestivaldeibambini.it/

 

New Orleans per piccoli viaggiatori

New Orleans Skyline PD  by Justin Watt  Justinsomnia - Spring Break New Orleans 2001
di Laura Landi

ph. credits: Justin Watt - NewOrleansOnline.com
“Well, come on ev’rybody / Take a trip with me / Well, down the Mississipi / Down to New Orleans” (ok, venite tutti/ fate un viaggio con me / giù lungo il Mississipi / Fino a New Orleans), così cantava nel 1960 Gary U. S. Bonds nella sua celebre canzone “New Orleans”, un vero e proprio invito a visitare la grande città della Louisiana, famosa in tutta il mondo come la culla della musica Jazz.
La città sorge sul delta del Mississipi, laddove il fiume sfocia nel Golfo del Messico. Il corso fluviale ha caratterizzato fortemente la città: sia dal punto di vista geografico (data la sua posizione New Orleans è stata raggiunta e piegata dall’Uragano Katrina nel 2005 e dall’Uragano Gustav nel 2008) che da quello culturale e psicologico. Il fiume infatti, nella storia, ha svolto un ruolo chiave per l’economia richiamando uomini da molte parti del mondo che si sono recate a New Orleans per lavorare.
New Orleans è stata fondata dai francesi e per questo è nota per l’architettura creola francese. Il nucleo storico della città è il quartiere francese, sede anche di bar, ristoranti e locali dove si può godere di ottima musica jazz, non per forza riservata ad intenditori, ma adatta ad ogni tipo di visitatore, di qualsiasi età. New Orleans è infatti una città ideale anche per le famiglie.
Sono numerose le attrazioni riservate ai più piccoli che permettono a genitori e bambini di passare qualche giorno alla scoperta di New Orleans, divertendosi.
L’itinerario parte sicuramente dal quartiere francese che, oltre ad essere conosciuto per la sua elegante architettura e ricca storia, è anche sede di grandi parchi e un acquario.

audobon park Audobon Zoo
La giornata inizia pertanto al giardino della farfalle e insettario di Audobon, adatto per le famiglie avventurose che amano la natura, e prosegue al grande Acquario di Audobon che vi svelerà la vita e i segreti di oltre 15mila creature marine. Dopo una mattinata così intensa ci si può rilassare a Jackson Square, dove è possibile fare un tour a bordo di una carrozza trainata da asini o semplicemente godere degli spettacoli dei numerosi artisti di strada.
Il giorno seguente potete passarlo interamente al quartiere dei musei dove troverete il Museo dei Bambini della Lousiana e il Museo nazionale della Seconda guerra mondiale. Il primo è dedicato ai bambini ma permette all’intera famiglia di divertirsi. Racchiude dozzine di mostre che coinvolgono il pubblico con giochi interattivi pensati per poter esplorare le materie scientifiche (matematica, biologia, fisica) e umanistiche (arte, storia, musica), sempre divertendosi. Il museo nazionale della seconda guerra mondiale, invece, è un must per gli amanti della storia e per i patrioti. Permette di fare un tuffo nel passato e rivivere le emozioni dei più importanti accadimenti della guerra: dalle battaglie nel Pacifico allo sbarco in Normandia.
Il quartiere dei giardini è la giusta scelta se volete trascorrere una giornata rilassandovi in mezzo alla natura. La prima attrazione cui dedicarsi è un viaggio nel caratteristico tram di St. Charles. Con solo 1,25 dollari a persona si può godere della vista dell’intero quartiere dei giardini lungo la St. Charles Avenue. Recatevi poi a Audobon Park per un giro a piedi o in bici sulla pista ciclopedonale e per un piacevole pic-nic. A poca distanza ecco l’Audobon Zoo, che vanta animali provenienti da tutto il mondo tra cui il rarissimo alligatore albino. Per terminare bene la giornata si consiglia inoltre di visitare il Mardi Gras World (il Mondo del Martedì grasso). New Orleans, infatti, è famosa per il suo Carnevale: tra fiumi di gente e musica gioiosa dozzine e dozzine di fantastici carri sfilano per le vie della città illuminati da luci al laser e fibre ottiche. Mardi Gras World è un posto in cui l’80% dei carri carnevaleschi sono visitabili durante tutto l’anno.

Louisiana Childrens Museum Louisiana Childrens Museum09
Se avete a disposizione ancora un giorno a New Orleans e se il meteo è dalla vostra, portate i vostri bimbi nella zona del lungomare, precisamente a City Park. Qui i vostri figli potranno visitare il Giardino Botanico e il Giardino delle Sculture, giocare a minigolf a City Putt, vivere alcune ore nel mondo delle favole a Storyland oppure fare un giro in barca sul Big Lake.
Oltre a parchi, zoo, acquari e musei per i vostri figli, New Orleans vanta numerosi jazz club per famiglie, dove grandi e piccoli, la sera, possono rilassarsi e cenare a suon di musica jazz. Anche la gastronomia di questa città della Lousiana meridionale vale la pena di essere provata: tra prelibatezze Cajun e Creole c’è l’imbarazzo della scelta per pranzo e per cena. Certo è che tra le tipicità della città si deve provare il crawfish etouffee, un classico della cucina Cajun, il gambero d’acqua dolce bollito servito con riso e salsa piccante.
New Orleans è una città dalle mille sfaccettature che si adatta ad ogni esigenza del visitatore e che vale la pena di
visitare a tutte le età.
Per saperne di più: www.neworleansonline.com 

