Tutto sull’Istria: le isole, le coste, i parchi, e le città.

Category: Agora turismo Insight Published on 20 August 2015
Written by Super User

Premantura
di Laura Landi

Circa un’ora d’auto è il tempo che divide il confine croato da quello italiano, percorrendo brevemente la Slovenia. La prima regione della Croazia che si incontra, provenendo da nord, è l’Istria, una splendida penisola che cela piccole città ricche di storia, parchi naturali che si spingono fino alle coste per incontrare un mare freddissimo ma cristallino.
Tra le città che vi daranno il benvenuto non appena arrivati in Istria vi sono Salvore (Savudrija), Umago (Umag) e Cittanova (Novigrad). Ricche di ombreggiati e grandi campeggi dove poter sostare, queste cittadine si affacciano sul mare e permettono una vacanza all’insegna del relax e dello sport. E se vi va di visitare qualcosa di veramente insolito a Cittanova si trova il Museo delle Lapidi con una collezione - tra le più importanti della Croazia - di 93 pietre monumentali di età medievale; mentre Salvore conserva un faro alto ben 36 metri costruito nel 1818.
Proseguendo lungo la costa si incontra la dinamica Parenzo (Poreč). Il suo centro storico risalente all’epoca romana ma ricco di palazzi in stile gotico merita sicuramente una visita. Così come la basilica Eufrasiana, stupendo esempio di arte bizantina, annoverata tra i patrimoni tutelati dall’Unesco. Parenzo è inoltre una meta molto amata dagli sportivi, per le numerose attività acquatiche che permette di svolgere lungo le sue spiagge con Bandiera Blu. Anche di notte Parenzo non delude: oltre a numerosi bar e ristoranti, vi sono anche molti night club e discoteche per chi ama fare le ore piccole.   
Rovigno Rovigno centro storico
A circa 35 km da Parenzo ecco Rovigno (Rovinji), una cittadina che incanta per i suoi colori, per come la luce rimbalza sugli edifici che cingono le strette vie creando un’atmosfera dorata; per le piccole botteghe colorate e i negozi di souvenir, per l’intimità che si respira camminando per il suo centro storico. La passeggiata per Rovigno non può non sfociare sul colle dove giace la Chiesa di S. Eufemia. La tradizione dice che il sarcofago della Santa arrivò dal mare a Rovigno verso l’800 e la popolazione sente molto il culto di “Fuma” (così gli istriani chiamano Eufemia) al punto che la sua festa a metà settembre è tra le più importanti dell’Istria. Rovigno preserva inoltre splendide spiagge sulle sue coste rocciose e una riserva ornitologica, la baia di Palù, che è habitat di oltre 200 tipi di uccelli.
Prima di giungere a Pula, la città più importante dell’Istria, è bene fermarsi a Fasana (Fazana) per imbarcarsi in traghetto alla volta delle Isole di Brioni (Brijuni). Le isole sono un concentrato di bellezza: siti storici, aree archeologiche, grandi parchi, animali selvatici (ma recintati) e acque cristalline che lambiscono le piccole ma ariose spiagge di sassi bianchissimi. Le isole furono la residenza di vacanza preferite dall’imperatore jugoslavo Tito, che ne lascia tutt’oggi traccia con un museo a lui dedicato e il Parco Safari che conserva alcuni animali che gli vennero regalati tra cui un elefante indiano donatogli da Indira Gandhi. Brioni Maggiore, l’isola più grande dell’arcipelago, si può visitare con un tour guidato che attraversa l’isola con un trenino permettendo così di vedere gli animali del parco, di percorrere le strade costeggiate da splendide piante mediterranee, di fermarsi a visitare la Chiesa di Santa Maria del XIII secolo e le rovine di un castello bizantino. Il clou del tour sono tuttavia le rovine di due ville romane, proprio affacciate sul mare. A questo punto la tentazione di dividersi dal resto del gruppo per godersi il panorama che il parco nazionale delle isole offre è molto forte. Perché fare il bagno nelle acque trasparenti dell’isola con alle spalle un’area archeologica è veramente un’esperienza emozionante ed unica. Permette di sentirsi in un connubio perfetto con la natura circostante, come se le isole fossero quell’angolo di mondo che aspetta solo di essere scoperto da te.
Dopo una giornata rigenerante alle isole di Brioni, si può passare a visitare la vicina città di Pola (Pula).

Pula Pula arena
Città romana, Pola conserva: l'Arco dei Sergi del primo secolo prima di Cristo, Porta Ercole e Porta Gemina, il Tempio di Augusto, l’Arena e il piccolo teatro romano in centro città. L’Arena è il monumento più famoso della città. Costruita da Vespasiano nel I secolo d. C., veniva utilizzata per i combattimenti dei gladiatori e, successivamente, in epoca medievale, per fiere e tornei. Oggi è sede di numerosi grandi eventi come concerti, festival cinematografici, la stagione operistica ecc. Non si può inoltre non fermarsi al Foro Romano che mantiene la funzione di ritrovo fin dai tempi dell'imperatore Augusto. Ma Pola non è solo cultura, è anche 190 km di costa frastagliata con spiagge adatte a tutte le età: da quelle su lastre di pietra alle baie più nascoste e verdi dove ci si può stendere sui ciottoli e godere comunque sempre dello stesso splendido mare.
Se vi spingete una decina di chilometri a sud di Pola, arriverete fino al golfo di Medolino (Medulin). Il mare perfettamente pulito, la ricca offerta e il clima mite fanno di Medolino una delle più belle destinazioni turistiche in Istria per le vacanze in famiglia. Dall’altra parte del golfo di Medolino si trova Premantura, immersa nel verde e con spiagge molto ventose lo rende il luogo perfetto per gli amanti del surf. Premantura si trova nella Punta Kamenjak, un parco sotto tutela che vanta 30 chilometri di costa frastagliata. In quest' area crescono 530 specie di piante di cui 20 specie di orchidee. Le auto e le moto per entrare nel parco pagano una piccola cifra e possono poi percorrere un’infinità di strade sterrate che conducono a numerose baie. Qui ci si trova nella natura meno esplorata: le baie non sono attrezzate, nessun bar o noleggio di attrezzature balneari. Qui vi è solo l’indispensabile: la terra verdissima su cui poggiamo, il mare con i suoi abitanti dinanzi a noi e il cielo sopra. Nient’altro di cui avere bisogno, niente di meglio da desiderare.

Per saperne di più:
www.istra.hr

Eductour stampa turistica

eductours

Related articles

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Luisa D’Avino, Caterina Emma Colacello, Elisabetta Longhi, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi, Laura Celotto, Silvana Carminati.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information