Museo Etnografico di Val Trebbia: Cultura di storia e del futuro di Franco Colacello

Category: Agora turismo Insight Published on 22 July 2013
Written by Super User

museo valtrebbia


Il Museo Etnografico di Val Trebbia appartiene a quella nuova generazione di esposizioni aperte al pubblico che hanno permesso e promosso una nuova attenzione diffusa per l’Istituzione Museo.
Da anni in crisi d’identità e di fruizione pubblica, i musei in generale, trovano, verso la fine dello scorso millennio, nuova linfa propositiva nei confronti dell’opinione pubblica e da questa una nuova sensibilità e curiosità culturale.
Motivo del risveglio d’interesse nei confronti dell’Ente museale è sicuramente la riproposizione di una nuova rappresentanza ideale per la collettività, per il territorio e per la sua economia di risorse naturali, artistiche, d’intrapresa e di cultura diffusa. Altre si è la variegata ed opportuna offerta di nuovi, interessanti e popolari testimonianze musealizzate , rese accessi ai più sia logisticamente che economicamente.
Dal concetto proprio del diciannovesimo secolo, del bello estetico, si è approdati a due diversi aspetti contemporanei da un lato all’approccio, in realtà non originalissimo in quanto tipico di raccolte private del  cinque-seicento.
Dall’altro il concetto, squisitamente novecentesco, strettamente bellegato  all’importanza propria del bene culturale in quante testimonianza di civiltà. Testimonianza che può intrecciarsi tra gli aspetti i più disparati, quale ad esempio i valori artistici, storici, etnici, di tradizione liturgici ed anche le caratteristiche tecniche del bene-oggetto. In questo contesto notevole sviluppo ha ottenuto il settore Etnografico locale, acquistando un importante ragione d’essere.
Nello specifico contesto della Val Trebbia il mondo tradizionale, sopravvissuto per molti aspetti fino all’immediato secondo dopo guerra, legato al perdurare di una economia contadina, a subito successivamente una rapida trasformazione.
La Val Trebbia vanta e dintreccia tra loro la forte Natura solo parzialmente modificata, dal uso agricolo di alcuni terreni e una tradizione culturale pari a poche altre nel mondo. L’Abbazia di S. Colombano è stata al centro, tra l’altro, della nascita e della diffusione dell’agricoltura in Europa.
Ecco le ragioni di un Museo Etnografico Val Trebbia le cui collezioni sono caratterizzate anche dalla presenza di oggetti che racchiudono le caratteristiche di utilità ed artisticità. Pialle del seicento riccamente intarsiate, cavatappi dell’ottocento arricchiti con altorilievi, macchine agricole che possono essere tranquillamente assimilate a sculture d’arte moderna oppure d’installazioni.
Il Museo Etnografico non è affatto statico, ma nella nuova concezione di centro creativo, propone oltre alla testimonianza della storia identitaria locale anche una serie di eventi culturali quali mostre artistiche e corsi residenziali sui beni e sulle attività culturali.
Il museo offre anche la possibilità di trascorrere dei soggiorni particolari con la formula bed& breakfast, la famiglia Magistrati, proprietaria da secoli del piccolo Borgo che ospita il museo,  consiglia la prenotazione per poter offrire al meglio  la particolare accoglienza.


Informazioni: 
tel.0523 937705 e 347 9694873
Fax.0523 937138 e 035 363048
www.museoetnograficovaltrebbia.it-  museoetnograficoibero.it
www.bedbreakfastalmuseo.it –  www.agricolamagistrati.it
quando venire a trovarci:
il Museo è visitabile da maggio a settembre nei giorni festivi e prefestivi  dalle ore 9.00 alle 19.00. nel mese di agosto siamo sempre aperti. Negli altri mesi è possibile la visita tramite prenotazione anche in altri giorni feriali per gruppi di almeno 10 persone.
Come raggiungerci:
da Milano: autostrada A1 > Piacenza sud > statale 45 Bobbio- Genova  Val Trebbia.
da Bergamo: statale Crema> codogno>piacenza.
Da Piacenza: Statale45 Bobbio-Genova Val Trebbia per ca 35 km > svoltare a sinistra per bivio Cassolo> seguire le indicazioni Museo Etnografico Val Trebbia.


 Per assaporare al meglio le specialità della Val Trebbia si consiglia:
Ristorante Bar Giardino: Piazza san Francesco, 1 - 29022 - Bobbio (PC)
I Cacciatori: Via porta agazza, 9 - 29022 - Bobbio (PC)

Eductour stampa turistica

eductours

Related articles

Redazione Agorà Turismo

Agorà Turismo - on line magazine 
Testata giornalistica registrata al Tribunale di Bergamo – I
N° 02 del 01 febbraio 1990

Direttore responsabile:
Giuseppe Venuti

Direttore editoriale:
Monica Piana

In redazione
Giovanna Fidone, Avvocato Maria Carmina Gallucci, Luisa D’Avino, Caterina Emma Colacello, Elisabetta Longhi, Romina Liuzza, Laura Cavalieri Manasse, Laura Landi, Laura Celotto, Silvana Carminati.

Editore:
FOCOPI, associazione culturale dal 1994,
Iscr. Registro ex L.R. 28/96 Regione Lombardia F.2 n.7 Sez.B Cultura

C.F.: 95083990168

Scarica la nostra applicazione:

GOOGLE PLAY APP STORE



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information