 

Viaggio nel cuore verde dell’Emilia Romagna: l’Appennino bolognese

appennino bolognese
di Laura Landi

L’Appennino bolognese cela tra le sue verdi colline e monti alcuni caratteristici borghi che vale la pena di scoprire per una vacanza all’insegna del relax, immersi nella natura.
A pochi kilometri a sud di Bologna, ci si addentra nel cuore verdeggiante dello stivale italiano e si trova una vasta area collinare che, tra dolci curve e pendii, porta al susseguirsi di paesi ricchi di storia e di fascino come Pianoro, Monterenzio e Loiano, verso est, sulla strada Bologna – Firenze, e Marzabotto, Vergato e Porretta Terme verso ovest, sulla strada Bologna - Pistoia.
Pianoro è un bellissimo paesino panoramico che ospita, a 15 km dal suo centro abitato, il Monte delle Formiche, un monte isolato, raggiungibile sia in auto che a piedi, che offre scorci imperdibili sulle Valli dell’Idice e dello Zena.
Procedendo ancora più a sud, si trova Monterenzio, paese di origine medievale che conserva, di quell’epoca, il suo Castello e, nelle vicinanze, la Villa di Cassano e il borgo di Scaruglio.
Poco distante da Monterenzio si trova inoltre il Monte Bibele, importante luogo naturalistico che ospita uno dei musei più importanti d’Europa per la cultura celtica. È qui infatti che sono stati rinvenuti resti di un villaggio etrusco-celtico, risalente al IV secolo a.C. e tutt’oggi visitabile percorrendone i facili sentieri che lo attraversano ed è qui che trova casa il museo “Fantini” che custodisce i resti della necropoli.
A circa 5 km dagli scavi archeologici del Monte Bibele, ecco Loiano, dove si consiglia un’escursione serale al suo Osservatorio Astronomico. La struttura è dotata di due telescopi: uno degli anni ’30, posto in un edificio, e un altro più recente che si pone al secondo posto in Italia per dimensioni, in un altro edificio. Tra le due strutture corre un sentiero boschivo dove è stato realizzato il “Parco delle Stelle”: un parco astronomico con un planetario digitale, una sala per le proiezioni, una meridiana e una grande riproduzione del sistema solare. Sono numerose le visite organizzate all’Osservatorio per adulti, bambini, gruppi e scolaresche, ma particolarmente consigliate restano quelle serali che cadono periodicamente da fine maggio a settembre.
Se ci spostiamo più verso ovest, percorrendo la strada che da Bologna conduce a Pistoia,troviamo altri tre borghi interessanti: Marzabotto, Vergato e Porretta Terme.
Marzabotto è famosa per i ritrovamenti di un villaggio etrusco del VI – V secolo a.C. chiamato Misa. Qui il Museo archeologico custodisce interessanti oggetti provenienti dall’area archeologica.
Vergato sorge invece in una conca, poco distante dal fiume Reno. Sono visitabili numerose Case - Torri medievali e notevole è anche il Palazzo dei Capitani, attuale palazzo del Comune, con le sue forme tardo ottocentesche. A poca distanza da Vergato, si suggerisce un’escursione al “nucleo di Costonzo”, prima scuola medica medievale dell’Appennino bolognese che ora è un’area di architettura rustica fortificata.
Non si può infine lasciare questa splendida zona senza prima aver visitato Porretta Terme, al confine con la provincia di Pistoia. Si tratta di una città rinomata per le sue acque termali sulfuree, già note ai tempi dei romani. Qui sorgono numerosi centri benessere che, uniti alla possibilità di passeggiare nel verde dei colli e monti circostanti, si propone come luogo ideale per rilassarsi e rigenerarsi in mezzo alla natura. E se viaggiate con bambini, a soli 6 km dal centro storico sorge il Castello di Castelluccio che con il suo museo della fiaba saprà incantare tutta la famiglia.
L’intera zona dell’Appennino Bolognese propone un altro importante motivo per visitarla: la sua enogastronomia. Oltre ai prodotti tipici dell’Emilia Romagna, si trovano in alcuni borghi delle peculiarità che non è possibile lasciarsi sfuggire. La patata di Tolè di Vergato, per esempio, è rinomata per le sue proprietà organolettiche e per le tecniche di coltivazione che i contadini locali con il tempo hanno affinato. E se non volete gustare la patata in sé, gustatene i piatti della cucina locale che la utilizzano: tortelloni, gnocchi, timballi, zuppe, crocchette e budini. Porretta Terme, invece, è rinomata per il tartufo, sia bianco che nero, per le numerose varietà di funghi, e per le castagne, da cui viene ricavata la farina per i necci, le focaccine e le zampanelle e da cui viene fatta l’ottima birra Beltaine. Il pasto si conclude infine con i dolci tipici: il tortino di Porretta e gli zuccherini montanari.
I borghi dell’Appennino Bolognese offrono un viaggio intriso di storia, di sapori tradizionali e di suggestivi scorci naturalistici: il mix perfetto per un soggiorno all’insegna del benessere.

Per saperne di più:
www.appenninobolognese.net

 

Page 5 of 9

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Caterina Emma Colacello, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi,  Silvana Carminati, Rossella Barbetti.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information